Free Area

Vontobel mette l’airbag al mercato

<p style="margin-right: 0cm; margin-left: 0cm; font-size: 12pt;font-family:Times New Roman; margin-top: 0cm; background-image: initial; background-size: initial; background-attachment: initial; background-origin: initial; background-clip: initial"><s
l certificate con Isin DE000VE85VR4 di Vontobel ha come sottostanti tre big di Piazza Affari, Intesa, Enel e Eni, stacca cedole semestrali del 3,73 euro, 7,4% annuo, con barriera che protegge fino a cali del 50%, effetto memoria e opzione airbag. Durata tre anni e possibilità di rimborso anticipato. Prodotto con forte protezione, emesso solo il 12 marzo 2020.

Comunicazione di marketing

Crolli e volatilità travolgono i mercati. Non ci sono più punti fissi, e neanche le manovre delle banche centrali riescono a stabilizzare la situazione. In una sola giornata i principali indici europei riescono a passare più volte dal rialzo a ribasso con escursioni anche di 10 punti percentuali.

Lo spaccato di mercato attuale lascia poco respiro al rischio, portando le scelte del singolo a scappare dalle azioni per dirottarsi verso titoli di stato, beni rifugio e prodotti con elevata protezione del capitale a scadenza. La volatilità è ai massimi dal 2008 a 87 punti.



In un contesto come quello attuale, giocare contro la volatilità è spesso inutile e rischioso al contrario, avere la volatilità dalla propria parte può essere un vantaggio. Come? Andando a selezionare dei certificate emessi da poco quando la volatilità era già alta. In questo caso abbiamo un doppio beneficio perché se da un lato paghiamo poco il certificate in quanto l’aumento della volatilità ne ha fatto cadere il prezzo, dall’altro abbiamo ancora una protezione elevata. Per guadagnare basterà che la volatilità si abbassi o che i sottostanti non crollino sotto la barriera.

Abbiamo selezionato un certificate iper protettivo: emesso da poco, con barriera profonda e opzione airbag, emesso da Vontobel con Isin DE000VE85VR4 e sottostanti tre big di piazza Affari Eni, Enel e Intesa. Barriera al 50%, cedole del 7,46% annuo, effetto memoria e protezione airbag. Nonostante il crollo dei mercati, le barriere sono ancora molto distanti.

Funzionamento del certificate

A partire da settembre 2020 il prodotto staccherà cedole semestrali condizionate pari a 3,73 euro (7,46% annuo al lordo delle imposte) se tre big del panorama italiano Enel, Eni e Intesa Sanpaolo non perderanno oltre il 50% dal livello iniziale. Il certificate ha una durata di tre anni e, da settembre 2020, godrà della possibilità di rimborso anticipato.

Il prezzo di riferimento iniziale è:

  • Eni: 8,525 euro  
  • Enel: 6,982 euro
  • Intesa Sanpaolo: 1,7856 euro

Il certificate oggi quota sotto la pari 88,9 euro, dai 100 euro del prezzo d’emissione.

Una tabella riassuntiva con le caratteristiche principali del prodotto:

I valori attuali dei tre sottostanti sono ancora distanti dal livello di barriera posta al 50% dal valore iniziale, e oggi quotano:

  • Eni: 6,68 euro vs valore iniziale: 8,525 euro  
  • Enel: 5,42 euro vs valore iniziale: 6,982 euro
  • Intesa Sanpaolo: 1,38 euro vs valore iniziale: 1,7856 euro

Cedole semestrali condizionate

Il certificate stacca cedole semestrali condizionate pari a 3,73 euro, (pari al del 7,46% annuo al lordo delle imposte) se, ad ogni data di valutazione, tutti e tre i sottostanti si trovano sopra al livello di barriera, posta al 50% dal livello iniziale.

Effetto memoria

Il certificate gode dell’effetto memoria che permette di recuperare tutti i coupon mensili non distribuiti in precedenza. In particolare se uno o più sottostanti, in date di valutazioni precedenti, si sono trovati sotto la barriera, il certificate non stacca la cedola. Il coupon non è perso: alle date di valutazione successive, in caso i sottostanti si riportino sopra ai livelli di barriera, scatta l’effetto memoria che consente di recuperare le eventuali cedole non distribuite precedentemente, oltre a quella del mese in corso.

Rimborso anticipato (a partire dal 6° mese dall’emissione)
Il certificate gode della possibilità del rimborso anticipato.

A partire da settembre 2020 fino a marzo 2021, se tutti e tre i sottostanti, alla prima data di valutazione semestrale, quoteranno sopra al 120% del livello iniziale, il certificate verrà rimborsato al valore nominale (100 euro) con stacco della cedole di quel mese e quelle eventualmente non distribuite precedentemente. A partire poi da marzo 2021 fino a scadenza, la medesima condizione verrà garantita se i tre sottostanti quoteranno sopra al livello iniziale (100%).

Qualora la condizione non sia soddisfatta in nessuna delle date di valutazione, il prodotto continua a quotare fino a scadenza.

Durante i tre anni dunque sottostanti possono anche dimezzarsi, l’importante è che a scadenza siano sopra la barriera.

Rimborso a scadenza
Gli scenari alla scadenza sono due:

1. se tutti e tre i sottostanti sono superiore o uguale al 50% del livello iniziale, l’investitore riceverà 100 euro più lo stacco di tutte le cedole eventualmente non distribuite grazie all’effetto memoria.

2. Se il prezzo di anche solo un sottostante, alla data di valutazione finale, si troverà sotto al suo livello di strike (50%), l’investitor, grazie all’effetto airbag, riceverà un pagamento eguale alla performance del peggior sottostante rispetto alla barriera e non rispetto al livello iniziale. 

Facciamo un esempio: se a scadenza il titolo peggiore avrà perso il 52% dal livello iniziale e dunque il 4% dalla barriera il certificate verrà rimborsato a 96 euro (100-4).

Ricordiamo che ogni certificate è esposto al rischio default dell’emittente e nel caso in cui uno dei sottostanti si azzerasse anche il valore del certificate a scadenza si azzererebbe.

Il certificate è caratterizzato da un livello di rischio pari a 4 su una scala che va da 1 a 7. Consigliamo di leggere sempre il Kid e il prospetto informativo reperibili sul sito dell’emittente (clicca qui).

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.


Comunicazione di marketing