Tesla, ormai non fa più parte dei Magnifici Sette



Idea speculativa su base grafica e/o di newsflow macro/fondamentale, scelta tra Indici, Azioni e Panieri tramite gli ETP di GraniteShares.

Newsflow. Secondo l’analisi del gruppo politico Trasporti e Ambiente, il 25% dei veicoli elettrici venduti nell’UE quest’anno sarà prodotto in Cina. Mentre molti produttori occidentali producono veicoli elettrici in Cina per poi importarli in Europa, Tesla tra questi, i soli veicoli elettrici con marchio cinese rappresenteranno quest’anno l’11% del mercato delle auto elettriche dell’UE, e raggiungeranno il 20% entro il 2027. Tesla, a parte il recente risibile aumento dei prezzi, ha dovuto abbassare i prezzi delle vetture per far fronte a questa concorrenza agguerrita, riducendo i margini. Ha ancora metà del mercato Usa, pressoché impenetrabile per i cinesi, ma altrove la Cina è ormai leader col 58,7% del mercato mondiale e il controllo della filiera: materie prime, loro raffinazione, batterie. Non dando previsioni per il 2024 ma anticipando che non sono più ipotizzabili i tassi di crescita del passato, Tesla si dipinge come un’azienda «normale», che, però, è valorizzata dal mercato in modo «speciale»: 60 volte gli utili attesi a 12 mesi. Nel consenso raccolto da Bloomberg, soltanto il 32% delle case d'investimento ne consiglia l'acquisto. Il target medio è 200 usd.

Scenario grafico di breve-medio periodo. Tesla (ora quota 181 usd, +2%; ieri chiusura a 177,67 usd, +2,9%). Dopo aver segnato i top assoluti nel 2021 a 414 usd, alla fine di un mirabolante rally (minimi del 2019 in zona 12 usd), ha subito un traumatico ritracciamento fino in area 100 usd nel 2022. La reazione successiva non è andata oltre le forti resistenze intorno a 250/300 usd, confermando una notevole perdita di forza assoluta e relativa (verso il Nasdaq). Rimangono molto alti i rischi di rivedere area 100 usd.

27tesla WebSim

 

Operatività multiday con ETP a Leva Fissa su Tesla: a mercato e SOPRATTUTTO su eventuali allunghi verso 200-250 usd, suggeriamo posizioni scalettate con il GraniteShares 3x Short Tesla Daily ETP, Isin XS2656471039, fattore di leva fissa 3x, che ora quota 23,2 usd (MidPrice). Descrizione prodotto qui.

Target: prese di profitto verso 160/150 usd (verso 120/100 usd per i più ambiziosi).

Allerta/Stop loss: sopra 260 usd (meglio se su chiusura hourly o daily).

 

Per maggiori informazioni visita il sito GraniteShares

Trattandosi di strumenti a rischio molto elevato, si invita a leggere con estrema attenzione le seguenti 

AVVERTENZE

A PROPOSITO DI GRANITESHARES

GraniteShares ha visto un rapido aumento nei volumi di trading che ha portato gli Asset Under Management (AUM) a raddoppiare in meno di due mesi, superando ad oggi i $4 miliardi.. L'emittente globale di ETP ha iniziato le sue attività negli Stati Uniti nel 2017 e si è espanso in vari paesi europei, raggiungendo l'Italia alla fine del 2021. L'interesse per i prodotti di GraniteShares è evidenziato dai volumi di trading sulla sua piattaforma, che hanno registrato una crescita significativa. Gli investitori stanno utilizzando sempre di più gli ETP a leva su singoli titoli, come ad esempio quelli legati a Nvidia, che hanno visto un aumento dei volumi a seguito dei risultati trimestrali positivi del produttore di chip; così come gli ETP legati a Coinbase, Microstrategy e Meta registrando volumi crescenti e offrendo un modo alternativo per fare trading sulle criptovalute


Responsabile Analisi Tecnica