BORSA del BRASILE +2,30% La Banca Centrale taglia le stime sull'inflazione

Nelle americhe, ieri si è messa in luce la borsa di San Paolo, indice Bovespa +2,3%.

In controtendenza rispetto a gran parte del resto del mondo, la Banca centrale, nel suo consueto bollettino settimanale basato sull'analisi dei mercati finanziari, prevede un ulteriore taglio dell'inflazione nel 2022. Ora la stima è pari al +6,0%, tasso inferiore dello 0,4% rispetto alla proiezione della scorsa settimana, nonchè il 12/o calo consecutivo. 

Il risultato fa leva sui dati ufficiali dell’inflazione presentati dall'Istituto brasiliano di geografia e statistica (Ibge), i quali hanno mostrato una riduzione dello 0,68% a luglio e dello 0,36% ad agosto grazie alla diminuzione del prezzo dei combustibili favorito dalla nuova politica dei prezzi della compagnia petrolifera statale Petrobras. 

Allo stesso tempo, il rapporto Focus prevede ora una crescita del +2,65% del Pil, contro una stima del +2,39% indicata lunedì scorso.

Il Bovespa, l'indice delle principali blue chip della Borsa di San Paolo, si conferma tra i migliori del mondo con un progresso del +31% in Euro.

Le ultime news sulle Elezioni del 2 ottobre. 

Il presidente, Jair Bolsonaro, ha dichiarato di essere sicuro di "vincere al primo turno" le elezioni di ottobre a meno che non accada qualcosa di "anormale" al Tribunale superiore elettorale (Tse). "Se non ottengo il 60% dei voti, significa che è accaduto qualcosa di anormale nel Tse", ha ribadito il capo dello Stato. Da quando è al governo, il leader di destra ha ripetutamente espresso i suoi sospetti sul regolare funzionamento delle urne elettroniche, sostenendo che possano essere soggette ad attacchi telematici e che il risultato possa essere manipolato.

Stando all'ultimo sondaggio di Datafolha, il presidente in carica Jair Bolsonaro è dato al 33% contro il 45% del rivale Ignacio Lula da Silva.  Datafolha ha condotto il suo sondaggio su un campione di 2.676 elettori in 191 città del Paese con un margine di errore di +/-2 punti.

Analisi Tecnica. L'indice Bovespa ha segnato i massimi storici a giugno 2021 in area 131mila punti. Il ritracciamento successivo ha riportato il valore sui minimi da ottobre 2020, prima di avviare il bel rimbalzo tuttora in corso. La riconquista di quota 100mila punti ha fornito un forte segnale di riequilibrio. Segnali di spinta arriverebbero alla rottura della parte alta del canale decrescente sotto evidenziato nel primo grafico. 

Si noti, al contrario, che la tendenza dell'indice espressa in Euro (secondo grafico) è saldamente rialzista a partire dai minimi del 2020, per effetto della contemporanea rivalutazione del Real, e punta alla resistenza in area 23.800 punti.    

Operatività. Siamo ottimisti sulle prospettive di lungo periodo della borsa. Sfruttare lo scenario per costruire posizioni di lungo periodo: si può accompagnare il movimento con acquisti, anche a prezzi di mercato, stando pronti a incrementare sulla forza alla prima chiusura sopra 114mila punti sul primo grafico. Il target naturale è in direzione dei top assoluti. Stoppare prudenzialmente in caso di discesa sotto 100mila punti.

 

Per investire sul Brasile con la massima diversificazione è disponibile a Piazza Affari il seguente ETF: 

Franklin Ftse Brazil Ucits - Usd (Acc)
Isin: IE00BHZRQY00 
Da inizio 2022  +31,0%. 
L'ETF investe in azioni di grande e media capitalizzazione in Brasile e mira a replicare il più fedelmente possibile la performance dell'indice FTSE Brazil 30/18 Capped. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Costi di gestione 0,19% competitivi, gli altri quattro ETF specializzati sul Brasile quotati a Milano hanno costi che vanno dallo 0,55% allo 0,74% all'anno. Leggi il documento KID.

Gli indici FTSE Russell UCITS Capped sono ponderati per la capitalizzazione di borsa e progettati per limitare la concentrazione in ogni singola azione nel rispetto dei requisiti di diversificazione richiesti dall'Unione Europea (UCITS). In particolare, l'indice Capped FTSE Brazil 30/18 rappresenta la performance delle società medio/grandi quotate sulla borsa brasiliana. Per evitare una concentrazione eccessiva in ogni singola azione, il peso di ciascun componente è limitato ogni trimestre di modo che quello della più grande azienda non superi il 30% e l'eventuale peso delle altre aziende non superi il 18%. La segmentazione settoriale vede al primo posto Financials 32%, seguiti da Materie di base 15%, Oil 13%, Consumer 13%. I primi dieci titoli presenti sono in ordine di peso: 

 

www.websim.it