Oggi in borsa

mercoledì 24 aprile 2024

Marino Masotti

A WallStreet partono forte i tech, Piazza Affari al palo

Nasdaq +0,8% grazie alla spinta di Tesla, +11%. Meta Platforms in rialzo dell'1,5% prima della pubblicazione dei dati del trimestre

Tech_websim4

La borsa degli Stati Uniti inizia la seduta con i tech in evidenza. Indice S&P500  +0,3%, Nasdaq +0,8%. Sulla parità il Dow Jones .

Le richieste di nuovi mutui sono scese del -2,7% la scorsa settimana, secondo i dati della Mortgage Bankers Association. Le domande per rifinanziare un mutuo per la casa, le più suscettibili di cambiamenti settimanali dovuti ai tassi, sono diminuite del -6% rispetto alla settimana precedente, ma sono in rialzo del +3% rispetto a un anno fa. Il dato è da leggere con l'andamento del tasso d'interesse medio su un mutuo fisso a 30 anni, salito dal 7,13% al 7,24% la scorsa settimana, il massimo dallo scorso novembre.

Gli ordini di beni durevoli al netto dei trasporti sono aumentati dello 0,2% in marzo, come da previsioni.

Titoli sotto la lente a Wall Street

Tesla +11%. Nel primo trimestre sono scesi più del previsto sia l’utile netto che i ricavi, ma il mercato ha ignorato le tabelle del conto economico e si è concentrato sugli annunci  riguardanti l’arrivo dei nuovi modelli. 

Texas Instruments  +7% Ha pubblicato utili sopra le attese nel trimestre appena concluso.

Boeing +1,5%, chiude il primo trimestre con una perdita netta rettificata di 1,13 dollari, gli analisti si aspettavano molto peggio, -1,63 dollari per azione. Il free cash flow è negativo per 2,9 miliardi di dollari, attesa -4,4 miliardi.

Visa  +2% Gli utili del primo trimestre hanno superato le aspettative.

AT&T +2%. La società delle telecomunicazioni ha chiuso il trimestre con un utile per azione superiore alle previsioni, il free cash flow si è triplicato, anno su anno, a 3,1 miliardi di dollari.

Meta +1,5% nel giorno della pubblicazione dei dati del trimestre. A gennaio, la società aveva detto di aspettarsi fino a 37 miliardi di dollari di ricavi, una cifra che in quel momento quasi nessun analista aveva in mente. Oltre al conto economico, gli investitori guarderanno anche alle comunicazioni riguardanti la remunerazione dei soci.

Hasbro +10%. Il produttore di giocattoli ha presentato dati del trimestre superiori alle aspettative.

Uber  e LYFT  perdono terreno dopo che Tesla ha dichiarato di voler fare anche un’incursione nel ride-hailing.

Enphase Energy  -6% a causa di utili inferiori alle attese. 

Europa 

Indice EuroStoxx50 +0,1%. 

Dax di Francoforte +0,1%. L'indice Ifo è salito in aprile per il terzo mese consecutivo arrivando a 89,4, meglio delle attese. Le aziende tedesche sono più soddisfatte della loro attività attuale e anche le loro aspettative sono migliorate. L’economia si sta stabilizzando, soprattutto grazie ai fornitori di servizi. L'indice comunque è aumentato anche nel settore manifatturiero, grazie ad aspettative molto meno pessimistiche. Nel settore dei servizi il miglioramento è stato particolarmente marcato per quanto riguarda la situazione attuale. Le aspettative sono rimaste praticamente invariate.

FtseMib -0,1%. Ad aprile 2024 peggiora sia il clima di opinione dei consumatori sia quello delle imprese: l'indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce da 96,5 a 95,2 e
l'indicatore composito del clima di fiducia delle imprese scende da 97,0 a 95,8.
"Dopo il rialzo registrato a marzo 2024 - si legge nella nota dell'Istat - il clima di fiducia delle imprese diminuisce tornando al livello dello scorso febbraio. Il calo dell'indicatore complessivo rappresenta un diffuso peggioramento della fiducia in tutti i comparti economici indagati.

