COMUNICAZIONE DI MARKETING

Il certificato giusto per cavalcare il taglio dei tassi

Logo di Leonteq
CH1314028635
Indici
1.000,00  €

Ultimo aggiornamento alle 10:00 del 22/07/2024

Tipologia:
100% Certificato con Protezione del Capitale e partecipazione
Sottostante:
Leonteq European High Yield Bond Funds 4%RC Index
Rendimento medio annuo:
NaN%

Anche se negli ultimi mesi sono più volte cambiate le aspettative, a partire da quest’anno le banche centrali di Europa e Stati Uniti sono attese tagliare i tassi di interesse. In ogni caso, le tempistiche rimangono ancora incerte con i banchieri centrali che non si sbilanciano sul preannunciare quando partiranno ufficialmente gli attesi tagli del costo del danaro, dato che rimangono alcune incognite principalmente legate all’effettivo calo dei prezzi al consumo. Un taglio troppo repentino e marcato dei tassi potrebbe infatti rischiare di far ripartire la corsa dei prezzi che abbiamo osservato a partire dal 2021, ma allo stesso tempo l’alto livello attuale del costo del denaro potrebbe frenare troppo l’attività economica.

Per tutti gli investitori che si trovano d’accordo con questa view di mercato e che desiderano quindi cavalcare questa tendenza di calo dei tassi, ma senza rinunciare ad una protezione in caso di un ulteriore cambio delle aspettative del mercato, allora troviamo in evidenza il certificato a capitale protetto 100% di Leonteq. Lo strumento (ISIN CH1314028635) investe senza cap a leva 2,3X (e quindi con una partecipazione a scadenza del 230%) sull’indice Leonteq European High Yield Bond Funds 4%RC.

L’indice in questione racchiude ed equi pesa quattro fondi su Bond High Yield europei, limitando la volatilità al 4% annuo. Ma non è tutto, infatti, grazie all’innovativo meccanismo “look back”, lo strumento fisserà il livello di strike sui livelli più alti di rendimento realizzati proprio da questo indice durante i suoi primi dodici mesi di vita. Un grosso vantaggio per l’investitore dato che con il look back si tiene conto di eventuali spike che i tassi potrebbero fare, favorendo così la massima performance a scadenza.

Ma prima di soffermarci sullo strumento, analizzando nel dettaglio tutte le sue caratteristiche e i punti di forza, è bene partire dal contesto attuale. Un’analisi utile per capire quali sono i principali market mover che nei prossimi mesi potranno impattare sull’andamento del mercato obbligazionario e quindi sull’evoluzione dei tassi. Come vedremo sono diversi i motivi per cui nell’attuale contesto di mercato riteniamo interessante il certificato di Leonteq. I motivi? Ti permette di puntare sul taglio dei tassi di interesse senza rinunciare alla protezione del capitale, il tutto unito con la forza del rendimento amplificato dalla leva e con un rischio ridotto dalla volatilità controllata al 4%.

Banche centrali pronte ad un cambio di rotta sui tassi

Saranno settimane intense, con tutti gli operatori di mercato che sono in attesa della seconda tornata del 2024 di riunioni delle principali banche centrali. Partirà proprio oggi la Banca Centrale Europa (BCE), con la Presidente Lagarde che, nonostante il calo dell’inflazione e la debolezza di alcuni Paesi (vedi Germania) e dati economici, non dovrebbe toccare i tassi, che al momento rimangono quindi al 4,5%. Stesso discorso oltreoceano, con il Presidente Fed Powell che nella riunione del prossimo 20 marzo è atteso lasciare i tassi nel range 5,25-5,5%.

Allungando però l’orizzonte temporale le cose cambiano sensibilmente, con le aspettative del mercato, che a fine anno vedono dei tagli al costo del denaro, dopo due anni di aumento. Entrando più nello specifico, in Europa al momento il tasso sui depositi (facility rate) si trova al 4%, con le attese che stimano da qui a fine anno tre tagli dei tassi da 25 punti base l’uno (a partire dall’estate) che dovrebbero così portare il tasso intorno al 3,25%.

Puntare sui tagli dei tassi con rendimento amplificato e protezione 

Per tutti gli investitori che sono alla ricerca di una soluzione di investimento in grado di sfruttare il graduale taglio dei tassi di interesse, un’ottima soluzione di investimento è la proposta di Leonteq.

