Oggi in borsa

venerdì 23 febbraio 2024

Prossimo aggiornamento: LUNEDI'

Team Soluzioni di Investimento

Ancora record: a WallStreet c'è Nvidia, a Milano ci sono le banche

FtseMib +0,8%. La settimana termina con un rialzo del 2,9%. L'indice Ftse delle Banche italiane sale dell'1,5%, massimo dal 2015. +4% la settimana contro il +1,7% dello Stoxx delle banche europee  

ftse mib_websim oib

La borsa di Milano si avvia a chiudere in rialzo, sui massimi degli ultimi quindici anni grazie alla spinta della galassia Mediobanca/Generali. 

FtseMib +1,1%. La settimana termina con un rialzo del 3% circa.

L'indice Ftse delle Banche italiane sale dell'1,5%, massimo dal 2015. Il bilancio settimanale è +4%, contro il +1,7% dell'indice Stoxx delle banche europee.  

Indice EuroStoxx 50 +0,2%, +2% la settimana.

Air Liquide è la miglior chip della settimana, +10,8%. A seguire Adidas +7%. Ferrari +5,5%. 

L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sui massimi della storia. 

Germania. Il morale delle imprese tedesche è migliorato a febbraio, in linea con le aspettative degli analisti. L'istituto Ifo ha detto che l'indice del clima aziendale si è attestato a 85,5, come previsto dagli analisti in un sondaggio Reuters.

A Francoforte. Allianz -3,5%. La prima compagnia della zona euro ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. 

A Wall Street il Nasdaq 100 è in prossimità del record. Nasdaq Composite  -0,3%.
S&P500 invariato. Dow Jones +0,3%, record.

Titoli sotto la lente a Wall Street

Nvidia +1%. Nel corso dalla seduta ha toccato il nuovo massimo storico e ha raggiunto i 2.000 miliardi di dollari di valore di mercato. Terza maggior capitalizzazione al mondo, dopo Microsoft e Apple . Aggiunti 1.000 miliardi di dollari in soli nove mesi. L'Intelligenza Artificiale rimane uno dei driver più importanti.

Warner Bros. Discovery Ha conseguito una perdita trimestrale per azione pari a 0,16 dollari, contro le attese di 0,07 dollari. I ricavi ammontano a 10,28 miliardi, rispetto ai 10,35 miliardi previsti. La società ha tuttavia rinforzato il suo free cash flow. 

Booking -8% dopo aver rilasciato delle previsioni inferiori alle attese, anche se i dati del trimestre hanno superato il consensus. 

Rivian Automotive -2%, potrebbe aggiornare il minimo storico. Il titolo è ancora in calo, dopo la forte perdita di ieri (-25%), avvenuta a seguito della pubblicazione della trimestrale. 

Macrovariabili 

Mercato obbligazionario in ripresa dai minimi di stamattina. Treasury decennale a 4,26%. 

Bund al 2,35%.

BTP a 3,80%. Spread sotto quota 145 punti base per la prima volta in due anni.

BTP Valore. Il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze) ha comunicato i tassi cedolari minimi garantiti: 3,25% per il primo, secondo e terzo anno; 4% per il quarto, quinto e sesto anno. E' la serie dei tassi della terza emissione del Btp Valore, che avrà luogo da lunedì 26 febbraio a venerdì primo marzo (fino alle ore 13.00), salvo chiusura anticipata. Al termine del collocamento - precisa il Mef - verranno annunciati i tassi cedolari definitivi che potranno essere confermati o rivisti al rialzo, in base alle condizioni di mercato del giorno di chiusura dell'emissione. 

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,082. Le aspettative di inflazione dei consumatori della zona euro sono in aumento per l'anno in corso e si mantengono stabili per i tre successivi, a conferma del fatto che la fase finale di contenimento della crescita dei prezzi potrebbe essere difficile. E' quanto emerge da un nuovo rapporto della Bce.

Petrolio Brent e Wti -1,7%, -1% la settimana.

Gas Naturale UE (Amsterdam) -1,5% a 22,85 euro/mwh, su nuovi minimi da Novembre 2021, -32% da inizio 2024. 

Oro a 2.034 dollari, +0,5%.

Bitcoin a 50.800 dollari, -1,4%.

Titoli Piazza Affari

Mediobanca +5%, Unicredit +1,6%, Generali +3%, Banca Generali +4%. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Banco BPM +5,3%. Monte Paschi +3,3%. 