Macrovariabili

Mercato obbligazionario USA poco mosso, debole quello europeo. Rendimento del Treasury Note a dieci anni al 4,63%. Vendite sul Bund decennale dopo la pubblicazione dell'IFO, tasso al 2,57% da 2,50%. BTP decennale a 3,94% da 3,85%.

Euro dollaro a 1,068.

Petrolio. Greggio Brent e Wti -0,4% dopo il rialzo di quasi il 2% di ieri. 

Gas Naturale UE (Amsterdam) +0,6% a 28,60 euro/mwh.

Oro -0,3% a 2.312 dollari l’oncia.

Bitcoin a 66.100 dollari, quasi invariato.

Titoli Piazza Affari

StM +7% Stanotte Texas Instruments ha presentato indicazioni sul trimestre in corso superiori alle stime degli analisti.

Banca Mediolanum +1,5%.

Intesa +1%.

Prysmian +1%.

Saipem -3,5%.

Eni -2%, chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società si aspetta di chiudere il 2024 con un utile operativo superiore ai 14 miliardi di euro, uno in più della precedente indicazione. Aumenta il buyback a 1,6 miliardi di euro, mezzo miliardo in più della precedente cifra stanziata.

Recordati -3%. RBC Capital alza il target price a 50,5 euro. 

Maire Tecnimont ha archiviato il primo trimestre con una crescita "a doppia cifra" dei ricavi, confermando la guidance sul 2024 annunciata nel piano strategico.

Team Soluzioni di Investimento

A WallStreet si prepara il rialzo dei tech, Tesla +11% nel preborsa

Meta guadagna il 3% nel giorno della pubblicazione dei dati del trimestre. La borsa di Milano è sulla parità.

Tech_websim4

Wall Street dovrebbe aprire in lieve rialzo: future S&P500  +0,2%, future Nasdaq +0,6%.

Le richieste di nuovi mutui sono scese del 2,7% la scorsa settimana, secondo i dati della Mortgage Bankers Association. Le domande per rifinanziare un mutuo per la casa, le più suscettibili di cambiamenti settimanali dovuti ai tassi, sono diminuite del 6% rispetto alla settimana
precedente, ma sono in rialzo del 3% rispetto a un anno fa. Il dato è da leggere con l'andamento del tasso d'interesse medio su un mutuo fisso a 30 anni, salito dal 7,13% al 7,24% la scorsa settimana, il massimo dallo scorso novembre.

Titoli sotto la lente a Wall Street

Tesla +11% nel preborsa. Nel primo trimestre sono scesi più del previsto sia l’utile netto che i ricavi, ma il mercato ha ignorato le tabelle del conto economico e si è concentrato sugli annunci  riguardanti l’arrivo dei nuovi modelli. 

Texas Instruments  +7% Ha pubblicato utili sopra le attese nel trimestre appena concluso.

Boeing +3,5%, chiude il primo trimestre con una perdita netta rettificata di 1,13 dollari, gli analisti si aspettavano molto peggio, -1,63 dollari per azione. Il free cash flow è negativo per 2,9 miliardi di dollari, attesa -4,4 miliardi.

Visa  +3% Gli utili del primo trimestre hanno superato le aspettative.

AT&T +3%. La società delle telecomunicazioni ha chiuso il trimestre con un utile per azione superiore alle previsioni, il free cash flow si è triplicato, anno su anno, a 3,1 miliardi di dollari.

Meta +3% nel giorno della pubblicazione dei dati del trimestre. A gennaio, la società aveva detto di aspettarsi fino a 37 miliardi di dollari di ricavi, una cifra che in quel momento quasi nessun analista aveva in mente. Oltre al conto economico, gli investitori guarderanno anche alle comunicazioni riguardanti la remunerazione dei soci.
 

Uber  e LYFT  perdono terreno dopo che Tesla ha dichiarato di voler fare anche un’incursione nel ride-hailing.

Enphase Energy  -6% a causa di utili inferiori alle attese. 

Europa 

Le borse proseguono in lieve rialzo nel giorno della pubblicazione di un importante aggiornamento sulle condizioni economiche della Germania. Indice EuroStoxx50 +0,2%. 

