BORSA CINESE +0,30% Il governo invita "caldamente" a comprare azioni cinesi

L’indice CSI 300 dei listini di Shanghai e Shenzen rimbalza leggermente, dopo cinque ribassi consecutivi. In lieve ribasso, invece, l’Hang Seng di Hong Kong, e in lieve rialzo l'indice dei Tech, +0,20%. 

La Commissione di Regolazione e di controllo dei mercati finanziari ha esortato gli investitori istituzionali domestici (banche, assicurazioni e fondi pensioni) a comprare azioni, nello sforzo di arginare il calo della borsa, scivolata sui minimi da due anni. 

Nella nota diffusa stanotte, si segnala a questi soggetti che approfittare dei prezzi attuali potrebbe essere un buon modo per aumentare i ritorni. 

Le indicazioni dell'autorità di governo sono state seguite da una serie di articoli in cui i media statali cercano di proiettare un clima di fiducia nell'economia e nei mercati.

Intimoriti dagli effetti della politica "zero covid", gli investitori stranieri hanno venduto azioni cinesi per 5,6 miliardi di yuan (868 milioni di dollari) da inizio aprile. A marzo ne avevano scaricate per 45 miliardi di yuan, il più grande deflusso su base mensile in quasi due anni.

Le azioni cinesi hanno perso circa 2,7 trilioni di dollari di valore di mercato quest'anno per effetto delle rigide politiche di contenimento del Covid-19, della crisi del settore immobiliare, della repressione normativa delle imprese tecnologiche, e dei timori di un rallentamento della crescita economica.

Il governo ha promesso a suo tempo una serie di interventi per rilanciare la crescita, ma alle parole finora non sono seguiti i fatti e ciò sta deludendo gli investitori. 

Nel frattempo, ieri la Cina ha anche pubblicato le linee guida sullo sviluppo delle pensioni individuali, per le quali gli analisti di CICC stimano impatto positivo di circa 1 trilione di yuan nel lungo termine. Questa novità potrebbe aiutare ad alimentare ulteriori afflussi
azioni nazionali.

Analisi tecnica Borsa

Il quadro di fondo dell'indice CSI 300 di Shanghai-Shenzhen, oggi a 4.009 punti, rimane incerto finchè si gravita al di sotto della soglia discriminante in area 4.400 punti. Verso il basso, la prima forte area di supporto è ormai in vista verso 3.940 punti, minimo dell'anno. Più sotto, ci sono sostegni di valenza crescente verso 3.500 e 2.900 punti. 

Operatività. Sfruttare discese verso 3.940 punti per acquisti sulla debolezza. Applicare uno stop loss prudenziale alla prima chiusura sotto 3.800 punti per riposizionarsi verso 3.500 punti.


Tra gli ETF quotati alla Borsa di Milano segnaliamo i seguenti, ciascuno dei quali contraddistinto da caratteristiche specifiche, ciò consente acquisti complementari: il primo offre una maggiore esposizione ai titoli dell'alta tecnologia, il secondo replica l'Indice S&P China 500 Total Return. il terzo replica l'indice CSI 300.

ETF Franklin Ftse China Ucits Etf - Usd (Acc) 
Isin: IE00BHZRR147 
Da inizio 2022 -16,90%.
L'ETF investe in azioni a grande e media capitalizzazione in Cina e cerca di replicare il rendimento dell'indice FTSE China 30/18 Capped. L'indice ha un'ampia copertura delle classi di azioni cinesi, tra cui le azioni A, B, H, N; le azioni Red, P, S Chips. I componenti di tipologia A sono disponibili per gli investitori internazionali attraverso il Northbound China Stock Connect Scheme. Il peso dei singoli componenti viene ponderato tenendo conto del flottante e delle restrizioni applicate agli investitori stranieri. E' rivisto semestralmente. Replica fisica. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Non distribuisce dividendi. Costi di gestione 0,19% annuo, il più comveniente tra i 13 prodotti specializzati quotati a Piazza Affari. Leggi il documento KID.

Gli indici FTSE Russell UCITS Capped sono ponderati per la capitalizzazione di borsa e progettati per limitare la concentrazione in ogni singola azione nel rispetto dei requisiti di diversificazione richiesti dall'Unione Europea (UCITS). In particolare, l'indice FTSE China 30/18 Capped rappresenta la performance delle società medio/grandi quotate sulla borsa cinese. Per evitare una concentrazione eccessiva in ogni singola azione, il peso di ciascun componente è limitato ogni trimestre di modo che quello della più grande azienda non superi il 30% e l'eventuale peso delle altre aziende non superi il 18%. La segmentazione settoriale vede al primo posto Consumer Services 26%, Financials 25%, Tech 21%. I primi dieci titoli presenti in ordine di peso sono:



ETF Icbccs Wisdomtree S&P China500 UCITS
Isin LU1440654330 
Da inizio 2022 -15,60%.
Benchmark dichiarato: Indice S&P China 500 Total Return. L'ETF investe in titoli fisici equivalenti, salvo nelle circostanze in cui le condizioni di liquidità del mercato impediscono di utilizzare una strategia di replica completa. Distribuisce un dividendo annuale: ultimo il 24 Giugno 2021 per 0,162 usd. Spesa corrente annua 0,75%. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Leggi il Documento KID.

ETF X-TRACKERS CSI300 UCITS
Isin LU0779800910
Da inizio 2022 -14,10%.
L'ETF replica l'andamento dell'indice CSI  300, indice che riflette l'andamento delle azioni di 300 società quotate sulla Borsa Valori di Shangai e sulla Borsa Valori di Shenzhen (Azioni Cina A). Non distribuisce un dividendo. Spesa corrente annua 0,50%. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Leggi il Documento KID.

www.websim.it