TITOLI SOTTO LA LENTE PRIMA DELL'APERTURA

All’indomani di una seduta di bonaccia a Wall Street, le borse dell’Asia Pacifico sono contrastate. Il mercato azionario dell’Europa dovrebbe aprire in rialzo. Il future dell’indice EuroStoxx50 guadagna lo 0,4%.

Il Nikkei di Tokyo perde lo 0,3%, bilancio provvisorio del mese, +1,3%. Hang Seng di Hong Kong +0,2%, per l’indice di riferimento della borsa della ex colonia inglese, novembre si sta per chiudere con un rialzo di oltre il +24%. CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen +0,3%, +10% circa il mese. Taipei di Taiwan +0,8%, +14,5% il mese. Kospi di Seul +1% (+17%). BSE Sensex invariato (+3%).

In Giappone la produzione industriale è scesa in ottobre del 2,6% mese su mese, il dato preliminare è peggiore delle aspettative. Stesso trend, da ricondurre alla perdita di potenza della Cina, per la produzione industriale della Corea del Sud, scesa il mese scorso del 3,5%: il consensus si aspettava -1%. L’indicatore è sui minimi da maggio del 2020.

I primi dati di novembre sull’attività economica della Cina documentano la frenata in corso. L’indice PMI manifatturiero è sceso a 48 da 49,2: gli economisti si aspettavano una conferma del dato di ottobre. Ancora peggio il PMI non manifatturiero, sceso a 46,7 da 48,7, a fronte di un consensus a 48,0.

A guidare l’economia della Cina saranno anche nelle prossime settimane le politiche di contenimento del contagio, ieri le autorità sanitarie hanno annunciato l’avvio di una campagna di vaccinazioni per gli anziani che secondo gli analisti della politica cinese dovrebbe essere il primo passo di un cambio dell’impostazione strategica di Pechino sulla pandemia.

Ieri a Wall Street l’S&P500 ha chiuso in ribasso dello 0,2%, il Nasdaq dello 0,6%.  Dow Jones invariato.

A mettersi in luce, a livello settoriale, il Real Estate. Amazon ha perso l’1,3% nel giorno del collocamento di un bond da 8,25 miliardi di dollari.

I future sono leggermente positivi.

Il momento cruciale dell’ultima seduta del mese è stasera alle 19.30, quando Jerome Powell interviene ad un evento a Washington. Le ultime dichiarazioni dei membri del board della banca centrale si possono sintetizzare in un monito: attenzione a dare come sicuro lo stop al rialzo dei tassi. Il vice di Powell, John Williams, ha precisato che non si parla di taglio tassi prima del 2024. 

Il Treasury Note a dieci anni tratta a 3,72%, da 3,69% di ieri.

Bund decennale tedesco a 1,91%, -6 punti base. BTP a 3,81%. Ai prezzi di ieri sera, il future Bund chiude il mese con un rialzo di quasi il 2%, primo segno più nella performance mensile dopo i segni meno di agosto, settembre ed ottobre. 

Il dollar index è in lieve calo a 106,5, novembre dovrebbe chiudersi con un calo di oltre il 4%. Per ritrovare una performance negativa di tale entità si deve andare indietro alla tarda primavera del 2020 o anche prima all'autunno del 2010.

Euro dollaro a 1,035. Il cross sale dello 0,3%.

Il petrolio WTI è in rialzo dell’1% a 79 dollari il barile. Oggi escono i dati EIA sulle scorte di greggio degli Stati Uniti.

Oro +0,3% a 1.754 dollari, +7,4% il bilancio provvisorio del mese.  

Bitcoin si riavvicina a quota 17.000, in rialzo del 2,5% stamattina.

TITOLI

Leonardo . Ieri la controllata americana Leonardo DRS ha debuttato al Nasdaq, chiudendo a 10,99 dollari (+11,3%).

Banco BPM . Crédit Agricole Assurances ha avuto un periodo di esclusiva per valutare una partnership nel settore Danni/Protezione.

Stellantis sta preparando la rete di concessionari Usa al processo di elettrificazione, alla luce del suo business plan che prevede che il 50% delle vendite negli Stati Uniti sia costituito da veicoli elettrici a batteria entro la fine di questo decennio.

Juventus . Dopo le dimissioni dell'intero Cda, l'azionista di riferimento Exor ha indicato Gianluca Ferrero al posto dell’uscente  Andrea Agnelli in vista dell'assemblea degli azionisti convocata per il 18 gennaio 2023 per il rinnovo del consiglio.

Avio . Arianespace ha firmato un contratto con la Commissione europea per il lancio di cinque missioni Copernicus con il lanciatore Vega C per il posizionamento in orbita bassa dei satelliti della costellazione per l'osservazione della Terra tra il 2024 e il 2026.

DeA Capital . Il socio di maggioranza avrebbe incaricato Mediobanca di sondare soggetti potenzialmente interessati all’acquisto della società.


www.websim.it




Leggi gli articoli della categoria
Oggi in Borsa
Clicca qui