Scendono Snam  -0,9%, Erg -0,8%. 

Team Soluzioni di Investimento

WallStreet sale ancora, Nvidia arriva a quota 2.000 miliardi

Quella di Nvidia è  la terza maggior capitalizzazione al mondo, dopo Microsoft e Apple. Aggiunti 1.000 miliardi di dollari in soli nove mesi

wall street websim 2

Wall Street non si prende nemmeno una pausa, dopo il rally di ieri. Gli acquisti spingono il Nasdaq 100 sul nuovo record storico e il Nasdaq Composite  a meno di un punto percentuale dal suo. L'S&P500 e il Dow Jones aggiornano quello di ieri.

Titoli sotto la lente a Wall Street

Nvidia +2% tocca il nuovo massimo storico e raggiunge i 2.000 miliardi di dollari di valore di mercato. Terza maggior capitalizzazione al mondo, dopo Microsoft e Apple . Aggiunti 1.000 miliardi di dollari in soli nove mesi. L'Intelligenza Artificiale rimane uno dei driver più importanti.

Warner Bros. Discovery Ha conseguito una perdita trimestrale per azione pari a 0,16 dollari, contro le attese di 0,07 dollari. I ricavi ammontano a 10,28 miliardi, rispetto ai 10,35 miliardi previsti. La società ha tuttavia rinforzato il suo free cash flow. 

Booking -8% dopo aver rilasciato delle previsioni inferiori alle attese, anche se i dati del trimestre hanno superato il consensus. 

Rivian Automotive -2%, potrebbe aggiornare il minimo storico. Il titolo è ancora in calo, dopo la forte perdita di ieri (-25%), avvenuta a seguito della pubblicazione della trimestrale. 

In Europa 

L'indice EuroStoxx 50 è quasi piatto. L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sui massimi della storia. 

FtseMib di Milano +0,7% a 32.590 punti, nuovo massimo da quindici anni, grazie alla spinta della galassia Mediobanca/Generali.

L'indice Ftse delle Banche italiane sale dell'1,5%, sesto rialzo consecutivo, e raggiunge livelli che non vedeva dal 2015. Si amplia il distacco nei confronti del resto dell'Europa: da inizio anno è cresciuto del +16% vs +2,905 dell'indice Stoxx Banks.  

Germania. Il morale delle imprese tedesche è migliorato a febbraio, in linea con le aspettative degli analisti. L'istituto Ifo ha detto che l'indice del clima aziendale si è attestato a 85,5, come previsto dagli analisti in un sondaggio Reuters.

A Francoforte. Allianz -3,5%. La prima compagnia della zona euro ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. 

Macrovariabili 

Mercato obbligazionario in ripresa dai minimi di stamattina. Treasury decennale a 4,32%. Diversi membri della Federal Reserve hanno parlato dei rischi di una ripartenza dell’inflazione, in caso di taglio tassi affrettato. Christopher Waller, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, ha affermato che non c'è fretta di cominciare a tagliare i tassi. Bisogna prima essere certi che i progressi compiuti sul fronte dell'inflazione continuino. 

Bund al 2,40%.

BTP a 3,85%. Spread sotto quota 145 punti base per la prima volta in due anni.

BTP Valore. Il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze) ha comunicato i tassi cedolari minimi garantiti: 3,25% per il primo, secondo e terzo anno; 4% per il quarto, quinto e sesto anno. E' la serie dei tassi della terza emissione del Btp Valore, che avrà luogo da lunedì 26 febbraio a venerdì primo marzo (fino alle ore 13.00), salvo chiusura anticipata. Al termine del collocamento - precisa il Mef - verranno annunciati i tassi cedolari definitivi che potranno essere confermati o rivisti al rialzo, in base alle condizioni di mercato del giorno di chiusura dell'emissione. 

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,082. Le aspettative di inflazione dei consumatori della zona euro sono in aumento per l'anno in corso e si mantengono stabili per i tre successivi, a conferma del fatto che la fase finale di contenimento della crescita dei prezzi potrebbe essere difficile. E' quanto emerge da un nuovo rapporto della Bce.

Petrolio Brent e Wti 1,7%.

Gas Naturale UE (Amsterdam) -1,5% a 22,85 euro/mwh, su nuovi minimi da Novembre 2021, -32% da inizio 2024. 

Oro a 2.026 dollari, +0,1%.

Bitcoin a 50.800 dollari, -1,4%.

