ETF

ORO (1.350 usd) +7,2% da inizio anno per un risparmiatore italiano

<p>Paul Tudor Jones, uno dei più famosi gestori americani di Hedge Fund, ha rilasciato pochi giorni fa un’intervista a Bloomberg nella quale espone le sue previsioni. </p><p>Secondo Jones, che gestisce asset per oltre 40 miliardi di dollari e ha ragg
Paul Tudor Jones, famoso gestore americano di hedge funds, vede il metallo prezioso a 1.700 dollari,+20%

Paul Tudor Jones, uno dei più famosi gestori americani di Hedge Fund, ha rilasciato pochi giorni fa un’intervista a Bloomberg nella quale espone le sue previsioni. 

Secondo Jones, che gestisce asset per oltre 40 miliardi di dollari e ha raggiunto una fama tale per cui nel 2017 il suo nome è stato inserito da Forbes nella lista delle 120 persone più ricche al mondo, la guerra dei dazi tra tra Stati Uniti e Cina, costringerà la Fed a tagliare i tassi, contrariamente a quanto fatto da giugno 2018 a gennaio 2019, quando la banca centrale Usa li aveva alzati per tre volte e per 25 punti base ogni volta. 

Il ciclo di tagli dei tassi sarà, sempre secondo il miliardario 64enne, breve ma intenso e gli investitori dovranno essere veloci e attenti per capitalizzare al meglio le opportunità che verranno a crearsi. In vista dei tagli Jones suggerisce la seguente operatività: acquistare AZIONI, TREASURY BOND e ORO

In particolare l’ORO è la sua scelta numero uno per i prossimi 12-24 mesi. “Se l’oro dovesse raggiungere i 1.400 usd” spiega “volerebbe rapidamente a 1.700 usd” con una rivalutazione potenziale del 20%. Oggi la quotazione è sui massimi dell'anno attorno a 1.355 usd.

Vediamo qual è la situazione di oggi. 

L'oro si avvia a chiudere la quarta settimana positiva di seguito con una quotazione intorno a 1.350 usd, sui massimi da 14 mesi. 
Un risparmiatore italiano che ha puntato su questo asset, ha guadagnato da inizio 2019 oltre il 7%, complice anche la rivalutazione del dollaro.

Graficamente, la tendenza di lungo periodo è ancora priva di direzionalità e risulta vincolata da circa due anni nell'ampio range 1.200/1.365 usd. Sul quadro di breve, invece, da metà agosto 2018 ovvero da area 1.200/1.180 usd è in corso una solida fase di recupero che ha violato con successo i primi importanti ostacoli. La chiusura di maggio sopra 1.300 usd ha rilanciato le probabilità di assistere ad estensioni fino ai top del 2018 in area 1.370 usd. 

Il grafico sotto allegato fa emergere in modo abbastanza chiaro che la violazione di area 1.370/1.400 usd aprirebbe la strada a un allungo ben più corposo ... sposando non a caso lo scenario previsto da Tudor Jones. 

 

Operatività. Accompagnare il movimento rialzista per target finale verso 1.370 usd. In tal caso, tenere alta l'allerta per rientrare in acquisto alla prima chiusura sopra 1.400 usd. In direzione opposta, sfruttare eventuali pull back verso area 1.300 usd per acquisti sulla debolezza.

Diverse le opzioni per operare sull'Oro. 

Per sfruttare le opportunità di trading stretto al rialzo si può utilizzare il seguente strumento:

Boost Gold 3x Leverage Daily ETP [3GOL.MI]
Isin IE00B8HGT870
Da inizio anno +13,0%.

Per sfruttare le opportunità di trading stretto al ribasso si può utilizzare il seguente strumento:

Boost Gold 3x Short Leverage Daily ETP [3GOS.MI]
Isin IE00B6X4BP29
Da inizio anno -12,0%.

In ottica di lungo periodo si può comprare il seguente ETF:

Phisical Gold
Isin JE00B1VS3770 [PHAU.MI] 
Da inizio 2019 +7,20%

www.websim.it