Titoli Caldi

THE ITALIAN SEA GROUP +1,7% Utile netto +163% nel 2021, conferma la guidance

<p> The Italian Sea Group [TISGR.MI], società globale della nautica di lusso, è in rialzo del +1,7%. </p><p>La società ha pubblicato i risultati relativi all'esercizio 2021. I ricavi totali sono stati pari a 186 milioni di Euro, +60,3% rispetto ai 11
Proposto un dividendo di 0,185 Euro per azione

The Italian Sea Group [TISGR.MI], società globale della nautica di lusso, è in rialzo del +1,7%. 

La società ha pubblicato i risultati relativi all'esercizio 2021. I ricavi totali sono stati pari a 186 milioni di Euro, +60,3% rispetto ai 116 milioni dell'esercizio precedente.

La divisione Shipbuilding ha registrato ricavi per 164 milioni di Euro, in aumento rispetto ai 98 milioni di Euro del 2020. La divisione Refit per 22 milioni di Euro, in aumento rispetto ai 14 milioni di Euro del 2020.

L'EBITDA ammonta a 28 milioni di Euro, +93% rispetto ai 14,5 milioni di Euro del 31 dicembre 2020, con un EBITDA margin pari al 15% rispetto al 12,5% del 2020. 
L'incremento della redditività è riconducibile ad un aumento nel prezzo delle vendite, grazie al posizionamento del brand nella fascia più alta di mercato, all'efficientamento dei costi e ad un impatto limitato dell'aumento dei prezzi delle materie prime, grazie a efficienti sinergie con i fornitori.

L'EBIT si attesta a 21,7 milioni di Euro, +131% rispetto ai 9,4 milioni di Euro del 2020, con un'incidenza sui ricavi pari a 11,7%.

L'Utile Netto è pari a 16,3 milioni di Euro, +163% rispetto ai 6,2 milioni di Euro del 2020.

Gli investimenti hanno raggiunto la cifra di 26 milioni di Euro al 31 dicembre 2021, +92% rispetto al 2020.

La Posizione Finanziaria Netta è positiva per 41 milioni di Euro, rispetto a un indebitamento netto di 8,3 milioni di Euro al 31 dicembre 2020.

L'Order book (valore complessivo del portafoglio ordini) di shipbuilding e refit è pari a 827 milioni di Euro, corrispondente al +37% rispetto al 31 dicembre 2020.
Il Net Backlog (valore complessivo dei contratti in essere relativi a yacht non ancora consegnati al netto dei ricavi già iscritti nel conto economico) di shipbuilding e refit, è pari a 536 milioni di Euro. 

Al 31 dicembre 2021 risultano in produzione 27 commesse.

Alla luce dei risultati dell'esercizio 2021, la Società conferma la Guidance 2022, che prevede un aumento dei Ricavi Totali tra i 280 e i 295 milioni di Euro, con un'ulteriore crescita rispetto al 2021 di circa il 55% e un EBITDA Margin del 15,5%. 
La Guidance riflette il contributo dell'acquisizione di Perini Navi in termini di aumento dei Ricavi. 

Nel 2022 si prevedono Investimenti che comprendono 9 milioni di Euro destinati al completamento del piano di investimento TISG 4.0 e 10 milioni di Euro per il TISG 4.1. Inoltre, saranno investiti 1,8 milioni di Euro nel periodo 2022-2023 per la messa a punto dei due siti produttivi di Viareggio e La Spezia rilevati dall'acquisizione e già resi operativi. 

Il Consiglio di Amministrazione proporrà all'Assemblea degli Azionisti il pagamento di un dividendo, relativo all'esercizio 2021, pari ad Euro 0,185 per azione. Il totale dei dividendi, pari a 9,8 milioni di Euro, corrisponde a un pay-out di circa il 60% del risultato netto di Gruppo (+58% rispetto al dividendo 2020).

Per quanto concerne il conflitto tra Russia e Ucraina, la società conferma l'esigua esposizione del proprio Net Backlog nei confronti del mercato russo, con il quale risulta in essere soltanto una commessa prevista in consegna nei primi mesi del 2023. Il management del Gruppo conferma inoltre che l'avanzamento di tutte le commesse attualmente in portafoglio e le attività di refit stanno proseguendo senza alcun rallentamento e nessun ordine è stato cancellato né si sono registrati ritardi nei pagamenti degli Stati di Avanzamento Lavori (SAL) contrattuali

www.websim.it