INDICE S&P500 - Gestori mai così sottopeso dal 2005. L'Analisi Tecnica a WallStreet

FATTO
L'indice S&P500 ha avviato il 2023 con un guadagno del +4,20%, confrontabile con la perdita intorno al -20% registrata l'anno scorso.

Dopo tre anni consecutivi di rendimenti positivi, l'indice di riferimento del mercato azionario statunitense ha messo a segno la peggior performance annuale dal 2008, a causa della guerra in Ucraina e dell'esplosione dell'inflazione, cresciuta al ritmo più elevato degli ultimi 40 anni, evento che ha provocato la reazione estremamente aggressiva della FED. 

Secondo una indagine condotta da Bank of America , gli investitori istituzionali hanno raggiunto sulla Borsa di Wall Street il livello di sottopeso più basso dal 2005, poiché preferiscono dirottare l'interesse verso aree geografiche considerate più economiche.

Il dato emerge da un sondaggio condotto dal 6 al 12 gennaio tra 253 gestori di fondi con 710 miliardi di dollari di asset in gestione. 

Gli strateghi guidati da Michael Hartnett hanno scritto in una nota che i partecipanti al sondaggio di gennaio sono "molto meno ribassisti" rispetto al sondaggio condotto nel quarto trimestre e manifestano una preferenza per i mercati emergenti, l'Europa e le azioni cicliche, ma una certa ritrosia nei confronti di farmaceutici, tecnologia e Stati Uniti. 

L'allocazione sulle azioni statunitensi è "crollata" durante il primo mese del 2023, con gli investitori che hanno raggiunto un 39% di sottopeso su questa asset class, un dato che supera il 15% di sottopeso del Regno Unito.

Sia gli investitori che alcuni dei migliori strateghi si stanno scaldando sui mercati azionari a livello globale grazie all'ottimismo generato dal raffreddamento dell'inflazione e dalla riapertura della Cina. Lo stesso Hartnett ha detto di "comprare a livello globale" prima di questo mese.

Le azioni europee stanno estendendo la loro sovraperformance rispetto agli Stati Uniti a fronte di valutazioni convenienti,
mentre quest'anno i mercati emergenti hanno superato l'S&P500, entrando in un bull market, a seguito del rally delle azioni cinesi.

A dire il vero, però, i gestori di fondi continuano a sottopesare le azioni globali alla luce dei persistenti rischi per la crescita economica, mentre restano in sovrapeso di liquidità e obbligazioni con la prospettiva che l'aver raggiunto il picco dell'inflazione possa spingere verso il basso i tassi nel breve termine. 

I partecipanti al sondaggio hanno anche affermato per la prima volta da marzo 2020 che la politica monetaria è troppo restrittiva. Si aspettano che la Federal Reserve porti i tassi a un livello di picco del 5% nel secondo trimestre.

Anche se il 50% degli intervistati si aspetta ancora una economia più debole nei prossimi 12 mesi, l'outlook sulle prospettive di crescita globale è ora il meno pessimista da un anno grazie all'abbandono da parte della Cina della sua politica zero Covid.

EFFETTO
Analisi Tecnica. Il quadro grafico di lungo periodo dell'S&P500 si conferma ancora rialzista, malgrado le diffuse turbolenze. Rischi di inversione del trend si verificheranno solo con la discesa sotto quota 3.500 punti, area lambita nel corso della caduta di settembre/ottobre. Il cedimento di questo livello rischierebbe infatti di proiettare nuovi minimi intorno a 3mila/2.900 punti. 

La ripartenza, avviata da una soglia discriminante di estrema valenza grafica, ha riportato i valori a ridosso delle medie mobili di medio periodo, che transitano verso 4.048/4.203 punti, senza però invertire il trend ribassista di breve. Indicazioni in tal senso si vedranno solo con la violazione di area 4.200/4.300 punti. 

Operatività. Si suggerisce di sfruttare sistematicamente le discese nel range 3.600/3.500 punti per comprare sulla debolezza. Incrementare alla prima chiusura sopra 4.300 punti. Applicare uno stop loss alla prima chiusura sotto 3.500 punti per riposizionarsi con gli ingressi verso area 3mila. 

 

Diverse le opportunità presenti su Borsa Italiana per replicare l'andamento dell'indice S&P500 in ottica speculativa e di lungo termine. 

ETP WisdomTree S&P500 3x Leverage Daily (EUR)
Isin: IE00B7Y34M31 
L'ETP WisdomTree S&P500 3x Leverage Daily punta a recplicare la performance giornaliera netta dell'indice S&P500 moltiplicata per 3 e aggiustata per i costi inerenti per mantenere la posizione a leva. Leggi il documento KID.

ETP WisdomTree S&P500 3x Short Daily (EUR)
Isin: IE00B8K7KM88 
L'ETP WisdomTree S&P500 3x Short Daily punta a replicare la performance giornaliera netta inversa (SHORT) dell'indice S&P500 moltiplicata per 3 e aggiustata per i costi inerenti per mantenere la posizione a leva. Leggi il documento KID.

Il seguente ETF consente di andare al rialzo in ottica di lungo periodo tenendo aperto il rischio cambio euro-dollaro
Spdr S&P 500 Ucits  
Isin: IE00B6YX5C33 
Performance da inizio 2023: +3,60%
L'ETF punta a replicare l'andamento dell'indice S&P500 e costituisce una opportunità per investire sui titoli statunitensi a larga capitalizzazione con un'alta diversificazione. Commissioni totali annue 0,09%. Valuta di denominazione USD. Quotazione in EURO. Distribuisce un dividendo trimestrale. Leggi il documento KID.

Il seguente ETF consente di andare al rialzo in ottica di lungo periodo senza leva coprendo il rischio cambio euro-dollaro
Spdr S&P500 Eur Hedged Ucits Etf (Acc)
Isin: IE00BYYW2V44 
Performance da inizio 2023: +4,60%
L’obiettivo consiste nel replicare il rendimento delle società ad alta capitalizzazione dell'indice S&P500 con la copertura del rischio cambio Euro-Dollaro. Commissioni totali annue 0,12%. Non distribuisce dividendi. Valuta di denominazione Euro: le azioni della Categoria EUR Hedged sono emesse in Ruro. Leggi il documento KID.  

Per investire sulle azioni dell'S&P500 meno volatili. 
Spdr S&P500 Low Volatility Ucits 
Isin IE00B802KR88 

Performance da inizio 2023: +1,0%
L'ETF punta a ridurre il profilo di rischio replicando il rendimento dell'indice S&P500 Low Volatility ovvero delle grandi società statunitensi che hanno evidenziato storicamente una bassa volatilità. A sua volta, l'indice S&P500 Low Volatility misura il rendimento delle 100 azioni meno volatili che compongono l'Indice S&P500. La volatilità si misura in base alla deviazione standard dei rendimenti dei prezzi giornalieri di un titolo nei precedenti 252 giorni di negoziazione. Valuta di denominazione USD. Non distribuisce un dividendo. Commissioni totali annue 0,35%. Leggi il Documento KID.

Nella Tabella allegata l'elenco dei primi cinque titoli dell'indice S&P500.

 


www.websim.it