Henkel: una scelta incerta per il futuro

Quando abbiamo parlato di Henkel lo scorso anno, l'azienda si stava preparando per una fusione interna ancora incerta che avrebbe combinato le divisioni Laundry & Home Care e Beauty Care in Consumer Brands. Nonostante un breve rally nella primavera del 2023, le azioni di Henkel sono rimaste stabili e alcuni dei suoi concorrenti continuano ad essere scelte migliori.

La fiducia degli investitori è ancora bassa poiché il prezzo delle azioni è lontano dai massimi del 2017. Dopo l'uscita anticipata di Rorsted, Hans Van Bylen ha dovuto prendere il suo posto ma ha dovuto lasciare il suo incarico prima del previsto. Il CFO Carsten Knobel ha ereditato una situazione difficile proprio prima della pandemia e ha avviato l'agenda di crescita intenzionale.

L'agenda di crescita intenzionale comprende misure di riduzione dei costi e la cessione di alcune divisioni. Tuttavia, la redditività è diventata un problema negli ultimi anni e le divisioni Laundry & Home Care e Beauty Care hanno visto calare i margini. La fusione interna tra queste divisioni è stata una scelta discutibile e il piano di risparmio di costi potrebbe non essere sufficiente a migliorare la redditività.

Henkel ha un'agenda ambiziosa per diventare un'azienda a impatto climatico positivo entro il 2040, ma attualmente il suo punteggio ESG è basso e c'è ancora molto lavoro da fare per raggiungere gli obiettivi. La valutazione attuale di Henkel si basa sulla speranza che l'agenda di crescita aumenti la redditività di Consumer Brands e che i risparmi di costi previsti si concretizzino. Tuttavia, ci sono ancora molte incertezze e il potenziale di crescita del 14% potrebbe non essere così interessante.


Gli Analisti Finanziari di Websim