Dax di Francoforte +0,3%. L'indice Ifo è salito in aprile per il terzo mese consecutivo arrivando a 89,4, meglio delle attese. Le aziende tedesche sono più soddisfatte della loro attività attuale e anche le loro aspettative sono migliorate. L’economia si sta stabilizzando, soprattutto grazie ai fornitori di servizi. L'indice comunque è aumentato anche nel settore manifatturiero, grazie ad aspettative molto meno pessimistiche. Nel settore dei servizi il miglioramento è stato particolarmente marcato per quanto riguarda la situazione attuale. Le aspettative sono rimaste praticamente invariate.

FtseMib +0,1%. Ad aprile 2024 peggiora sia il clima di opinione dei consumatori sia quello delle imprese: l'indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce da 96,5 a 95,2 e
l'indicatore composito del clima di fiducia delle imprese scende da 97,0 a 95,8.
"Dopo il rialzo registrato a marzo 2024 - si legge nella nota dell'Istat - il clima di fiducia delle imprese diminuisce tornando al livello dello scorso febbraio. Il calo dell'indicatore complessivo rappresenta un diffuso peggioramento della fiducia in tutti i comparti economici indagati.

Macrovariabili

Mercato obbligazionario USA poco mosso, debole quello europeo. Rendimento del Treasury Note a dieci anni al 4,63%. Vendite sul Bund decennale dopo la pubblicazione dell'IFO, tasso al 2,57% da 2,50%. BTP decennale a 3,93% da 3,85%.

Euro dollaro a 1,068.

Petrolio. Greggio Brent e Wti -0,4% dopo il rialzo di quasi il 2% di ieri. 

Gas Naturale UE (Amsterdam) +0,6% a 28,60 euro/mwh.

Oro -0,3% a 2.312 dollari l’oncia.

Bitcoin a 66.300 dollari, quasi invariato.

Titoli Piazza Affari

StM +6% Stanotte Texas Instruments ha presentato indicazioni sul trimestre in corso superiori alle stime degli analisti.

Banca Mediolanum +1,5%.

Intesa +1%.

Prysmian +1%.

Saipem -3,5%.

Eni -1%, chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società si aspetta di chiudere il 2024 con un utile operativo superiore ai 14 miliardi di euro, uno in più della precedente indicazione. Aumenta il buyback a 1,6 miliardi di euro, mezzo miliardo in più della precedente cifra stanziata.

Recordati -3%. RBC Capital alza il target price a 50,5 euro. 

Maire Tecnimont ha archiviato il primo trimestre con una crescita "a doppia cifra" dei ricavi, confermando la guidance sul 2024 annunciata nel piano strategico.

Marino Masotti

La Germania è tornata, Borse europee in lieve rialzo

L'indice Ifo è salito in aprile per il terzo mese consecutivo arrivando a 89,4, meglio delle attese. Le aziende tedesche sono più soddisfatte della loro attività attuale e futura

Germania_websim5

Le borse dell’Europa sono in lieve rialzo dopo la pubblicazione di un importante aggiornamento sulle condizioni economiche della Germania.

Indice EuroStoxx50 +0,2%. Sale l'high tech europeo, in calo le banche e le assicurazioni. 

Dax di Francoforte +0,3%. L'indice Ifo è salito in aprile per il terzo mese consecutivo arrivando a 89,4, meglio delle attese. Le aziende tedesche sono più soddisfatte della loro attività attuale e anche le loro aspettative sono migliorate. L’economia si sta stabilizzando, soprattutto grazie ai fornitori di servizi. L'indice comunque è aumentato anche nel settore manifatturiero, grazie ad aspettative molto meno pessimistiche. Nel settore dei servizi il miglioramento è stato particolarmente marcato per quanto riguarda la situazione attuale. Le aspettative sono rimaste praticamente invariate.

