BANCHE USA +3,3% In vista del record storico

L’indice KBW, rappresentativo del settore bancario statunitense, ha chiuso ieri sera in rialzo del 3,30%, allungando il già brillante +2,6% della prima seduta dell'anno.

Il movimento al rialzo dei tassi di mercato sta cominciando a disturbare una parte dei mercati azionari, ma il cambio di configurazione della curva in atto da un paio di giorni sta aiutando le società che prosperano quando il denaro vale di più. Tra queste ci sono sicuramente banche, assicurazioni e finanziarie. 

Da inizio anno l'indice delle banche USA guadagna il 6,20%, con una netta sovraperformance rispetto ai tre indici principali di Wall Street allineati su guadagni inferiori al +2%.

Il 2021 si è chiuso con un progresso del +45% (in euro), che non trova confronti nel corso del terzo millennio. 

Da notare che il sentiment sui titoli bancari è così solido che solo Citigroup (-2%) ha chiuso l'anno in perdita sui 24 componenti dell'indice.

Il P/E medio aggiornato delle banche USA raccolto da Bloomberg oggi è intorno a 11,40x, uno dei più contenuti di Wall Street. Il dividend yield supera il 2,20% e si confronta con il meno attraente 1,63% del Treasury Note decennale. 

Analisi Tecnica 

La tendenza di fondo è saldamente rialzista a partire dai minimi di marzo 2020. L’indice KBW ha accelerato dopo aver fatto saltare la importente resistenza posizionata nell'area dei precedenti massimi storici a 121,19 punti. La fase successiva ha visto un fisiologico assestamento, che riteniamo propedeutico a ulteriori allunghi. 

In base alle proiezioni di Fibonacci possiamo individuare un obiettivo finale intorno a 200/220 punti (upside +50/60%) con un target intermedio posizionato in area 165/170 punti. 

Operatività. Siamo ottimisti sull'evoluzione dello scenario di fondo. Si suggerisce di incrementare la posizione sfruttando la prima chiusura sopra 143,30 punti. Stop loss sotto 115 punti.


Per replicare l'andamento del Settore Finanziario di Wall Street, allargato ad alcune importanti holding, come la Berkshire Hathaway di Warren Buffett, è disponibile su Borsa Italiana il seguente ETF:

SPDR S&P U.S. Financials Select Sector UCITS 
Isin: IE00BWBXM500 
Negli ultimi 12 mesi: +53,70%

Obiettivo dell'ETF è replicare la performance delle società finanziarie statunitensi di grandi dimensioni comprese nell'indice S&P500. A questo scopo segue il più vicino possibile l'andamento dell'indice S&P Financials Select Sector. Valuta di denominazione USD (subisce l'effetto del cambio euro-dollaro). Commissioni totali annue 0,15%. Non distribuisce dividendo. Leggi il documento KID.  

I primi dieci titoli in termini di peso specifico vedono al primo posto Berkshire Hathaway la holding che raggruppa le principali partecipazioni di Warren Buffett, meglio noto come il "guru di Omaha". JPMorgan  è al secondo posto.

 


www.websim.it