COMUNICAZIONE DI MARKETING

Un All Coupon per investire sui settori trainanti di Piazza Affari

Logo di BNP
XS2538973178
Blue Chip Italiane
105,35  €

Ultimo aggiornamento alle 10:00 del 12/07/2024

Tipologia:
3Y All Coupon Cash Collect
Sottostante:
UniCredit - Intesa Sanpaolo - Eni - Enel
Rendimento medio annuo:
5,72%

Investire è un’attività complessa, tanto quanto comprendere le diverse esigenze degli investitori. La ricerca di un buon bilanciamento tra rischio e rendimento accomuna sicuramente la maggior parte di essi, ma se si parla di certificati, non tutti gli investitori la pensano allo stesso modo. Alcuni accettano senza problemi l’autocall, e quindi l’opzione di richiamo anticipato da parte dell’emittente, mentre al contrario altri lo ritengono uno strumento inefficiente e quindi un vero e proprio limite per questi prodotti. 

Ma come sappiamo la cosa bella dei certificati è proprio la loro flessibilità, con BNP Paribas che anche questa volta è riuscita a trovare una soluzione innovativa per accontentare anche questa tipologia di investitori, lanciando sul mercato una nuova famiglia di certificati che potrebbe far gola a molti.

Già l’iconico nome “All Coupon Cash Collect” svela subito il grande vantaggio di questa nuova struttura: in caso di autocall, l’investitore incasserà tutti i premi previsti per l’intera durata del certificato, ottenendo così il massimo rendimento ottenibile, ma ben prima della naturale scadenza del prodotto.

Oggi andiamo proprio ad approfondire le potenzialità e i punti di forza di questa generazione di certificati targata BNP, focalizzandoci in particolar modo sul nuovissimo prodotto ISIN XS2538973178. Lo strumento in questione punta su UniCredit, Intesa Sanpaolo, Enel ed Eni, società che oltre ad essere tra le più capitalizzate in Italia, appartengono anche ai tre settori trainanti di Piazza Affari: finanziari, energetici e utility. Ma non solo, perché come vedremo in seguito lo strumento di cui vi parliamo oggi riesce anche ad offrire un ottimo payoff (8,16% annuo), a fronte di un’ampia protezione (barriere al 50%) e nonostante il “costo” dell’opzione All Coupon.

All Coupon Certificate: se rimborsa paga tutto

Data la natura innovativa di questi prodotti, prima di andare ad approfondire tutte le funzionalità e l’andamento dei titoli sottostanti del nuovo strumento, direi che vale la pena soffermarci un attimo sulle caratteristiche peculiari che lo rendono, a nostro avviso, un prodotto vincente.

Gli All Coupon si basano infatti sui classici Cash Collect Certificate, strumenti di investimento molto apprezzati negli ultimi anni dagli investitori italiani grazie alla loro semplicità, ma anche per via del rendimento che riescono a pagare, a fronte di un rischio ridotto dalla presenza di barriere, a volte molto profonde.

Ma non solo, perché gli All Coupon oltre ad avere di base la struttura semplice e ben conosciuta dei Cash Collect sono stati potenziati da BNP con l’introduzione come dicevamo dal vantaggio di pagare tutte le cedole future previste fino a scadenza nel caso di rimborso anticipato. Un grande vantaggio dato che in caso proprio in caso di rimborso anticipato, anche solo dopo un anno di vita dello strumento, l’investitore otterrebbe anticipatamente e in una sola volta tutto il massimo rendimento ottenibile dalla strategia.

Investire sui tre settori d’eccellenza 

Dopo la revisione delle aspettative degli ultimi mesi, ad oggi la tendenza dei tassi di interesse sembrerebbe ormai essere definita, con la quasi totalità degli analisti che scontano un primo taglio dei tassi da giugno. In questo contesto, i titoli finanziari, dopo aver trascinato nell’ultimo anno al rialzo l’intero listino principale di Piazza Affari, anche nel 2024 potrebbero continuare ad ottenere solidi profitti grazie ai buoni margini di interesse. Anche le utility e le aziende energetiche potranno godere di questa tendenza di calo del costo del denaro, un’ottima notizia per queste società che grazie al ridimensionamento dei costi di finanziamento potranno allocare maggiori risorse alla crescita e all’innovazione.