FtseMib +0,1%. Ad aprile 2024 peggiora sia il clima di opinione dei consumatori sia quello delle imprese: l'indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce da 96,5 a 95,2 e
l'indicatore composito del clima di fiducia delle imprese scende da 97,0 a 95,8.
"Dopo il rialzo registrato a marzo 2024 - si legge nella nota dell'Istat - il clima di fiducia delle imprese diminuisce tornando al livello dello scorso febbraio. Il calo dell'indicatore complessivo rappresenta un diffuso peggioramento della fiducia in tutti i comparti economici indagati.

Wall Street

Wall Street dovrebbe aprire in lieve rialzo: future S&P500  +0,2%, future Nasdaq +0,6%.

Tesla +11% nel preborsa. Nel primo trimestre sono scesi più del previsto sia l’utile netto che i ricavi, ma il mercato ha ignorato le tabelle del conto economico e si è concentrato sugli annunci  riguardanti l’arrivo dei nuovi modelli. 

AlixPartners, nel suo  Global Automotive Outlook prevede che  2024 il mercato globale dell’auto dovrebbe recuperare i volumi pre-Covid (+3% e 89 milioni di veicoli attesi) soprattutto grazie alla Cina, primo mercato per volumi (26 milioni di veicoli nel 2023, +6% rispetto al 2022) e primo esportatore al mondo.  Stamattina, nel darne conto, Il Sole24Ore mette in evidenza che l’auto elettrica in Europa schiaccia il pedale del freno. La crescita della quota di mercato si è appiattita nei principali mercati del Vecchio continente. È quanto emerge dall’aggiornamento infra-annuale del Global Automotive Outlook di AlixPartners, che conferma come la domanda aumenti con tassi inferiori alle attese

Macrovariabili

Mercato obbligazionario USA poco mosso, debole quello europeo. Rendimento del Treasury Note a dieci anni al 4,63%. Vendite sul Bund decennale dopo la pubblicazione dell'IFO, tasso al 2,54% da 2,50%. BTP decennale a 3,90% da 3,85%.

Euro dollaro a 1,068.

Petrolio. Greggio Brent e Wti -0,4% dopo il rialzo di quasi il 2% di ieri. 

Gas Naturale UE (Amsterdam) +0,6% a 28,60 euro/mwh.

Oro -0,3% a 2.312 dollari l’oncia.

Bitcoin a 66.300 dollari, quasi invariato.

Titoli Piazza Affari

StM +6% Stanotte Texas Instruments ha presentato indicazioni sul trimestre in corso superiori alle stime degli analisti.

Banca Mediolanum +1,5%.

Intesa +1%.

Prysmian +1%.

Saipem -3%.

Eni -1%, chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società si aspetta di chiudere il 2024 con un utile operativo superiore ai 14 miliardi di euro, uno in più della precedente indicazione. Aumenta il buyback a 1,6 miliardi di euro, mezzo miliardo in più della precedente cifra stanziata.

Recordati -2,5%. RBC Capital alza il target price a 50,5 euro. 

Salcef +18%. Gli azionisti di Finhold, socio di maggioranza di Salcef Group, e i Fondi gestiti da Morgan Stanley Infrastructure Partners hanno infatti sottoscritto in un accordo vincolante di compravendita e investimento finalizzato ad un investimento nella stessa azienda. Ad esito del closing dell''operazione, spiega una nota, verrà promossa un''offerta pubblica di acquisto obbligatoria finalizzata al delisting.

Borsa di Milano in rialzo, parte forte StM

Il primo produttore europeo di chip cavalca l'onda lunga alzatasi stanotte con la presentazione di Texas Instruments: i clienti industriali hanno finito le scorte e tornano a comprare 

chip websim

Le borse dell’Europa salgono, nella scia dell'Asia: indice EuroStoxx50 +0,2%.

FtseMib +0,2%.

Stamattina esce l’indice IFO sulla fiducia degli imprenditori della Germania. 

Asia Pacifico. Indice MSCI Asia Pacific, +1,6%, variazione giornaliera positiva più forte dal 21 marzo.

Si mettono in luce il Nikkei di Tokyo, in rialzo del +2,3%, il Kospi di Seul, +1,9% e il Taiex di Taipei. Sale per la terza seduta consecutiva l’Hang Seng di Hong Kong, +1,7%. CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzhen intorno alla parità.

