Websim Journal

Tudor Jones - Quel che luccica è tutto oro

<p><em>A cura di Tommaso Rossi. </em></p><p>Paul Tudor Jones, famoso gestore americano di Hedge Fund, ha rilasciato un’intervista a Bloomberg nella quale espone le sue previsioni a proposito dei futuri movimenti del mercato e i suoi consigli d’acquis
Il famoso gestore di hedge funds vede il metallo prezioso a 1.700 dollari,+20%

A cura di Tommaso Rossi. 

Paul Tudor Jones, famoso gestore americano di Hedge Fund, ha rilasciato un’intervista a Bloomberg nella quale espone le sue previsioni a proposito dei futuri movimenti del mercato e i suoi consigli d’acquisto per trarre il massimo profitto da questo periodo che si prospetta di crescita.

Tudor Jones gestisce asset per oltre 40 miliardi di dollari attraverso un serie di hegde funds, sede operativa a Greenwich nel Connecticut. La sua carriera è stata costellata da successi tanto che il suo nome nel 2017 è stato inserito da Forbes nella lista delle 120 persone più ricche al mondo. Tudor Jones ha iniziato nel 1980 come floor trader sul mercato del cotone e ha guadagnato, in tempi rapidi, alcuni milioni di dollari. Nel 1984 ha lanciato il Tudor Futures Fund con un capitale gestito di 1,5 milioni di dollari che, solo quattro anni dopo, avrà un valore pari al 1700% del capitale iniziale. 

Per Tudor Jones  l’approccio mentale giusto è pensare sempre ai potenziali rovesci e non agli ipotetici guadagni. Gli errori sono un’ottima  opportunità di apprendimento, bisogna saper cambiare velocemente opinione sul mercato e rimediare. Infatti, uno dei suoi 7 mantra è: “Non fare l’eroe. Non avere un ego. Non eccedere in sicurezza”.

La sua visione dei mercati. 

Secondo Jones, la guerra dei dazi tra tra Stati Uniti e Cina, costringerà la Fed a tagliare i tassi, contrariamente a quanto fatto da giugno 2018 a gennaio 2019, quando la banca centrale Usa li aveva alzati per tre volte e per 25 punti base ogni volta. 

Il rischio che il presidente cinese Xi Jinping non sia presente al prossimo summit del G20 di fine giugno aumenta la probabilità che Trump ritocchi ulteriormente i dazi sui prodotti cinesi del 25% o più su 300 miliardi di beni provenienti dalla seconda economia più grande al mondo. Questo scenario invertirebbe la tendenza all'espansione dell'economia americana e del commercio globale che perdura da 75 anni, e potrebbe essere, secondo Tudor Jones, la svolta in grado di spingere il mondo verso una recessione. 

Il ciclo di tagli dei tassi sarà, sempre secondo il miliardario 64enne, breve ma intenso e gli investitori dovranno essere veloci e attenti per capitalizzare al meglio le opportunità che verranno a crearsi.

In vista dei tagli Jones suggerisce la seguente operatività: acquistare AZIONI, TREASURY BOND e ORO.

In particolare l’oro è la sua scelta numero uno per i prossimi 12-24 mesi. “Se l’oro dovesse raggiungere i 1.400 usd” spiega “volerebbe rapidamente a 1.700 usd” con una rivalutazione potenziale del 20%. Oggi la quotazione è sui massimi dell'anno attorno a 1.355 usd.

www.websim.it