Titoli Piazza Affari

Mediobanca +4,7%, Unicredit +0,6%, Generali +3%, Banca Generali +4%. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Banco BPM +4,3%. Monte Paschi +3,3%. 

Scendono Snam  -0,9%, Erg -0,8%. 

Rosa Aimoni

Future poco mossi a WallStreet, nuovi massimi a Piazza Affari

BTP Valore. Il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze) ha comunicato i tassi cedolari minimi garantiti: 3,25% per il primo, secondo e terzo anno; 4% per il quarto, quinto e sesto anno.

wall street websim 2

I future di Wall Street  sono stabili intorno, dopo il rally di ieri. Il Nasdaq +3%, ha chiuso ad un passo dal record storico. L'S&P500 ha invece raggiunto un nuovo record.

Christopher Waller, membro del consiglio dei governatori della Federal Reserve, ha affermato che non c'è fretta di cominciare a tagliare i tassi. Bisogna prima essere certi che i progressi compiuti sul fronte dell'inflazione continuino. 

Titoli sotto la lente a Wall Street

Nvidia +2%. Ieri la società ha chiuso con un rialzo del +16% sul record storico. Altre cinquantacinque società del paniere principale hanno toccato i massimi della storia.

Warner Bros. Discovery Ha conseguito una perdita trimestrale per azione pari a 0,16 dollari, contro le attese di 0,07 dollari. I ricavi ammontano a 10,28 miliardi, rispetto ai 10,35 miliardi previsti. La società ha tuttavia rinforzato il suo free cash flow. 

Booking -8% dopo aver rilasciato delle previsioni inferiori alle attese, anche se i dati del trimestre hanno superato il consensus. 

Rivian Automotive -2%, potrebbe aggiornare il minimo storico. Il titolo è ancora in calo, dopo la forte perdita di ieri (-25%), avvenuta a seguito della pubblicazione della trimestrale. 

In Europa 

L'indice EuroStoxx 50 è quasi piatto. L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sui massimi della storia. 

FtseMib di Milano +0,7% a 32.590 punti, nuovo massimo da quindici anni, grazie alla spinta della galassia Mediobanca/Generali.

Germania. Il morale delle imprese tedesche è migliorato a febbraio, in linea con le aspettative degli analisti. L'istituto Ifo ha detto che l'indice del clima aziendale si è attestato a 85,5, come previsto dagli analisti in un sondaggio Reuters.

A Francoforte. Allianz -3,5%. La prima compagnia della zona euro ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. 

Macrovariabili 

Mercato obbligazionario in ripresa dai minimi di stamattina. Treasury decennale a 4,32%. Diversi membri della Federal Reserve hanno parlato dei rischi di una ripartenza dell’inflazione, in caso di taglio tassi affrettato.

Bund al 2,40%.

BTP a 3,85%. Spread sotto quota 145 punti base per la prima volta in due anni.

BTP Valore. Il MEF (Ministero dell'Economia e delle Finanze) ha comunicato i tassi cedolari minimi garantiti: 3,25% per il primo, secondo e terzo anno; 4% per il quarto, quinto e sesto anno. E' la serie dei tassi della terza emissione del Btp Valore, che avrà luogo da lunedì 26 febbraio a venerdì primo marzo (fino alle ore 13.00), salvo chiusura anticipata. Al termine del collocamento - precisa il Mef - verranno annunciati i tassi cedolari definitivi che potranno essere confermati o rivisti al rialzo, in base alle condizioni di mercato del giorno di chiusura dell'emissione. 

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,082. Le aspettative di inflazione dei consumatori della zona euro sono in aumento per l'anno in corso e si mantengono stabili per i tre successivi, a conferma del fatto che la fase finale di contenimento della crescita dei prezzi potrebbe essere difficile. E' quanto emerge da un nuovo rapporto della Bce.

Petrolio Brent e Wti 1,7%.

Gas Naturale UE (Amsterdam) -1,5% a 22,85 euro/mwh, su nuovi minimi da Novembre 2021, -32% da inizio 2024. 

Oro a 2.026 dollari, +0,1%.

Bitcoin a 50.800 dollari, -1,4%.

Titoli

Mediobanca +4,7%, Unicredit +0,6%, Generali +3%, Banca Generali +4%. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Banco BPM +4,3%. Monte Paschi +3,3%. 

Scendono Snam  -0,9%, Erg -0,8%. 

