WALLSTREET SALE, TIMORI SULLA DOMANDA DI PETROLIO, -4%

La borsa degli Stati Uniti sale in una seduta di scadenze tecniche. Indice S&P500 +0,5%. Nasdaq +0,2%. 
Oggi scadono opzioni per un ammontare di 2100 miliardi di dollari, un elemento che potrebbe falsare in parte la giornata.

Dati macroeconomici. 

Vendite di case esistenti in ottobre a 4,43 milioni, in calo (circa -300mila unità) per il nono mese consecutivo e sul livello più basso da maggio 2020. Il consensus si aspettava 4,40 milioni. Mese su mese, il calo è stato del -5,90%, le attese erano a -6,6%. 

L'indicatore principale è risultato in calo del -0,80%, era atteso in calo dello 0,4%. Rivisto in peggio a -0,50% da -0,4% il dato precedente di settembre.

Titoli

Tra i tech, Apple +0,8%. Netflix -1,5%.

Amazon +0,5%. L'amministratore delegato Andy Jassy, ha annunciato in una comunicazione interna che i licenziamenti continueranno anche nel 2023, ha scritto stanotte il Wall Street Journal.  "L'economia rimane in una situazione difficile e noi abbiamo assunto rapidamente negli ultimi anni", ha sottolineato Jassy. Nella nota interna non ci sono indicazioni numeriche.

Scendono le società dell'energia. Halliburton -4%.

Walgreens Boots +1,5%. JP Morgan alza il giudizio a Overweight da Neutral, target price a 42 dollari. La scorsa settimana il titolo della società che controlla una importante catena di farmacia, oltre ad altre attività in ambito sanitario, era stato promosso da Deutsche Bank. 

Applied Materials +2%. Il produttore di macchinari per la realizzazione dei semiconduttori ha detto di aspettarsi per il trimestre in corso un fatturato di almeno 6,3 miliardi di dollari, fino ad un massimo di 7,1 miliardi, il consensus era 6,33 miliardi. Gli analisti temevano che gli effetti dei lockdown in Cina sarebbero stati molto più pesanti.

In Europa

FtseMib +1%. Dax di Francoforte +0,9%. EuroStoxx 50 +0,8%.

La Bce ha comunicato che le banche hanno rimborsato fondi TLTRO per poco meno di 300 miliardi, la metà di quel che si aspettava il consensus. “Nel contesto attuale, e riconoscendo che i tassi di interesse rimangono lo strumento più efficace per definire la nostra posizione politica, è opportuno che il bilancio sia normalizzato in modo misurato e prevedibile". Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde parlando allo European Banking Congress.

Macrovariabili

Il petrolio Brent e WTI perde il 4%. La settimana dovrebbe chiudersi con un ribasso nell'ordine del -10/-12%.

Oro -0,4%.

Il mercato obbligazionario si avvia a chiudere una settimana positiva, confortato dagli ultimi dati di rallentamento dell'economia USA. Treasury Note a dieci anni a 3,78%. Bund decennale tedesco a 2,02%, verso la seconda settimana positiva di seguito. Btp decennale a 3,89%: per il benchmark del comparto italiano, il guadagno in termini di prezzi supera il +2,50%. 

Cross Euro Dollaro a 1,033. Settimana quasi piatta per ora.

Bitcoin tiene le posizioni, a 16.823 (+1%). 

Titoli Piazza Affari

Lunedì prossimo staccheranno il dividendo o l'interim dividend otto blue chip. Approfondimento nella rubrica Fatti & Effetti.

CNH +2,7%. Tim +0,1%. Saipem +2%. Eni +1,5%. Enel +1,5%. Iveco +3%..Terna +2%. A2A +2% ha comunicato che l’aggiornamento di Piano Industriale 2021- 2030 sarà presentato il 23 novembre 2022.

www.websim.it 




Leggi gli articoli della categoria
Oggi in Borsa
Clicca qui