Strategie Certificates

La corsa all’oro non si arresta

Comunicazione di marketing<br /><br />Oro batte azioni anche sul lungo periodo. Il metallo giallo ha confermato, soprattutto in piena pandemia da coronavirus, di essere un porto sicuro per gli investitori globali, che a inizio anno vendevano azioni p
Bnp ha emesso un certificate sull'oro a capitale totalmente protetto in dollari. Il prodotto quota lievemente sopra la pari, a 101 dollari con una distanza dalla barriera di massimo guadagno del 16,9%. Rimborso minimo 100 dollari, massimo 140 con rischio o opportunità del cambio euro/dollaro. A scadenza, il 22 luglio 2022 tra poco più di un anno, avremo tre scenari possibili, scopriamoli insieme.

Comunicazione di marketing

Oro batte azioni anche sul lungo periodo. Il metallo giallo ha confermato, soprattutto in piena pandemia da coronavirus, di essere un porto sicuro per gli investitori globali, che a inizio anno vendevano azioni per evitare le violente oscillazioni del mercato e i rischi di recessione. L’oro, forte del suo status di bene rifugio, ha calamitato l’interesse degli investitori portandosi sui massimi degli ultimi otto anni e sovraperformando rispetto  le attività di rischio.



Il grafico mostra come le performance dell’oro, dal 2004 a oggi, sono superiori a quelli dei mercati azionari.

In questo quadro globale alcuni analisti stimano che il rally dell’oro possa proseguire portandosi a ridosso dei massimi storici. Da inizio 2004 a oggi l’oro è passato dai 374 dollari l’oncia ai 1706 di oggi mettendo a segno un +310% contro un +137% dell’Msci World index (escludendo i Paesi emergenti)

La corsa ai beni rifugio quindi non si arresta e l’oro continua a performare ormai saldo sopra quota 1.700 dollari l’oncia.



Oggi è possibile acquistare l’oro con protezione totale del capitale grazie al certificate studiato ad hoc da Bnp Paribas con Isin XS1988382252. Arrivato sul mercato a fine luglio 2019, il taglio minimo è di 100 dollari, durata tre anni, con la possibilità di partecipare al rialzo del prezzo dell’oro fino a un guadagno massimo del 40%. Con l’oro sopra ai 1.998,25 dollari l’oncia, quota mai raggiunta (+40% dal livello iniziale), il certificate verrà rimborsato a scadenza a 101,5 dollari. Punto di forza del prodotto è che non esiste uno scenario negativo: il capitale è totalmente protetto e, nel caso in cui a scadenza, l’oro quoti sotto barriera, il prodotto verrà ritirato a 100 dollari.



Il metallo giallo passa oggi di mano a 1.710 dollari l’oncia, quasi il 20% sopra al livello di strike posto a 1.427,75 dollari, con una distanza dalla barriera a rialzo pari al 17%. Comprare oggi il certificate a 101 dollari rappresenterebbe un guadagno per l’investitore, che acquisterebbe in sconto il prodotto soggetto al cambio euro/dollaro.

Il prezzo del certificato è rimasto infatti stabile in queste ultime due settimane, oscillando intorno ai 100 dollari rispetto al prezzo di emissione (22/7/2019). Il cambio €/$, a cui il prodotto è soggetto, è passato dai 1,083 di metà maggio (ultima volta in cui abbiamo parlato del prodotto di Bnp), a 1,134 dollari. Per acquistare un certificato da 100 dollari, l’investitore dovrà pagare, al cambio attuale, 88,14 euro, con una convenienza maggiore rispetto al valore in euro dato dal prezzo del cambio al momento dell’emissione, il cui costo era pari a 89,2 euro.

Per approfondire i dettagli su questo prodotto cliccare qui.

Ancora, come tutti i certificate, l’investitore è esposto al rischio emittente. In particolare S&P ha assegnato il giudizio A+ a BNP Paribas, guarantor del certificate, e Moody’s Aa3.

Il certificate, in una scala di rischio da 1 a 7, è stato valutato a livello molto basso: 2.

Ricordiamo, prima dell’adesione di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: cliccare qui.

Per informazioni su Intermonte SIM S.p.a., in qualità di produttore delle raccomandazioni, sulla presentazione delle raccomandazioni e sulle posizioni e conflitti di interesse del produttore, si prega di cliccare su questo link.

Comunicazione di marketing