Strategie Certificates

Non si arresta la tech mania. Ecco come approfittarne

<p>
Comunicazione di marketing</p><p>Nasdaq alla riscossa. Dopo aver perso oltre il 4,6% nell’ultima settimana e più del 10% dai massimi storici di inizio mese, ieri l’indice tecnologico ha chiuso in rialzo dell’1,2% a 11.190 punti. Solo la settiman
Interessante il Maxicedola di Goldman Sachs Isin JE00BLS3KQ32 e sottostanti Amazon, Facebook e Microsoft che già ad ottobre staccherà un super premio condizionato del 10%. Effetto memoria, possibile cedola trimestrale dell'1% e opzione autocall. Se a gennaio dovesse scattare il rimborso anticipato, l’investitore beneficerebbe di un guadagno potenziale dell'9,8% in 4 mesi oltre il 29% annualizzato

Comunicazione di marketing

Nasdaq alla riscossa. Dopo aver perso oltre il 4,6% nell’ultima settimana e più del 10% dai massimi storici di inizio mese, ieri l’indice tecnologico ha chiuso in rialzo dell’1,2% a 11.190 punti. Solo la settimana scorsa, la seconda negativa di seguito, si era chiusa con il peggior bilancio degli ultimi sei mesi: -4% circa. A risollevare le sorti del settore tecnologico è intervenuta la nuova esplosione della febbre da acquisizioni.

Nvidia il produttore di chip ha acquistato Arm Holding da Softbank: l’azienda attiva nella progettazione dei semiconduttori è stata valutata 40 miliardi di dollari, otto in più di quel che era stata pagata quattro anni fa dal conglomerato giapponese. Per l’industria dei chip, è la più grande aggregazione della storia.

Novità anche sul fronte dei social network, secondo il Wall Street Journal e il New York Times, Oracle il leader mondiale nei software per la gestione aziendale si sarebbe aggiudicata l’asta per una parte delle attività statunitensi di TikTok messe in vendita dalla controllante ByteDance. I termini del passaggio di proprietà dovrebbero essere pubblicati a breve. La stampa Usa riporta anche che la società avrebbe forti legami con l’amministrazione Usa e per questo sarebbe considerata “affidabile”.

Tuttavia, l’emittente televisiva statale cinese, China Global Television Network, ha riportato che TikTok sarebbe lontana da sottoscrivere un accordo.

Si ricorda che Trump ha imposto la cessione degli asset Usa di TikTok. In mancanza di vendita, la società sarà colpita, a partire dal 29 settembre, dal divieto di operare negli Stati Uniti.

Gli investitori intanto tirano un sospiro di sollievo dopo che la forte accelerazione di agosto si era trasformata nel vortice di una inattesa e drastica correzione del comparto. Il settore ci ha abituati spesso a movimenti repentini ma la storia insegna che nel lungo periodo questi sono sempre stati riassorbiti da dei rialzi. Per approfittare di un movimento laterale dei tech, riuscendo a estrarre cedole da un comparto avaro di dividendi e sfruttandone così la volatilità è preferibile esporsi con un certificate che offre un ottimo mix di protezione e rendimento.

Tra quelli disponibili sul mercato, abbiamo selezionato un prodotto emesso da Goldman Sachs ad Isin JE00BLS3KQ32 con sottostanti Amazon, Facebook e Microsoft.

Il prodotto che quota appena sopra la pari a 1012 euro è interessante sia per la protezione offerta dalla barriera, posta al 70% dei prezzi strike, sia per la maxicedola del 10% che verrà staccata ad ottobre se i tre titoli non avranno perso oltre il 30% dal livello iniziale.

A partire da gennaio 2021 con scadenza trimestrale, il prodotto staccherà poi delle cedole condizionate dell’1% se i tre sottostanti, alle date di valutazione, non perderanno più del 30% dal livello iniziale. Le cedole godono dell’effetto memoria. La scadenza naturale del prodotto è fissata nel luglio 2024 ma, da gennaio 2021 entra in gioco la possibilità di rimborso anticipato, se i tre sottostanti quoteranno ad un valore eguale o superiore al prezzo di riferimento iniziale.

 

Proviamo con un esempio concreto. Se a gennaio tutti i tre sottostanti quoteranno con un valore superiore o eguale al prezzo di emissione (attualmente Amazon e Microsoft sono appena sotto al livello iniziale), il prodotto sarà rimborsato a 1.000 euro più 110 euro tra Maxicedole e premio trimestrale.

Tolte i 12 euro perchè il certificate oggi quota sopra la pari, il rendimento per l’investitore, in soli quattro mesi, sarà uguale a 9,78% (99 euro su 1012 di acquisto), oltre il 29% annualizzato.

Senza rimborso anticipato si prospetterà per l’investitore il solito scenario a scadenza. Uno positivo: con ritiro a 1000 euro più tutte le cedole non staccate precedentemente. Negativo, con anche solo un sottostante sotto barriera, con rimborso pari alla performance del peggiore dei sottostanti dal livello iniziale.

I dettagli sul prodotto sono riportati nel precedente articolo, clicca qui per approfondire.

Ricordiamo, prima dell’adesione di leggere attentamente il Prospetto di Base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le Condizioni Definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: clicca qui.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 5 su una scala da 1 a 7. L’investimento in questa tipologia di Certificate espone il risparmiatore al rischio default dell’emittente e alla perdita totale dell’investimento in caso di azzeramento del sottostante. Tutti i rendimenti espressi sono al lordo delle imposte.

Comunicazione di marketing