L’inaspettata frenata dell’industria manifatturiera statunitense segnalata ieri dall’andamento dell’indice PMI di S&P Global ha contribuito a placare le vendite sulle obbligazioni ed a riportare la fiducia sull’azionario.

A Wall Street: indice S&P500 , +1,2%, Nasdaq +1,6%.

A mercato chiuso sono usciti stanotte i conti di Tesla . Nel primo trimestre sono scesi più del previsto sia l’utile netto che i ricavi, ma il mercato ha ignorato le tabelle del conto economico e si è concentrato sugli annunci  riguardanti l’arrivo dei nuovi modelli. Il titolo è salito del +13%.

AlixPartners, nel suo  Global Automotive Outlook prevede che  2024 il mercato globale dell’auto dovrebbe recuperare i volumi pre-Covid (+3% e 89 milioni di veicoli attesi) soprattutto grazie alla Cina, primo mercato per volumi (26 milioni di veicoli nel 2023, +6% rispetto al 2022) e primo esportatore al mondo.  Stamattina, nel darne conto, Il Sole24Ore mette in evidenza che l’auto elettrica in Europa schiaccia il pedale del freno. La crescita della quota di mercato si è appiattita nei principali mercati del Vecchio continente. È quanto emerge dall’aggiornamento infra-annuale del Global Automotive Outlook di AlixPartners, che conferma come la domanda aumenti con tassi inferiori alle attese

Macrovariabili

Tasso di rendimento del Treasury Note a dieci anni al 4,59%.

Bund decennale a 2,53%. 

BTP a 3,84%.

Euro dollaro in ripresa a 1,070.

Petrolio. Greggio Brent e Wti invariato dopo il rialzo di quasi il 2% di ieri. 

Oro poco mosso a 2.322 dollari l’oncia.

Bitcoin a 66.700 dollari.

Titoli Piazza Affari

Unipol Barclays alza il target price a 9,40 euro.
Saipem -2%.

Eni -1%, chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società si aspetta di chiudere il 2024 con un utile operativo superiore ai 14 miliardi di euro, uno in più della precedente indicazione. Aumenta il buyback a 1,6 miliardi di euro, mezzo miliardo in più della precedente cifra stanziata.

Unipol +0,5%. Barclays alza il target price a 9,40 euro.

Recordati -0,5%. RBC Capital alza il target price a 50,5 euro. Cvc Capital Partners sta valutando diverse opzioni per la sua partecipazione di controllo, lo riporta Bloomberg, specificando che il fondo sta lavorando con diversi consulenti sul dossier ed è nelle prime fasi di studio delle alternative, inclusa una potenziale vendita o una combinazione con un'altra azienda. L'agenzia ricorda che il titolo Recordati ha guadagnato circa il 27% alla Borsa di Milano negli ultimi 12 mesi, dando alla società un valore di mercato di circa 11 miliardi. Cvc aveva acquisito la maggioranza della Recordati, dalla famiglia fondatrice, in una transazione da circa 3 miliardi, nel 2018. La quota era stata pagata 28 euro.

StM +5%. Stanotte Texas Instruments ha presentato indicazioni sul trimestre in corso superiori alle stime degli analisti.

Salcef +18%. Gli azionisti di Finhold, socio di maggioranza di Salcef Group, e i Fondi gestiti da Morgan Stanley Infrastructure Partners hanno infatti sottoscritto in un accordo vincolante di compravendita e investimento finalizzato ad un investimento nella stessa azienda. Ad esito del closing dell''operazione, spiega una nota, verrà promossa un''offerta pubblica di acquisto obbligatoria finalizzata al delisting.

Marino Masotti

Titoli sotto la lente a Piazza Affari, Eni e Recordati

Eni chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società ha rivisto al rialzo le previsioni sul 2024

tesla_websim_5

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire in rialzo: future dell’indice EuroStoxx50 +0,3%.

Il FtseMib ha chiuso ieri in rialzo dell’1,9%.

Stamattina esce l’indice IFO sulla fiducia degli imprenditori della Germania. 

