Analisi Fondamentale

PIAGGIO: ANALISI FONDAMENTALE

AUTO

Piaggio [PIA.MI] è un produttore italiano di veicoli a due ruote a motore e commerciali. 

Crescita dei ricavi nel quarto trimestre

Ci aspettiamo che i ricavi di Piaggio nel quarto trimestre 2019 arrivino a 328 milioni di euro, +11% su base annua, e a 1,53 miliardi alla fine del 2019, +10%. A livello organico, la crescita dovrebbe attestarsi a +8,4% sul trimestre, e +8,3% sull’anno. 

Nel quarto trimestre, le vendite nei paesi dell’area occidentale sono attese in crescita del +16,6%, favorite dall’andamento di alcuni mercati europei delle due ruote motrici e dei veicoli commerciali. 

In India ci aspettiamo che il momento positivo registrato sui veicoli commerciali nel quarto trimestre spinga, insieme all’aumento dei prezzi e al cambio favorevole, la crescita dei ricavi del +3,9%. Per la zona Apac (Asia Pacifico) è atteso un rialzo delle vendite pari all’11%. 

Aumento dei margini e del capitale circolante 

È prevista un’ulteriore crescita dell’Ebitda. Stimiamo, per il quarto trimestre, un Ebitda pre IFR16 (nuovi principi contabili) pari a 39 milioni di euro, e a 222 milioni per l’intero 2019, appena sopra la guidance di 220-21 milioni di euro. 

La generazione di cassa dovrebbe arrivare a -27 milioni di euro (contro i -26 milioni dello stesso trimestre del 2018), a solo a causa di effetti stagionali, togliendo i quali sarebbe stabile. L’andamento del quarto trimestre dovrebbe quindi confermare il miglioramento della cassa visto nel corso del 2019. Ci aspettiamo a fine 2019 la cifra di 71 milioni (+64% anno su anno, contro i 43 milioni del 2018). 

Stimiamo un debito netto (pre Ifrs 16) pari a 411 milioni di euro, appena sotto la guidance di 415-420 milioni di euro, grazie ad aspettative sui margini più elevate. 

Ottimismo sul 2020

Due eventi incoraggiano le aspettative positive sul settore. Il mercato delle due ruote motrici ha registrato una crescita a doppia cifra in Italia e in Spagna, (il secondo ed il quarto mercato più importante), che fomenta l’ottimismo sull'Europa anche nel 2020 (40% dei ricavi del gruppo). 

Inoltre, in India è stata abolita la tassa sul dividendo per l’anno fiscale 2020 (Dividend Distribution Tax - DDT). Questo è un fattore positivo, perché il gruppo aveva pagato, nel corso del 2017 e del 2018, 2 milioni di euro in DDT l’anno, comprimendo l’utile per azione rispettivamente del 9% e del 5%. 

Tuttavia, la sospensione della produzione in Cina per contenere l’epidemia di coronavirus potrebbe diminuire l’approvvigionamento, perché il 50% dei fornitori verso l’Italia e il Vietnam sono ubicati in Cina. Infine, la visibilità sul recupero del mercato indiano dei veicoli commerciali e a due ruote non è ancora molto alta

Conferenza telefonica

Ci aspettiamo che la società fornisca la prima guidance 2020 e le aspettative sull’andamento del mercato e del coronavirus. 

Cambio delle stime

Abbiamo modificato le stime per il 2019 per tenere in considerazione l’andamento del 4° trimestre. Tuttavia, riduciamo la nostra stime sull’utile per azione 2019 del -3,1% per riflettore un tassazione più realistica. 

Per il 2020, abbiamo tenuto conto dell’abolizione della tassa sui dividendi in India, che non è in grado di compensare l’impatto negativo dell’interruzione della produzione in Cina in Emea e Apac nel 2020.

Abbiamo anche diminuito la stima sull’utile per azione 2020 dell’1,6%, ci aspettiamo una ripresa nel 2021. 

Confermiamo giudizio INTERESSANTE, target price pari a 3,2 euro

Nonostante la riduzione delle stime sul 2020, riteniamo che l’azione sia sottovalutata e che stia trattando ad uno sconto del 15% rispetto alle imprese comparabili, calcolato sulla base del rapporto fra valore d’impresa (EV) ed Ebitda rettificato al 2020. 

Dal picco raggiunto lo scorso novembre, l’azione ha perso il 19%, senza nessuna conseguenza sulle stime di consensus.

La media del 4,4% sul dividend yield 2020-21, rende l’azione ancora più attraente. 

Confermiamo il target price a 3,2 euro, che implica, rispetto al prezzo corrente, un potenziale rialzo del 28% circa.

Nella tabella sottostante le cifre storiche (A) e prospettiche (E) elabotate da Websim/Intermonte.

 

www.websim.it 

Prezzo alla chiusura di ieri
€ 2,287
Capitalizzazione
820 milioni di €
 
a 1 mese
a 3 mesi
a 1 anno
Performance
0,7%
33,6%
-14,6%
Performance relativa al mercato
2,8%
22,9%
-3,7%