Websim Journal

RELATECH - Dai clienti fedeli ai ricavi persistenti

<p>Ricerca, sviluppo di nuove soluzioni ed acquisizioni sono gli ingredienti della ricetta seguita da Relatech, Digital Solution Company quotata su AIM Italia dal giugno 2019. La società è una PMI innovativa, presente sul mercato con soluzioni dedica
Parlano i manager della PMI innovativa che indica alle società la via della trasformazione digitale

Ricerca, sviluppo di nuove soluzioni ed acquisizioni sono gli ingredienti della ricetta seguita da Relatech, Digital Solution Company quotata su AIM Italia dal giugno 2019. La società è una PMI innovativa, presente sul mercato con soluzioni dedicate alla  trasformazione  digitale delle imprese.

Pochi giorni fa, sono stati resi noti i conti del primo semestre del 2019, i più abbondano: i ricavi, infatti, sono cresciuti del 42% a quota 9 milioni di euro, con un risultato netto rettificato di 0,7 milioni e una base clienti incrementata del 48%.

“La semestrale ha rispecchiato gli obiettivi che ci eravamo prefissati”, spiega a Websim.it Pasquale Lambardi , amministratore delegato e fondatore di Relatech, “è un risultato frutto della crescita per linee interne e, in parte, per linee esterne con l’acquisizione di Con.nexo a fine 2018”. Nel semestre, c'è stato un balzo dei ricavi ricorrenti, +146% a 1,9 milioni di euro (21% del totale ricavi totali): “I nostri continui investimenti in ricerca e sviluppo, pari al 9% dei ricavi, ci hanno permesso di realizzare un business model scalabile e basato sui ricavi ricorrenti. Anche la marginalità è in crescita”.

L’asset più importante di Relatech si chiama RePlatform, piattafforma cloud composta da 4 famiglie teconologiche quali Digital customer   Experience ,  A.i Machine learning , Blochchain Cyber  Security , Iot , Repaltform  costituisce al contempo l’elemento fondante della proposizione commerciale ed il contenitore delle competenze, esperienze e proposte dell’azienda.

La piattaforma è modulare ed esportabile su più mercati, infatti,  tra i clienti del gruppo, ci sono realtà dei settori farmaceutico, retail, bancario, trasporti ma anche food, tech e utilities.
Tra le verticalizzazioni della piattorfma, vi è ReZone, Artificial Intelligence customer engagement solution, la soluzione Relatech per il mondo Retail.

“Cosa permette di fare ReZone ? Il Brand può avere una visione custom centrica”, spiega Silvio Cosoleto, Vice President of Sales  e azionista della società, “ gestire l‘omnicanalita, i dati e il marketing, attraverso un’interazione a 360 gradi con il consumatore”. ReZone permette di analizzare il comportamento del cliente per migliorare la qualità della sua esperienza d’acquisto ed aumentare la fidelizzazione verso il Brand di riferimento.

Per il Brand Apoteca Natura, del gruppo Aboca, abbiamo personalizzato la nostra soluzione ReZone sviluppando per loro Health&Loyalty System, un sistema digitale di condivisione dati e informazioni sulla salute che integra in un unico supporto uno strumento rivolto al farmacista (dashboard) e un’app rivolta al consumatore (MyApotecaNatura). Nasce per migliorare la gestione della salute di ognuno di noi e al contempo valorizzare il lavoro del farmacista.

Relatech, fondata nel 2001, si è quotata su Aim, l’indice di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese. Un balzo che Lambardi riteneva necessario per accelerare il processo di crescita: “Si è aperta una nuova fase della nostra storia”, dice l’AD ,. L’obiettivo adesso è investire le risorse della quotazione nell’inserimento di nuovi ricercatori e figure specializzate nel settore dell’intelligenza artificiale, della cybersecurity, della blockchain e dell’IoT . 
Inoltre, cresceremo per l'ine esterne tramite  nuove acquisizioni. Per questo stiamo individuando i target giusti, al fine di ampliare e diversificare il nostro portafoglio clienti. Andremo alla ricerca di nuove partnership tecnologiche, da aggiungere a quelle con Ibm, Microsoft e Oracle”.

In tutto, la società guidata da Lambardi conta più di 200  dipendenti distribuiti sulle quattro sedi di Milano, Genova, Napoli e Rende, in Calabria. L’azienda nel futuro continuerà a svilupparsi, guardando con interesse a intelligenza artificiale, blockchain, industria 4.0 e internet delle cose. L’attività di ricerca viene svolta da laboratori interni, ma anche attraverso collaborazioni con le università e Cnr: “Tra i nostri partner ci sono professori universitari”, spiega ancora l’ad, “con loro sviluppiamo uno scambio continuo che arricchisce il nostro know how e ci permette di trasferire competenze dentro l’azienda”.

www.websim.it