Logo Intermonte
seguici su:
seguici su facebookseguici su twitterseguici su youtube
CERCA NEWS
Cerca
Ricerca Avanzata
15/10/2018
14:45
Portafoglio Websim MID/SMALL CAP Piazza Affari: -11,50% da inizio 2018. Tutta colpa del DEF?
di a cura dell'Ufficio Studi
Lo scontro frontale tra governo giallo-verde e Europa ha provocato un pesante arretramento di tutte le categorie di azioni italiane ...
AZIONI MID/SMALL CAPS DA NON PERDERE
1510portmid.png

(*) Specifichiamo che la Performance dei singoli titoli è quella del periodo 1 Gennaio 2018 -12 Ottobre 2018 (non annualizzata). Ciò consente un confronto omogeneo. NON si tratta della performance dalla data del nostro inserimento perché del tutto fuorviante ai fini della corretta operatività. In rosso gli eventuali nuovi inserimenti.

La performance è confrontabile con quella dei seguenti indici: 
Rendimento FtseMib -11,50%
Rendimento FtseMid Cap -14,50%
Rendimento Ftse Small Cap -20%
Rendimento Ftse It Star -9,40%
Rendimento Ftse Aim Italia -4,50%

COMMENTO.

Lo scontro frontale tra governo giallo-verde e Europa in tema di rapporto deficit/pil ha provocato un pesante arretramento di tutte le categorie di azioni che compongono gli indici principali della borsa italiana. Blue chip e società a minore capitalizzazione hanno praticamente viaggiato a braccetto da maggio in poi, come evidenzia bene l'immagine sotto che mette a confronto l'andamento delle blue chip (verde) con l'andamento delle società a media capitalizzazione (rosso).  

1510mid.png

Si sono salvate (nel senso che hanno perso meno terreno) le 'eccellenze' comprese nel Ftse Star e le società a piccolissima capitalizzazione contenute nel segmento Aim, poco liquide e perciò stoccate probabilmente nei portafogli in attesa di tempi migliori.

In realtà, è da ingenerosi attribuire tutta la colpa al governo italiano perché le cose non vanno troppo meglio al di fuori di Piazza Affari. Basti pensare che il Dax di Francoforte, la locomotiva d'Europa, dal primo gennaio registra una perdita analoga a quella del nostro FtseMib.

A Parigi, giusto per toccare un altro big europeo, il Cac 40 perde 'solo' il 4%, ma le mid small caps francesi registrano una perdita tra il -11% e il -15%, non molto distante dalla nostra.

Le ragioni quindi stanno anche oltralpe. Principalmente in due fattori dominanti che pesano sull'umore di tutti gli investitori a prescindere dal fatto che decidano di mettere o meno il loro denaro sulle azioni di piazza affari: 1) il processo di progressivo rialzo del costo del denaro; 2) la guerra dei dazi in corso tra Usa e Cina.

Il nostro Portafoglio, pur diversificato al fine di ridurre il livello di rischio complessivo, ha sofferto grosso modo come gli indici di riferimento. Segno
che il mercato ha deciso di punire il sistema Italia piuttosto che le singole azioni.

Per questa ragione, essendo ancora convinti che molte delle nostre scelte siano attraenti e che stiano vivendo una fisiologica fase di consolidamento procediamo con i seguenti aggiustamenti. Non dimentichiamo che alcuni dei nostri titoli prescelti hanno aggiornato nel corso del 2018 i rispettivi record storici.

NUOVA OPERATIVITA' da implementare sul Portafoglio:

Raddoppiare il peso di RENO DE MEDICI (da 5% a 10%) 
Raddoppiare il peso di TECNOINVESTIMENTI (da 5% a 10%)

Azzerare la posizione di FILA (da 5% a 0%)
Azzerare la posizione di BRUNELLO CUCINELLI (DA 5% a 0%)

***

Cogliamo l'occasione della violenta correzione in corso per incrementare le posizioni di due azioni sulle quali siamo molto confidenti: Reno e Tecnoinvestimenti. La scelta di chiudere Brunello e Fila non è tanto legata alla qualità dei rispettivi fondamentali quanto alla necessità di fare spazio con la liquidità.

Il Portafoglio resta investito al 100% del potenziale. Scende a 14 il numero totale delle azioni presenti nel Portafoglio da 16 precedente.
Conserviamo una discreta diversificazione settoriale.

Come illustrano le tabelle seguenti la parziale "sofferenza" di periodo è ancora ampiamente compensata dalla netta sovra-performance dei due anni precedenti.

Il grafico seguente confronta la performance del Portafoglio con quella dell'indice FtseMib nel periodo 1 Gennaio 2018 - 03 Ottobre 2018: -11,50%.
1510TAB.png

Il grafico seguente confronta la performance del Portafoglio con quella dell'indice FtseMib nel periodo 1 Gennaio 2016 - 12 Ottobre 2018: +55,40%.
1510TAB2.png

Come interpretare le indicazioni? Websim proporrà nella tabella fino a un massimo di venti azioni che rappresentano la Conviction Buy List sui titoli minori di Piazza Affari ovvero l'elenco delle azioni sulle quali si ha una visione positiva non facenti parte dell'indice FtseMib e che consentono di attivare posizioni LONG con peso percentuale indicato nella tabella.

Tempistica di revisione. Ragionevolmente, la lista verrà aggiornata una volta al mese, salvo eventi straordinari. Le modifiche verranno puntualmente segnalate via MAIL o SMS.     

www.websim.it
Invia a un amico
Stampa
Chiudi attività
Invia a un amico
Email destinatario:
Testo: