Analisi Fondamentale

FOPE: ANALISI FONDAMENTALE

SMALL CAP

Fope [FOPE.MI] è una società di gioielleria d'alta gamma made in Italy, fondata a Vicenza nel 1929, che possiede una forte vocazione internazionale. L’82% del suo fatturato è generato all’estero. È presente in 50 Paesi attraverso 676 punti vendita e possiede due boutique monomarca, una a Venezia, l’altra a Londra. 

Azionariato

Gli azionisti principali, sono Ines Cazzola, che possiede il 35,14%, Umberto Cazzola, con il 22,4%, Eredi Giulia Cazzola, con il 12,75%, Diego Nardin, con il 6,12%, Esperia Servizi Fiduciari con il 5,5%. Il mercato possiede il 18,07%.

Modello di business

Fope produce i gioielli direttamente nella sua sede vicentina. Il processo di fabbricazione prevede l’adozione di metodi artigianali abbinati alle moderne tecnologie. 

A livello distributivo, la società intrattiene rapporti diretti con i rivenditori, selezionati fra le gioiellerie d’alta gamma, senza avvalersi di intermediari. L’obiettivo è quello di gestire al meglio le strategie di marketing, curando personalmente l’esposizione dei prodotti nel negozio. Per ogni punto vendita, viene adottata una strategia personalizzata e questo permette ottimizzare i risultati. Fra i rivenditori si possono trovare anche piccole aziende o società che, a loro vota, gestiscono altri punti vendita. 

La società vicentina è presente anche online, sia con un proprio canale, sia attraverso quelli dei distributori. 

Nel corso degli anni, ha trasformato la sua rete commerciale di agenti in una rete diretta. Ora Fope presidia la maggior parte dei territori attraverso la sede principale o le filiali situate all’estero (Birmingham, Miami e Dubai).

L’obiettivo di Fope è quello di continuare l’espansione internazionale. La società genera oltre l’80% dei ricavi all’estero, e punta a consolidare la propria presenza in America, Germania e Regno Unito. 

Newsflow

In sintonia con gli obiettivi delineati, Fope in agosto ha aperto una nuova boutique monomarca a Londra, situata in Old Bond Street, angolo Piccadilly. 

Si tratta della zona culla della luxury londinese e mondiale. 

È il secondo negozio monomarca aperto da Fope, dopo quello di Venezia. 

L’obiettivo è di dare ulteriore visibilità al marchio, rinforzando la brand awordness. 

Ultimi dati di bilancio, 1° semestre 2019

I ricavi netti sono stati pari a 15,53 milioni di euro, in rialzo dell’1,6% rispetto al primo semestre 2018 (15,28 milioni). 

L’Ebitda ammonta a 3,21 milioni, in linea con la cifra di 3,18 milioni di euro maturata nel primo semestre del 2018.

L’Ebit risulta pari a 2,57 milioni (2,65 milioni nella prima metà del 2018). 

Il risultato ante imposte ha raggiunto la cifra di 2,44 milioni (2,63 milioni nel 1° semestre 2018).

L’utile netto arriva a 1,86 milioni, (1,90 milioni nel primo semestre 2018). 

La posizione finanziaria netta si attesta a 3,90 milioni (0,11 milioni alla fine del 2018).

L’amministratore delegato, Diego Nardin, ha dichiarato che i risultati raggiunti consentono di confermare le stime per il 2019, visto in crescita soprattutto sul fronte dei volumi di vendita 

Stime analisti

In agosto, Mainfirst ha avviato la copertura sul titolo, assegnando il giudizio Outperform e un target price di 12 euro. 

L’attuale prezzo di mercato è pari a 7,2 euro. In base al prezzo obiettivo assegnato da Mainfirst, il potenziale di crescita del titolo è pari al 66%. 

Integrae Sim ha assegnato il giudizio Buy, con target price pari a 10,24 euro. Il giudizio si basa sui risultati del 2018, che sono stati superiori alle stime a livello di fatturato. 

Integrae stima, per il 2019, un fatturato pari a 34,4 milioni, in rialzo a 37,5 milioni nel 2020. 

Nella tabella i dati storici (A) e previsionali (E) elaborati da Integrae Sim

 

www.websim.it 

Prezzo alla chiusura di ieri
€ 8,9133
Capitalizzazione
45 milioni di €
 
a 1 mese
a 3 mesi
a 1 anno
Performance
19,5%
22,8%
42,4%
Performance relativa al mercato
14,3%
9,5%
17,7%