In particolare, lo strumento ISIN CH1314028635 replica a scadenza la performance dell’indice proprietario Leonteq European High Yield Bond Funds 4%RC senza cap e con leva 2,3X. Il certificato è a capitale protetto 100%, e quindi, a meno del fallimento dell’emittente, a scadenza il prodotto restituirà il valore nominale di 1.000 euro e attualmente si compra anche a sconto a 974 euro. In caso negativo, e quindi se il prezzo dell’indice dovesse scendere nei cinque anni di vita del prodotto (scadenza a gennaio 2029), l’investitore porterebbe a casa, in ogni caso, il valore nominale del certificato.

Al contrario, in caso positivo, e quindi se i tassi come da attese scenderanno (con conseguente salita dei prezzi), a scadenza il certificato propone una leva 2,3X (e quindi una partecipazione del 230% sull’investimento). Ciò significa che, ad esempio, se il prezzo dell’indice di Leonteq dovesse chiudere con un rialzo del 10% a scadenza, la performance del certificato sarebbe del 23%, con un rimborso di 1.230 euro. Se fosse del 20%, allora la performance del certificato sarebbe del 46% e il prodotto rimborserebbe 1.460 euro.

L’indice su cui si basa lo strumento (ISIN CH1314028635) è un indice proprietario di Leonteq, il “Leonteq European High Yield Bond Funds 4%RC”. Per tutti i dettagli dell’indice vi rimandiamo alla pagina dell’emittente, ma sostanzialmente si tratta di un indice che permette di esporsi a un paniere equamente ponderato di 4 fondi comuni di investimento. Ognuno dei fondi ha un portafoglio gestito attivamente di obbligazioni High Yield emesse in Europa. Nel dettaglio, i fondi sono: 

  • ODDO BHF European High Yield Bond Fund, 
  • Fidelity European High Yield Bond Fund, 
  • Nordea European High Yield Bond Fund,
  • HSBC Euro High Yield Bond Fund. 

La strategia dell’indice gestisce dinamicamente l'esposizione al portafoglio dei fondi in modo da raggiungere un livello di volatilità pari o inferiore al 4%. In generale, l'esposizione al portafoglio viene aumentata nei periodi di bassa volatilità e diminuita in quelli di alta volatilità. Logicamente il controllo della volatilità serve per ridurre il costo delle opzioni sottostante al certificato, ma allo stesso tempo frena anche ai guadagni dell’indice che però in questo caso sono amplificati dalla presenza della leva a scadenza del 2,3X sulla performance complessiva dell’indice.

Effetto look back per rendere massimo il rendimento

La grande novità e punto di forza di questo prodotto è la presenza dell’effetto look back, una caratteristica non facile da trovare sui certificati a capitale protetto. Questo rappresenta un grande vantaggio perché lo strike vero e proprio, il prezzo per intenderci da cui sarà calcolata la performance dell’indice a leva, viene fissato nel corso dei prossimi dodici mesi di vita. Il certificato prevede infatti tredici date di monitoraggio mensili (la prima è quella del 19 gennaio che rappresenta per ora il livello iniziale a 2.091,39 euro, mentre la seconda era il 19 febbraio). Ne mancano dunque undici, con lo strike definitivo che sarà fissato sul prezzo di chiusura più basso segnato dall’indice in queste date. Come dicevamo è un grosso vantaggio data la volatilità attesa durante l’anno, con il calo dei tassi che non sarà lineare rimanendo così sulle montagne russe in balia anche di guerre e tensioni geopolitiche. 

Ricordiamo che alla pagina di Websim analisi certificati avanzata, trovate tutte le caratteristiche principali del prodotto riassunte, tra cui i livelli di strike, le barriere, la distanza da strike e barriera dei titoli o indici, volatilità implicita a 1 anno e correlazione dei sottostanti, oltre a tanti altri dati utili per valutare il prodotto.

 

Guarda l'analisi

Disclaimer:

Il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 3 su una scala da 1 a 7.

L’investitore è esposto anche al rischio default dell’emittente e alla perdita totale del capitale investito, in caso di azzeramento del valore di uno dei sottostanti.

Ricordiamo, prima dell’adesione, di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente. Clicca qui.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Per maggiori informazioni, leggere attentamente la pagina relativa alle avvertenze. Clicca qui.

COMUNICAZIONE DI MARKETING