Logo Intermonte
seguici su:
seguici su facebookseguici su twitterseguici su youtube
CERCA NEWS
Cerca
Ricerca Avanzata
11/01/2019
08:45
Focus sui Mercati Finanziari
di Redazione Websim
Le novità su mercati, variabili macro e strategie ...
Si sta per chiudere una settimana borsistica molto positiva per le principali borse mondiali, galvanizzate dalle attese ottimistiche di un accordo Cina/Usa sui dazi e soprattutto dal cambio di passo della Fed sui tassi.

Asia. Grazie al +1% di oggi il Nikkei di Tokyo porta a termine un'ottava in guadagno del 4%. Guadagni di poco inferiori per Hong Kong (oggi +0,2%) e per l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzen (oggi +0,7%).

Ieri a Wall Street è arrivato il quinto rialzo consecutivo dell’S&P500 (+0,5). Dow Jones +0,5%, Nasdaq +0,4%.

I future sulle borse europee sono impostati verso un avvio in rialzo dello 0,5%.

News sui Portafogli Raccomandati.

L'ottimo avvio d'anno ha consentito di recuperare larga parte delle sofferenze patite nell'ultima parte del 2018. Ciò dimostra che restare lucidi soprattutto nelle fasi di turbolenza consente di sfruttare ottime occasioni di investimento. Chi ha gettato la spugna oggi ha già la prova del nove di aver commesso un colossale errore.

Portafoglio ETF +2% da inizio 2019.
Portafoglio LONG Piazza Affari +5% da inizio 2019.
Portafoglio MID/SMALL Cap Piazza Affari +8,2% da inizio 2019.

Analisi Tecnica Borse.

Il quadro di fondo prosegue nella fase di riequilibrio. Ieri/stamattina non si sono registrati nuovi segnali di forza, ma soltanto il consolidamento di quelli visti negli ultimi giorni su Nasdaq, Dow Jones MSCI Emerging Markets e Brasile. Per dirla tutta, il quadro grafico più debole è quello dell'Eurozona.

L'indice MSCI Emerging Markets (999, +0,4%) è in vista dell'ostacolo, solo psicologico si badi bene, di quota 1.000. Lo sfondamento di area 975 proietta un target verso 1.060 punti. Il bilancio da inizio 2019 è +3,4%. Sostegno a 930 punti.

L’indice MSCI World delle borse mondiali (473, +0,3%) ha esteso il guadagno da inizio 2019 a +3,9%. Segnali di forza saranno visibili con il ritorno sopra 491 punti, che per il momento rimane il nostro obiettivo di breve. Sostegno a 435 punti.
 
FtseMib (19.300 punti, +0,6%). Quinta seduta consecutiva di rialzo. Piazza Affari è la migliore da inizio 2019 tra le grandi piazza azionarie dell'Europa con un guadagno del 5,3% che si confronta con il +3,4% del Dax di Francoforte e il +1,5% del Cac40 di Parigi alle prese con le dure proteste dei gilet gialli. Operatività. Sfruttare eventuali pull back per comprare, target di trading 20mila/20.240. Stop loss alla prima chiusura sotto 18.500 punti.

Commodity.

Brent (61,60 usd). Wti (52,60 usd). Lo scudo stellare delle banche centrali favorisce il rally del petrolio, al nono rialzo di seguito. Dai minimi di dicembre il Brent è salito di ben 11 usd. Operatività. Scattati segnali di acquisto sulla forza al superamento di 58,30 e 50 usd rispettivamente. Il primo target è fissato a 63,60 usd e 55 usd.

Oro (1.295 +0,1%). Consolida gli importanti guadagni delle ultime settimane. Lo scenario di dollaro debole e tassi in arretramento è ottimale per vedere un altro spunto al rialzo. Area 1.300 usd è uno scoglio solo psicologico. Operatività. Target di trading verso 1.370 usd. Stop loss sotto 1.240 usd per rientrare in acquisto verso 1.200/1.180 usd.

Forex.

Valute emergenti. Il dollaro si sta moderatamente svalutando nei confronti delle principali valute del pianeta, soprattutto contro quelle dei paesi emergenti, dove nelle ultime settimane è tornata ad affluire la liquidità.
Lo Yuan guida la riscossa del comparto. Con l’apprezzamento di stanotte su dollaro, la valuta locale della Cina si avvia a chiudere la miglior settimana dal 2005. Operatività. Si suggerisce di sfruttare gli ottimi rendimenti comprando obbligazioni di primaria qualità con la più ampia diversificazione. Gli ETF specializzati viaggiano con guadagni fino al +2% da inizio 2019.
CLICCA QUI per approfondire.

Euro/Dollaro (1,153). Dietro la relativa debolezza del Dollaro ci sono le ultime dichiarazioni di Jerome Powell. Nel corso di un convegno, il governatore della Fed ha detto che la banca centrale sa essere paziente e flessibile quando si tratta di procedere sulla via del rialzo dei tassi. Se a pronunciare la parola magica "paziente" è addirittura il numero uno la conseguenza è ovvia. Non crediamo che gli investitori correranno a vendere dollari per comprare euro con tutte le incertezze che ci sono nel vecchio continente a partire dalla Brexit e per finire con le elezioni di maggio. Operatività. Sfruttare risalite verso 1,17/1,18 per comprare Dollari. Attese nuove accelerazioni sotto 1,12. Target finale 1,10.

Bond

La maggiore prudenza delle banche centrali si traduce in una prospettiva globale di bassi tassi di interesse e quindi favorisce l'afflusso di liquidità sul comparto.

Italia. Poco mosso il BTP 10 anni, a 2,88% di rendimento e 263 punti base di spread. In realtà il mercato obbligazionario italiano ha iniziato l'anno pianissimo. A livello di volumi scambiati è la partenza più fiacca degli ultimi quattro anni. Oggi il Tesoro va a tastare il polso agli investitori con la riapertura di tre emissioni, sulle scadenze tre anni, sette anni e trent'anni. L'ammontare complessivo dell'asta è 5-6,5 miliardi di euro. Operatività. Suggeriamo di sfruttare eventuali risalite verso il 3% di rendimento per comprare Btp decennali. Obiettivo finale 2,50% di rendimento.

USA. I Treasury Bond si assestano dopo la cavalcata delle ultime settimane dovuta al nuovo approccio della Fed. I rendimenti si sono allontanati dalle soglie critiche del 2018 anche se una vera a propria inversione del trend rialzista (dei rendimenti) non è ancora visibile. Rendimento 2 anni a 2,56%. Rendimento decennale a 2,72%. Trentennale poco sopra la soglia del 3%. Operatività. L'elevato premio dei rendimenti americani rispetto ad altri mercati invita a comprare. Manteniamo tuttavia un approccio cauto e ci limitiamo alle scadenze fino a 2-3 anni.

www.websim.it
www.websimaction.it
Invia a un amico
Stampa
Chiudi attività
Invia a un amico
Email destinatario:
Testo: