BANCHE ITALIANE - Profumo di OPA su Banco BPM: +7%

L'indice FTSE Italian all-share Banks, che raggruppa i principali titoli bancari quotati a Piazza Affari, oggi perde l'1,5% e si allontana dai massimi degli ultimi quattro anni toccati ieri.

Si sta comunque per completare la nona settimana positiva delle ultime dieci con un guadagno provvisorio intorno al +6%.

Da inizio anno +18%.

Banco BPM +7%, è il protagonista indiscusso della seduta. La quotazione è salita ai massimi da cinque anni,

Secondo Quanto riportato stamattina da Il Messaggero, c'è aria di grandi manovre nel settore delle banche italiane in questi giorni. Nelle sale operative ha cominciato a circolare l'ipotesi che la banca guidata da Andrea Orcel, dopo l’abbandono in autunno della
partita Mps a causa di pretese inconciliabili da entrambe le parti, sia tornata a guardare a banca milanese.

Il quotidiano non riporta dettagli, ma segnala che "nei piani alti della finanza c’è chi non esclude che a cavallo del week end Unicredit possa farsi avanti con una proposta (c’è chi parla addirittura di Opa) di acquisizione dell’istituto di Piazza Meda guidato
da Giuseppe Castagna. Del resto, la voce corre anche in ambienti del governo". 

Analogamente, l'indice Stoxx Banks europeo oggi perde l'1,6% e scivola dai livelli più alti da quattro anni fa toccati ieri, ma si conferma il miglior comparto da inizio anno con un guadagno intorno al +13,0%.

Sui fondamentali, l'indice FTSE Italian all-share Banks presenta un P/E medio di 14,80x con un Dividend Yield medio del 3,80%. L'indice Stoxx Banks registra un P/E medio di 11,0x e un Dividend Yield medio del 3,0%.

Analisi Tecnica. Il quadro grafico del settore bancario italiano (oggi 11.937 punti) è in deciso rafforzamento. L'indice ha toccato il livello più alto dal maggio 2018 e si sta rapidamente avvicinando al primo "tappo" posizionato sulla soglia discriminante in area 12.500 punti. Il superamento di questo livello aprirebbe la strada ad ulteriori allunghi in direzione di area 18.500 punti, massimo del 2015. Ancora lontanissimi i livelli pre-crack di Lehman Brothers, intorno a 28mila punti.

Operatività. Rafforziamo la visione positiva. Accompagnare il rialzo con acquisti in tendenza. Sfruttare eventuali pull back verso area 10.800 punti per comprare sulla debolezza. Primo target 12.500 punti. Solo una discesa sotto area 10.500 punti punti rischierebbe di invertire la tendenza.  



Diversi gli strumenti disponibili su Borsa italiana per intervenire sul settore finanziario italiano/europeo con una logica speculativa/di diversificazione.

Il seguente ETF consente di investire sulle banche italiane senza leva diversificando il rischio emittente. Investe direttamente su un basket di banche italiane appartenenti all'indice FtseMib, ciascuna delle quali con un peso non superiore al 15% del totale. Ciò consente di mantenere una elevata diversificazione all'interno del comparto. I pesi vengono "ribilanciati" su base trimestrale a marzo/giugno/settembre/dicembre. Costo annuo 0,35%. Non distribuisce dividendi. Leggi il documento KID.

Wisdomtree FtseMib Banks  
Codice Isin: IE00BYMB4Q22
Da inizio 2022: +12,90% 

 

Il seguente strumento consente di investire in chiave speculativa sulle banche dell'Eurozona. Lo strumento punta ad amplificare per 3 volte la performance giornaliera dell'indice Eurostoxx Banks. Leggi il documento KID.
Wisdomtree EUROSTOXX Banks 3x Daily Long  
Isin IE00BLS09N40 
Da inizio 2022 +50,0%

Il seguente ETF consente di replicare l'andamento del settore finanziario europeo, rappresentato dall'indice MSCI Europe Financials. Commissioni totali annue 0,30%. Non distribuisce dividendi. Nella tabella seguente i dieci titoli più pesanti. Leggi il documento KID.
SPDR MSCI Europe Financials Ucits
Isin IE00BKWQ0G16 
Da inizio 2022 +8,0% 


www.websim.it