Team Soluzioni di Investimento

Milano spinge con la galassia Mediobanca, Gas TTF sotto i 23 euro/mwh

Gas Naturale UE (Amsterdam) -3,6% a 22,35 euro/mwh, su nuovi minimi da Novembre 2021, -32% da inizio 2024.

gas_websim_2 oib

Le borse dell’Europa procedono intorno alla parità, dopo la sfilata di record di ieri.

L'indice EuroStoxx 50 è piatto. L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sui massimi della storia. 

FtseMib di Milano +0,7% a 32.590 punti, nuovo massimo di lunghissimo periodo, grazie alla spinta della galassia Mediobanca/Generali.

Germania. Il morale delle imprese tedesche è migliorato a febbraio, in linea con le aspettative degli analisti. L'istituto Ifo ha detto che l'indice del clima aziendale si è attestato a 85,5, come previsto dagli analisti in un sondaggio Reuters.

A Francoforte. Allianz -3,5%. La prima compagnia della zona euro ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. Allianz ha detto che la performance trimestrale è stata aiutata dalle attività assicurative Vita e Salute, soprattutto negli Stati Uniti e in Italia. L'utile netto di pertinenza degli azionisti, pari a 2,151 miliardi di euro nei tre mesi a dicembre, si confronta con 1,104 miliardi di euro dell'anno precedente. La cifra è di poco inferiore ai 2,186 miliardi di euro previsti dal consenso.  Il buon risultato del quarto trimestre ha aiutato la società ad aumentare l'utile netto dell'intero anno del 33% a 8,541 miliardi di euro.

Borsa degli Stati Uniti. Future di Wall Street in lieve arretramento. Ieri Nasdaq +3%, ad un passo dal record. S&P500 +2,1%, nuovo record.

Oltre a Nvidia +16%, altre cinquantacinque società del paniere principale hanno toccato i massimi della storia.

Macrovariabili 

Mercato obbligazionario debole. Treasury decennale a 4,35%. Diversi membri della Federal Reserve hanno parlato dei rischi di una ripartenza dell’inflazione, in caso di taglio tassi affrettato.

BTP a 3,94%. Bund al 2,46%.

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,082. Le aspettative di inflazione dei consumatori della zona euro sono in aumento per l'anno in corso e si mantengono stabili per i tre successivi, a conferma del fatto che la fase finale di contenimento della crescita dei prezzi potrebbe essere difficile. E' quanto emerge da un nuovo rapporto della Bce.

Petrolio Brent e Wti 1,1%.

Gas Naturale UE (Amsterdam) -3,6% a 22,35 euro/mwh, su nuovi minimi da Novembre 2021, -32% da inizio 2024. 

Oro a 2.016 dollari, in calo dello 0,2%.

Bitcoin a 50.800 dollari, -1,4%.

Titoli

Mediobanca +4,7%, Unicredit +0,6%, Generali +3%, Banca Generali +4%. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Banco BPM +4,3%. Monte Paschi +3,3%.

Moncler SocGen alza il target price da 64 a 73 euro.

Brembo +1,5%. La società porterà avanti il progetto di trasferire la propria sede legale in Olanda, ha detto un portavoce, nonostante il governo italiano incoraggi le aziende a mantenere la propria sede legale nel Paese.

Recordati +1%. Mediobanca alza il target price a 58,5 euro. 

Stellantis +1,1%.

Marino Masotti

Piazza Affari sale, in rialzo Monte Paschi e Banco BPM

Tutte su le banche italiane: Mediobanca guadagna il 2,7%, Unicredit lo 0,5%. Le indiscrezioni del Foglio sostengono Generali +1,5%. Prosegue il rialzo di Tenaris. Ftse Mib +0,4%

spread_websim_2 oib

Le borse dell’Europa contraddicono l'andamento dei future e, seppur debolmente, salgono.

EuroStoxx 50 +0,1%. L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sui massimi della storia.

FtseMib di Milano +0,3% a 32.480 punti, nuovo massimo di lunghissimo periodo.

A Francoforte. Allianz -2%, ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. La società ha detto che la performance trimestrale è stata aiutata dalle attività assicurative Vita e Salute, soprattutto negli Stati Uniti e in Italia. L'utile netto di pertinenza degli azionisti, pari a 2,151 miliardi di euro nei tre mesi a dicembre, si confronta con 1,104 miliardi di euro dell'anno precedente. La cifra è di poco inferiore ai 2,186 miliardi di euro previsti dal consenso.  Il buon risultato del quarto trimestre ha aiutato la società ad aumentare l'utile netto dell'intero anno del 33% a 8,541 miliardi di euro.

