FOREX - Cross Euro/Dollaro USA sotto la parità per la prima volta dal 2002

Il Cross Euro/Dollaro ha toccato a 0,9998 il nuovo minimo dal 2002, subito dopo il rilascio dei dati record sull'inflazione USA di giugno. Ora è risalito a 1,0027. 

Il cross è sceso sotto la parità per la prima volta in 20 anni.

A sua volta il Dollar Index, contro un paniere di sei valute principali, si è spinto nel pomeriggio sui massimi da 20 anni a 108,59 punti. 

Sotto la spinta di alimentari e benzina, l'indice dei prezzi al consumo negli USA ha messo a segno a giugno un incremento del +1,3%, mese su mese, oltre il +1,1% previsto dal consensus. Su base annua l'incremento è stato pari a +9,1% contro attese di +8,8%. E' un picco da 40 anni circa.

I prezzi della benzina negli Stati Uniti hanno raggiunto livelli record a giugno, con una media di oltre 5 usd al gallone, secondo i dati dell'associazione americana Aaa. Da allora, però, sono diminuiti fino a 4,63 usd al gallone, un calo che potrebbe allentare la pressione sull'inflazione.

Intanto, la Banca Centrale Europea ha detto che sta monitorando da vicino il tasso di cambio dell'Euro perchè se da un lato la debolezza favorisce l'export, dall'altro ha effetti negativi sull'inflazione importata. "La Bce non punta a un tasso di cambio particolare", ha affermato il portavoce in una dichiarazione inviata via e-mail. "Tuttavia, siamo sempre attenti all'impatto del tasso di cambio sull'inflazione, in linea con il nostro impegno per la stabilità dei prezzi".

Il Dollaro è cresciuto del +13% circa nei confronti dell'Euro e nei confronti di un paniere di sei principali valute dal primo gennaio ad oggi. Se il 2022 terminasse su questi livelli, per il Dollaro USA si tratterebbe dell'anno migliore dal 2014. L'anno con il più ampio guadagno degli ultimi 50 anni fu il 1981, che terminò con un progresso del +15,80%. 

Crediamo che gran parte delle aspettative sull'inflazione sia già nei cross attuali. Negli ultimi 50 anni soltanto tre volte il Dollaro ha guadagnato più del 13% nell'arco di un anno: nel 1997 +13,10%, nel 1984 +15%, nel 1981 +16%. 

Perciò, aldilà di qualsiasi considerazione macroeconomica, riteniamo statisticamente ragionevole sfruttare lo strappo di questi giorni per prendere profitto sul Dollaro.

Analisi Tecnica. La tendenza di fondo è saldamente favorevole al Dollaro USA, come si evince dal canale discendente del cross Euro Dollaro sotto evidenziato sia sul breve che sul lungo termine. Il cedimento del fortissimo supporto statico in area 1,035 ha provocato l'accelerazione tuttora in corso, con oibettivi di breve verso la parità (1,0), parte bassa del canale evidenziato nel primo grafico.

Ci sembra prematuro indicare un obiettivo intorno ai minimi storici (0,8824) toccati a inizio millennio, quando l'Euro godeva ancora di scarsa credibilità.  

Operatività. Per trading suggeriamo di sfruttare la discesa verso la parità per prendere profitto sul Dollaro USA in attesa di un assestamento. Sospendere gli acquisti di Dollari. 

 

 

Il mercato mette a disposizione una serie di strumenti più o meno dinamici per investire in ottica di trading stretto long/short o in ottica di lungo periodo. 

Per puntare su una rapida rivalutazione del Dollaro USA (contro Euro) senza prendere rischi sull'oscillazione dei prezzi delle obbligazioni c'è il seguente ETC. Leggi il documento KID:
Wisdomtree 3x Long USD Short EUR
Isin: JE00B3QQ4551 

Per puntare su una rapida svalutazione del Dollaro USA (contro Euro) senza prendere rischi sull'oscillazione dei prezzi delle obbligazioni c'è il seguente ETC. Leggi il documento KID:
Wisdomtree 3x Short USD Long EUR 
Isin: JE00B3T3K772   

Per investire senza leva sulla rivalutazione del Dollaro è disponibile il seguente:
db x-trackers II Fed Funds Effective Rate UCITS (EUR)
Isin LU0321465469  
Performance da inizio 2022: +12,70%
L’Obiettivo di Investimento del Comparto è quello di replicare il rendimento del FED FUNDS EFFECTIVE RATE TOTAL RETURN INDEX®. Il Comparto non distribuisce dividendi. L’Indice, pubblicato da Deutsche Bank, rappresenta i mercati monetari e di capitali dell’area Dollaro USA. L’Indice è calcolato sulla base del rendimento complessivo (total return) con ciò indicando che rappresenta un deposito sostituito giornalmente (daily rolled deposit) al quale viene applicato il federal funds effective rate (tasso di riferimento effettivo statunitense). Non distribuisce dividendo. Leggi il documento KID.

www.websim.it