Ma non solo, perché ricordiamo che le utility sono il comparto difensivo per natura e quindi potrebbero proteggere il portafoglio in caso di ritracciamento del mercato o di una recessione.

Per cercare di cogliere le opportunità in questi settori, una buona soluzione di investimento è rappresentata dal nuovo certificato All Coupon di BNP Paribas con ISIN XS2538973178, che punta proprio sul basket worst of composto da UniCredit, Intesa Sanpaolo, Eni ed Enel.

Il certificato in questione ha una durata di 3 anni (scadenza al 22 marzo 2027) e nonostante l’introduzione della nuova opzione All Coupon riesce comunque a pagare premi mensili con “effetto memoria” dello 0,68%, per arrivare così ad un rendimento annuo potenziale dell’8,16%. Ma i vantaggi non finiscono qui dato che lo strumento vanta il posizionamento delle barriere profonde al 50% degli strike iniziali sia per i premi che a scadenza. Questo significa avere a scadenza una protezione fino ad un crollo di ben il 50% dai livelli di riferimento iniziali e che come vedremo sono posizionate al di sotto di importanti aree supportive.

In caso di Autocall al primo anno paga subito oltre il 24%

Come abbiamo visto, il grande vantaggio di questa nuova tipologia di certificati di BNP è quello di permettere all’investitore di ricevere, in caso di rimborso anticipato, tutte le cedole future, oltre a quelle eventualmente non pagate prima (effetto memoria). 

Ovviamente la condizione necessaria perché questo avvenga, i titoli del basket si devono trovare nelle date di osservazione Autocall si devono trovare al di sopra dei rispettivi livelli strike (trigger autocall al 100% degli strike iniziali).

Nel caso attuale, il certificato ISIN XS2538973178 prevede due possibili date per il rimborso anticipato (Autocall): 31 marzo 2025 (con data di osservazione il 20 marzo 2025) e 31 marzo 2026 (con data di osservazione il 20 marzo 2026). Se allora ipotizziamo l’acquisto alla pari, nessun evento barriera e il richiamo anticipato dopo solo un anno (20 marzo 2025), il certificato grazie alla caratteristica dell’All Coupon pagherà tutte le cedole passate e future. Nel caso specifico ciò equivale ad un rendimento di 24,48 euro a certificato nei tre anni di vita e quindi nel caso di Autocall dopo solo un anno, BNP pagherà all’investitore 116,32 euro per i due anni residui, a cui si aggiungono i premi del primo anno (che ipotizziamo siano stati già pagati) per un ammontare di 8,16 euro a certificato.

E se non viene richiamato anticipatamente?

Ovviamente il certificato ISIN XS2538973178 potrebbe anche non essere richiamato anticipatamente arrivando così alla sua naturale scadenza (marzo 2027) e in tal caso il meccanismo di rimborso sarà identico a quello dei classici Memory Cash Collect:

  • Se i tre titoli saranno al di sopra della barriera al 50% il certificato rimborserà il valore nominale più l’ultimo premio ed eventuali premi già pagati (totale 124,48 euro). 
  • Se anche solo uno dei sottostanti del basket sarà al di sotto della barriera al 50%, allora il certificato pagherà la performance del titolo peggiore (worst of). In tal senso, nel caso di un crollo del 70% di uno dei tre titoli del paniere, allora il certificato rimborserà 30 euro a pezzo.

Ricordiamo infine che, così come per i Cash Collect, anche gli All Coupon sono strumenti che ben si prestano per chi ha anche l’esigenza della compensazione fiscale, dato che le cedole essendo considerati redditi diversi possono permettere la compensazione di eventuali minusvalenze in portafoglio.

Guarda l'analisi

Disclaimer:

Il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 6 su una scala da 1 a 7. L’investimento in questa tipologia di Certificate espone il risparmiatore al rischio default dell’emittente e, in generale, ad eventi di credito delle reference entity. Tutti i rendimenti espressi sono al lordo delle imposte.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza nemmeno generica o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Ricordiamo, prima dell’adesione, di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: Clicca qui.

Per maggiori informazioni, leggere attentamente la pagina relativa alle avvertenze. Clicca qui.

COMUNICAZIONE DI MARKETING