MONETARIO - "Cash is King" quando c'è tensione sui tassi

FATTO
La corsa dei prezzi delle matere prime e la guerra in Ucraina stanno provocando forte tensione sulla parte più lunga delle curve dei rendimenti.

Il rendimento del Treasury Note a dieci anni passa sul mercato oggi a 2,18%, nell'area dei massimi da maggio 2019. Il nostro BTP decennale è intorno a 1,93%, sui massimi da due anni. Il Bund decennale tedesc schizza a +0,40%, livello che non si vedeva da novembre 2018. 

Le obbligazioni europee rischiano a marzo di portare a termine il terzo mese negativo di seguito come già accaduto a febbraio e a gennaio. 

La corsa dell'inflazione non si ferma. Stamattina è emerso che in Germania l'indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali a febbraio è aumentato del 25,9% rispetto allo stesso periodo del 2021. L'indice era aumentato del 25,0% a gennaio e del 24,2% a dicembre 2021.

EFFETTO
In uno scenario ancora molto incerto sotto il profilo geopolitico e sul tema inflazione può essere vincente "parcheggiare" provvisoriamente la liquidità in strumenti a basso o bassissimo rischio, in attesa che le condizioni di mercato favoriscano il rientro su temi più rischiosi, siano essi azioni o bond a lungo termine. Tra gli strumenti a disposizione su Borsa Italiana si segnala il seguente:

ETF Franklin Liberty Euro Short Maturity
Isin: IE00BFWXDY69
Da inizio 2022: +0,13%
Negli ultimi 12 mesi: +0,35% 

L'ETF è un prodotto a breve scadenza che mira a sovraperformare la liquidità con un ritorno moderatamente positivo. E' investito principalmente in obbligazioni con scadenza inferiore a 3 anni (83% del totale) per trarre vantaggio dalla ripresa dei rendimenti. Il 12% del totale ha scadenza tra 3 e 10 anni, il 5% circa oltre i 10 anni. Il 47% del totale è rappresentato da bond  governativi europei. L'Italia è presente con il 10% del totale. L'esposizione societaria vede al primo posto le Banche con il 37% circa. 

L'obiettivo dell'ETF è massimizzare i rendimenti totali nel mercato del reddito fisso a breve termine denominato in euro. Il Comparto mira a raggiungere il proprio obiettivo di investimento investendo principalmente in titoli di debito e investimenti a breve termine denominati in euro. Si tratta di emittenti sovrani e societari, inclusi emittenti non europei , denominati in euro e con rating investment grade o, se privi di rating, considerati da Franklin Templeton degli investimenti di qualità comparabile. Il Comparto può inoltre detenere un massimo del 20% del proprio Valore Patrimoniale Netto in titoli di debito o obbligazioni a basso rating, non-investment grade.  

www.websim.it