Asia Pacifico.
Oggi il mercato finanziario di Tokyo è chiuso per festività.

Indice MSCI Asia Pacific, stamattina intorno alla parità, si avvia a chiudere la quinta settimana consecutiva in rialzo, +1,2% circa è la variazione sulla base delle ultime cinque sedute. 

Bilancio settimanale positivo anche per l’Hang Seng di Hong Kong (+2,5%) e per il CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzhen (+3,7%). Rimbalzano per il quarto giorno consecutivo le società dell’immobiliare cinese quotate a Hong Kong. Approfondimento nella rubrica Fatti & Effetti.

Borsa degli Stati Uniti. Nasdaq +3%, ad un passo dal record. S&P500 +2,1%, nuovo record.

Oltre a Nvidia +16%, altre cinquantacinque società del paniere principale hanno toccato i massimi della storia.

Macrovariabili 

Treasury, il decennale a 4,30%, circa 5 punti base in meno rispetto al giorno prima, anche se diversi membri della Federal Reserve hanno parlato dei rischi di una ripartenza dell’inflazione, in caso di taglio tassi affrettato.

BTP a 3,90%. Bund al 2,43%.

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,083.

Petrolio Brent e Wti -0,5%

Oro a 2.020 dollari, in calo dello 0,2%.

Bitcoin a 51.800 dollari.

Titoli

Recordati +1%. Mediobanca alza il target price a 58,5 euro. La società punta a crescere attraverso l'M&A nel comparto malattie rare negli Stati Uniti che sono diventati il suo primo mercato per ricavi, senza tralasciare opportunità anche in Europa nello "Specialty and primary care". E' quanto ha detto a Reuters il cfo dopo i risultati 2023 che vedono per la prima volta la società farmaceutica superare quota 2 miliardi di ricavi con obiettivi di ulteriore crescita per l'anno in corso e il 2025.

Banco BPM +3,8%. Monte Paschi +2,5%.

Unicredit +0,5%, Generali +1,5%. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Brembo . La società porterà avanti il progetto di trasferire la propria sede legale in Olanda, ha detto un portavoce, nonostante il governo italiano incoraggi le aziende a mantenere la propria sede legale nel Paese.

Enel . Lo sciopero generale dei lavoratori del gruppo elettrico è stato spostato all'8 marzo dopo che i sindacati hanno accettato la richiesta della Commissione di Garanzia.

Stellantis . L’’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha percepito nel 2023 una retribuzione di circa 13,5 milioni di euro, circa 1,4 milioni in meno rispetto al 2022 (14,9 milioni di euro), cui si vanno a sommare 10 milioni di incentivi una tantum. I compensi, si apprende da una nota, sono composti da una retribuzione base di 2 milioni di euro, che e'' invariata da tre anni, a cui va aggiunta una retribuzione variabile del 90% rispetto ai Kpi di performance a lui assegnati, che ammonta a 11,5 milioni, circa 1,4 milioni di euro in meno rispetto alla somma percepita nel 2022. Oltre alla retribuzione di base e variabile, Tavares ha inoltre ricevuto nel 2023 un incentivo per la trasformazione di Stellantis in un provider di mobilita'' tecnologica sostenibile, pari a 10 milioni di euro, approvato nel 2021 dal board. Parallelamente sono stati attribuiti incentivi a lungo termine pari a 13 milioni di euro che saranno assegnati a Tavares solo se saranno raggiunti nei prossimi anni specifici obiettivi di performance

 

Marino Masotti

Titoli sotto la lente a Piazza Affari: Unicredit e Generali

Unicredit, Generali. Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile

spread_websim_2 oib

Le borse dell’Europa dovrebbero aprire piatte.

Future EuroStoxx 50 invariato, Ieri l’indice delle blue chip europee ha chiuso in rialzo dell’1,7%. L’indice globale paneuropeo Stoxx600 è arrivato sul massimi della storia.

Il FtseMib di Milano è salito dell’1,1% a 32.356 punti, nuovo massimo di lunghissimo periodo.

Le borse dell’Asia Pacifico sono poco mosse dopo i nuovi record a Wall Street, in Europa e in Giappone. Oggi il mercato finanziario di Tokyo è chiuso per festività.

