Record per le borse italiane e spagnole nel 2023

Le borse italiane e spagnole hanno raggiunto i massimi degli ultimi anni giovedì, dopo un rally di oltre il 20% che le ha posizionate tra gli indici più performanti in Europa.

L'indice FTSE MIB di Milano ha raggiunto il suo massimo dal giugno 2008 giovedì, due settimane dopo che l'agenzia di rating Moody's ha migliorato le prospettive del debito del paese a stabili.

Alle 12:04 GMT, è salito dello 0,4% nella giornata, portando i guadagni dall'inizio dell'anno a quasi il 26%.

L'IBEX di Madrid ha raggiunto il suo massimo dal maggio 2018 dopo un rally di quasi il 23% nel 2023. Era in rialzo dello 0,3%.

Entrambe le borse di Milano e Madrid hanno beneficiato delle azioni bancarie, che hanno registrato migliori profitti e resoconti più solidi grazie all'aumento dei tassi di interesse.

 Moody's ha lasciato il rating italiano a Baa3, un gradino sopra la spazzatura, ma ha migliorato le prospettive da negative a stabili, in un inaspettato sostegno al governo del primo ministro Giorgia Meloni.

L'agenzia di rating ha dichiarato che l'upgrade riflette una stabilizzazione delle prospettive per la forza economica dell'Italia, la salute del suo settore bancario e la dinamica del debito di Roma.

In Spagna, il parlamento ha votato per fare di Pedro Sanchez primo ministro per un altro mandato all'inizio di novembre, ponendo fine a una situazione di stallo durata quattro mesi dopo le inconcludenti elezioni generali di luglio.

LE BANCHE IN TESTA AI GUADAGNI

Le banche italiane sono salite del 40% quest'anno, con UniCredit in testa con un aumento dell'89%. Tra i migliori performer italiani ci sono anche il gruppo di difesa Leonardo e il produttore di auto di lusso Ferrari, entrambi in aumento del 66% quest'anno.

Lo STOXX 600 europeo è in aumento dell'8,6% nel 2023.

In Spagna, il rally di novembre ha riportato l'IBEX sopra i livelli pre-pandemia per la prima volta questa settimana, dopo aver superato la soglia chiave dei 10.000 punti. L'indice è ancora lontano dal suo record storico di quasi 16.000 punti, stabilito nel novembre 2007. 




Leggi gli articoli della categoria
Economia
Clicca qui