La maggior parte delle borse dell’Asia Pacifico tiene il passo di Wall Street e sale stamattina nel finale di seduta. Indice MSCI Asia Pacific, +1,6%, variazione giornaliera positiva più forte dal 21 marzo.

Si mettono in luce il Nikkei di Tokyo, in rialzo del +2,3%, il Kospi di Seul, +1,9% e il Taiex di Taipei. Sale per la terza seduta consecutiva l’Hang Seng di Hong Kong, +1,7%. CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzhen intorno alla parità.

L’inaspettata frenata dell’industria manifatturiera statunitense segnalata ieri dall’andamento dell’indice PMI di S&P Global ha contribuito a placare le vendite sulle obbligazioni ed a riportare la fiducia sull’azionario.

A Wall Street: indice S&P500 , +1,2%, Nasdaq +1,6%.

A mercato chiuso sono usciti stanotte i conti di Tesla . Nel primo trimestre sono scesi più del previsto sia l’utile netto che i ricavi, ma il mercato ha ignorato le tabelle del conto economico e si è concentrato sugli annunci  riguardanti l’arrivo dei nuovi modelli. Il titolo è salito del +13%.

AlixPartners, nel suo  Global Automotive Outlook prevede che  2024 il mercato globale dell’auto dovrebbe recuperare i volumi pre-Covid (+3% e 89 milioni di veicoli attesi) soprattutto grazie alla Cina, primo mercato per volumi (26 milioni di veicoli nel 2023, +6% rispetto al 2022) e primo esportatore al mondo.  Stamattina, nel darne conto, Il Sole24Ore mette in evidenza che l’auto elettrica in Europa schiaccia il pedale del freno. La crescita della quota di mercato si è appiattita nei principali mercati del Vecchio continente. È quanto emerge dall’aggiornamento infra-annuale del Global Automotive Outlook di AlixPartners, che conferma come la domanda aumenti con tassi inferiori alle attese

Macrovariabili

Tasso di rendimento del Treasury Note a dieci anni al 4,61%, invariato o quasi rispetto alla chiusura di ieri.

Bund decennale a 2,50%. 

BTP a 3,84%.

Euro dollaro in ripresa a 1,070.

Petrolio. Greggio Brent e Wti invariato dopo il rialzo di quasi il 2% di ieri. 

Oro poco mosso a 2.322 dollari l’oncia.

Bitcoin a 66.700 dollari.

Titoli Piazza Affari

Unipol Barclays alza il target price a 9,40 euro.

Eni  chiude il trimestre con un utile operativo di 3,03 miliardi di euro, il consensus era 2,78 miliardi. La società si aspetta di chiudere il 2024 con un utile operativo superiore ai 14 miliardi di euro, uno in più della precedente indicazione. Aumenta il buyback a 1,6 miliardi di euro, mezzo miliardo in più della precedente cifra stanziata.

Unipol Barclays alza il target price a 9,40 euro.

Recordati RBC Capital alza il target price a 50,5 euro. Cvc Capital Partners sta valutando diverse opzioni per la sua partecipazione di controllo, lo riporta Bloomberg, specificando che il fondo sta lavorando con diversi consulenti sul dossier ed è nelle prime fasi di studio delle alternative, inclusa una potenziale vendita o una combinazione con un'altra azienda. L'agenzia ricorda che il titolo Recordati ha guadagnato circa il 27% alla Borsa di Milano negli ultimi 12 mesi, dando alla società un valore di mercato di circa 11 miliardi. Cvc aveva acquisito la maggioranza della Recordati, dalla famiglia fondatrice, in una transazione da circa 3 miliardi, nel 2018. La quota era stata pagata 28 euro.

StM . Stanotte Texas Instruments ha presentato indicazioni sul trimestre in corso superiori alle stime degli analisti.

Salcef . Gli azionisti di Finhold, socio di maggioranza di Salcef Group, e i Fondi gestiti da Morgan Stanley Infrastructure Partners hanno infatti sottoscritto in un accordo vincolante di compravendita e investimento finalizzato ad un investimento nella stessa azienda. Ad esito del closing dell''operazione, spiega una nota, verrà promossa un''offerta pubblica di acquisto obbligatoria finalizzata al delisting.