L’indice MSCI Asia Pacific, stamattina intorno alla parità, si avvia a chiudere la quinta settimana consecutiva in rialzo, +1,2% circa è la variazione sulla base delle ultime cinque sedute. 

Bilancio settimanale positivo anche per l’Hang Seng di Hong Kong (+2,2%) e per il CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzhen (+3,4%). Entrambi gli indici galleggiano poco sotto la parità a fine seduta. Rimbalzano per il quarto giorno consecutivo le società dell’immobiliare cinese quotate a Hong Kong. Approfondimento nella rubrica Fatti & Effetti.

L’indice Kospi di Seul segna un lieve rialzo a fine seduta, +0,5% la settimana.

Borsa degli Stati Uniti. Nasdaq +3%, ad un passo dal record. S&P500 +2,1%, nuovo record.

Oltre a Nvidia +16%, altre cinquantacinque società del paniere principale hanno toccato i massimi della storia.

Macrovariabili 

Treasury, il decennale a 4,30%, circa 5 punti base in meno rispetto al giorno prima, anche se diversi membri della Federal Reserve hanno parlato dei rischi di una ripartenza dell’inflazione, in caso di taglio tassi affrettato.

BTP a 3,90%, -5 punti base. Bund al 2,43%.

Euro dollaro poco mosso da tre sedute a 1,083.

Petrolio Brent e Wti sullo stesso prezzo di ieri. 

Oro a 2.022 dollari.

Bitcoin a 51.800 dollari.

Titoli

Recordati Mediobanca alza il target price a 58,5 euro. La società punta a crescere attraverso l'M&A nel comparto malattie rare negli Stati Uniti che sono diventati il suo primo mercato per ricavi, senza tralasciare opportunità anche in Europa nello "Specialty and primary care". E' quanto ha detto a Reuters il cfo dopo i risultati 2023 che vedono per la prima volta la società farmaceutica superare quota 2 miliardi di ricavi con obiettivi di ulteriore crescita per l'anno in corso e il 2025.

Unicredit , Generali . Il Foglio scrive che le banche d’affari stanno tornando a ragionare sulla fusione. Lo stesso quotidiano afferma che l’operazione è complicata ma non impossibile.

Brembo . La società porterà avanti il progetto di trasferire la propria sede legale in Olanda, ha detto un portavoce, nonostante il governo italiano incoraggi le aziende a mantenere la propria sede legale nel Paese.

Enel . Lo sciopero generale dei lavoratori del gruppo elettrico è stato spostato all'8 marzo dopo che i sindacati hanno accettato la richiesta della Commissione di Garanzia.

Stellantis . L’’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha percepito nel 2023 una retribuzione di circa 13,5 milioni di euro, circa 1,4 milioni in meno rispetto al 2022 (14,9 milioni di euro), cui si vanno a sommare 10 milioni di incentivi una tantum. I compensi, si apprende da una nota, sono composti da una retribuzione base di 2 milioni di euro, che e'' invariata da tre anni, a cui va aggiunta una retribuzione variabile del 90% rispetto ai Kpi di performance a lui assegnati, che ammonta a 11,5 milioni, circa 1,4 milioni di euro in meno rispetto alla somma percepita nel 2022. Oltre alla retribuzione di base e variabile, Tavares ha inoltre ricevuto nel 2023 un incentivo per la trasformazione di Stellantis in un provider di mobilita'' tecnologica sostenibile, pari a 10 milioni di euro, approvato nel 2021 dal board. Parallelamente sono stati attribuiti incentivi a lungo termine pari a 13 milioni di euro che saranno assegnati a Tavares solo se saranno raggiunti nei prossimi anni specifici obiettivi di performance

Allianz ha quasi raddoppiato l'utile netto del quarto trimestre rispetto all'anno precedente, con un risultato appena leggermente inferiore alle attese. La società ha detto che la performance trimestrale è stata aiutata dalle attività assicurative Vita e Salute, soprattutto negli Stati Uniti e in Italia. L'utile netto di pertinenza degli azionisti, pari a 2,151 miliardi di euro nei tre mesi a dicembre, si confronta con 1,104 miliardi di euro dell'anno precedente. La cifra è di poco inferiore ai 2,186 miliardi di euro previsti dal consenso.  Il buon risultato del quarto trimestre ha aiutato la società ad aumentare l'utile netto dell'intero anno del 33% a 8,541 miliardi di euro.


Leggi gli articoli della categoria
Oggi in Borsa
Clicca qui