BORSA BRASILE +2% Le relazioni con la Cina miglioreranno se Lula vincerà le presidenziali

Continua a stupire l'andamento della borsa brasiliana, capace ieri di chiudere in rialzo del +2% (+3,3% se si considera anche il recupero del Real contro euro e dollaro), mentre Wall Street ed Europa vivevano l'ennesima seduta di tormenti. 

L'indice Bovespa della Borsa di San Paolo si è portato sui massimi da metà ottobre, ampliando la performance da inizio anno a +8,40% (in euro), dato di per sè brillante in valore assoluto, ma che diventa fantastico se confrontato con il -13% del Nasdaq o anche con il -8% dell'S&P500.

Le relazioni tra Brasile e Cina, grande partner commerciale degli ultimi anni, sono state tempestose sotto l'attuale governo di estrema destra guidato da Bolsonaro, ma sarebbero destinate a migliorare notevolmente se l'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva fosse eletto a ottobre, secondo uno degli stretti collaboratori di Lula.

In ogni caso, un'amministrazione di sinistra non cercherebbe di costruire una relazione preferenziale con la Cina, mantenendo buoni rapporti anche con gli Stati Uniti, l'Unione Europea e i vicini dell'America Latina, ha detto a Reuters l'ex ministro degli Esteri di Lula, Celso Amorim.

Negli ultimi sondaggi, Lula ha un chiaro vantaggio sul presidente Jair Bolsonaro - sebbene nessuno dei due abbia formalmente dichiarato la propria candidatura - e gli investitori sono ansiosi di capire cosa potrebbe significare un governo del Partito dei Lavoratori per le relazioni con il principale partner commerciale del Brasile.

In un'intervista di venerdì, Amorim ha affermato che la politica estera brasiliana sarebbe "pragmatica e non ideologica" se Lula tornasse al potere.

Durante la campagna elettorale del 2018, Bolsonaro ha attaccato la Cina, dicendo che stava "comprando il Brasile", provocando tensioni con la potenza asiatica. Da allora il presidente brasiliano ha attenuato le sue critiche, ma alcuni dei suoi sostenitori di destra si lamentano che Bolsonaro sta permettendo alla più grande economia dell'America Latina di diventare una "colonia cinese" non vietando al colosso cinese delle telecomunicazioni, Huawei, la fornitura di apparecchiature per reti 5G.

Secondo Amorim, l'attrito con Pechino sotto Bolsonaro ha anche causato ritardi nell'ottenimento di attrezzature sanitarie e principi attivi per i vaccini per combattere la pandemia di COVID-19. La Cina ha affermato all'epoca che i ritardi erano dovuti alla burocrazia a seguito delle normative cinesi sulle esportazioni.

Il Brasile ha una partnership strategica con la Cina dal 1994, quando Amorim ha servito per la prima volta come ministro.

I legami economici e politici del Brasile con la Cina sono decollati sotto Lula, la cui visita nel 2004 includeva un'ampia delegazione di 450 rappresentanti delle imprese brasiliane. Amorim è stato ministro degli Esteri di Lula per la sua presidenza 2003-2010 e ha servito come ministro della Difesa dal 2011 al 2014 sotto il successore scelto da Lula, il presidente Dilma Rousseff.

Oggi, le possibilità di cooperazione sono enormi, ha affermato Amorim, poiché la Cina è diventata una delle maggiori fonti di investimento al mondo e il Brasile è la prima destinazione per gli investimenti cinesi in America Latina.

Indice Bovespa. Sul fronte dei multipli, il consenso degli analisti raccolto da Bloomberg indica un P/E medio per l'indice Bovespa intorno a 6,90x e un Dividend Yield intorno all'8%, valori molto attraenti se confrontati con la media mondiale. L'indice MSCI World "gira" con un P/E di 21,50x e un Dividend Yield dell'1,70%. 

Analisi Tecnica. L'indice Bovespa ha segnato i massimi storici a giugno in area 131mila punti. Il ritracciamento successivo ha portato i prezzi a rivedere i minimi dell'anno in zona 100mila punti, prima di innescare una reazione, che si sta rafforzando nelle ultime settimane. 

Operatività. Siamo ottimisti sulle prospettive di lungo periodo della borsa. Sfruttare lo scenario per costruire posizioni di lungo periodo. Comprare ai livelli attuali e incrementare sulla forza alla prima chiusura sopra 120mila. Stoppare prudenzialmente in caso di discesa sotto 98mila punti.

Per investire sul Brasile con la massima diversificazione è disponibile a Piazza Affari il seguente ETF: 

Franklin Ftse Brazil Ucits - Usd (Acc)
Isin: IE00BHZRQY00 
Da inizio 2022  +7,60%. 
L'ETF investe in azioni di grande e media capitalizzazione in Brasile e mira a replicare il più fedelmente possibile la performance dell'indice FTSE Brazil 30/18 Capped. Valuta di denominazione USD. Valuta di quotazione EURO. Costi di gestione 0,19% competitivi, gli altri quattro ETF specializzati sul Brasile quotati a Milano hanno costi che vanno dallo 0,55% allo 0,74% all'anno. Leggi il documento KID.

Gli indici FTSE Russell UCITS Capped sono ponderati per la capitalizzazione di borsa e progettati per limitare la concentrazione in ogni singola azione nel rispetto dei requisiti di diversificazione richiesti dall'Unione Europea (UCITS). In particolare, l'indice Capped FTSE Brazil 30/18 rappresenta la performance delle società medio/grandi quotate sulla borsa brasiliana. Per evitare una concentrazione eccessiva in ogni singola azione, il peso di ciascun componente è limitato ogni trimestre di modo che quello della più grande azienda non superi il 30% e l'eventuale peso delle altre aziende non superi il 18%. La segmentazione settoriale vede al primo posto Financials 32%, seguiti da Materie di base 15%, Oil 13%, Consumer 13%. I primi dieci titoli presenti sono in ordine di peso: 

 

www.websim.it