BORSA del BRASILE +36% da inizio 2022: la Banca Centrale non tocca i tassi

La borsa di San Paolo continua a stupire. Ieri sera l'indice Bovespa ha chiuso in rialzo di quasi il +2%, ampliando la performance da inizio anno per chi investe dall'Eurozona a uno spettacolare +36%, che non trova confronti nel resto del mondo. 

In controtendenza rispetto a gran parte delle altre banche centrali, il Comitato di politica monetaria della Banca centrale brasiliana (Copom) ha deciso mercoledì di mantenere invariato il tasso d’interesse di base Selic al 13,75%, ponendo fine a una serie di dodici aumenti consecutivi iniziati nel 2021 con l’obiettivo di ridurre l’inflazione.

In un comunicato, il Copom ha dichiarato di aver seguito le aspettative del mercato, ma che rimarrà vigile, verificando la strategia di mantenere il tasso d’interesse di base invariato per un periodo sufficientemente lungo, prevedendo di garantire la convergenza dell’inflazione verso l’obiettivo ufficiale, riporta MercoPress.

Il Copom dovrebbe riunirsi nuovamente tra un mese per monitorare il tasso di base e non esiterà a tornare al ciclo di aggiustamento se l’inflazione non si placherà.

Tuttavia, da segnalare, che la decisione non è stata presa all'unanimità: a dimostrazione del grado di incertezza, è emerso che due dei nove membri del Copom hanno votato per un aumento ulteriore di 25 punti base, secondo il comunicato ufficiale.

Il Copom ha aumentato il tasso Selic per dodici volte consecutive dal marzo 2021, quando il tasso di base era al minimo storico del 2%, per stimolare i consumi e gli investimenti nel bel mezzo della pandemia. L’attuale tasso del 13,75% è il più alto dal gennaio 2017. 

Le ultime news sulle Elezioni del 2 ottobre. 

A meno di due settimane dall’appuntamento alle urne, l'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva, al governo dal 2003 al 2010 e nuovamente candidato, continua a godere di un ampio vantaggio sull'attuale capo dello Stato, Jair Bolsonaro, con il 45% delle intenzioni di voto contro il 33%. 

Analisi Tecnica. L'indice Bovespa conserva una impostazione rialzista di fondo e si muove non troppo lontano dal suo record storico, a differenza di molti altri listini mondiali. Si noti, che l'indice espresso in Euro (secondo grafico) incontra una prima resistenza in area 23.800 punti e un ostacolo di valenza crescente a 26.140 punti.    

Operatività. Siamo ottimisti sulle prospettive di lungo periodo della borsa. Sfruttare lo scenario per costruire posizioni di lungo periodo: si può accompagnare il movimento con acquisti, anche a prezzi di mercato, stando pronti a incrementare sulla forza alla prima chiusura sopra 114mila punti sul primo grafico. Il target naturale è in direzione dei top assoluti. Stoppare prudenzialmente in caso di discesa sotto 100mila punti.

 

Per investire sul Brasile con la massima diversificazione è disponibile a Piazza Affari il seguente ETF: 

Franklin Ftse Brazil Ucits - Usd (Acc)
Isin: IE00BHZRQY00 
Da inizio 2022  +34,20%. 
L'ETF investe in azioni di grande e media capitalizzazione in Brasile e mira a replicare il più fedelmente possibile la performance dell'indice FTSE Brazil 30/18 Capped. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Costi di gestione 0,19% competitivi, gli altri quattro ETF specializzati sul Brasile quotati a Milano hanno costi che vanno dallo 0,55% allo 0,74% all'anno. Leggi il documento KID.

Gli indici FTSE Russell UCITS Capped sono ponderati per la capitalizzazione di borsa e progettati per limitare la concentrazione in ogni singola azione nel rispetto dei requisiti di diversificazione richiesti dall'Unione Europea (UCITS). In particolare, l'indice Capped FTSE Brazil 30/18 rappresenta la performance delle società medio/grandi quotate sulla borsa brasiliana. Per evitare una concentrazione eccessiva in ogni singola azione, il peso di ciascun componente è limitato ogni trimestre di modo che quello della più grande azienda non superi il 30% e l'eventuale peso delle altre aziende non superi il 18%. La segmentazione settoriale vede al primo posto Financials 32%, seguiti da Materie di base 15%, Oil 13%, Consumer 13%. I primi dieci titoli presenti sono in ordine di peso: 

 

www.websim.it