Logo Intermonte
seguici su:
seguici su facebookseguici su twitterseguici su youtube
CERCA NEWS
Cerca
Ricerca Avanzata
Il Sole 24 ore p 1
del 24/10/2017
la Repubblica p 1
del 23/10/2017
11/05/2017
13:55
FINDMYLOST - Prepara lo sbarco in Francia la startup che digitalizza i servizi Lost & Found
di Redazione Websim
La startup è stata selezionata per partecipare al programma di accelerazione intensiva Paris Landing Pack_Explore, promossa da Paris&Co, incubatore parigino tra i più grandi d’Europa. Nel frattempo l'ultimo Baggage Report 2017 di SITA indica in 2,1 miliardi di dollari il costo dei servizi legato al solo smarrimento di bagagli in aeroporto.
Per FindMyLost potrebbero aprirsi le porte del mercato francese. La startup milanese che punta a digitalizzare il business del Lost & Found è stata selezionata per partecipare al programma di accelerazione intensiva Paris Landing Pack_Explore, promossa da Paris&Co, incubatore parigino tra i più grandi d’Europa. 
 
fmllogo.pngIl programma, della durata di un mese, permette a dieci startup selezionate, provenienti da tutto il mondo, di incontrare alcune delle maggiori realtà del panorama economico francese, partner di Paris & Co. Tra i partner dell’incubatore parigino, le più interessanti per FindMyLost sarebbero AirFrance KLM [AIRF.PA], Gallerie Lafayette e Paris Airport. 

FindMyLost  punta sul modello social per semplificare la gestione degli oggetti smarriti ad aziende di ogni tipo: le strutture o le persone che ritrovano un oggetto smarrito possono inserirlo in un database dove, attraverso l’aiuto di un algoritmo e dell’IA, può essere trovato da chi lo ha smarrito. Un miglioramento drastico che può mandare in pensione sportelli, moduli e lunghe liste cartacee. 
 

elenabellacicca.jpg“Sono felice che il nostro progetto susciti interesse anche in altri Paesi europei”, ha commentato Elena Bellacicca, fondatrice e CEO di FindMyLost (nella foto), “l'efficace gestione e restituzione degli oggetti smarriti rappresentano delle attività importanti in ottica di customer service, soprattutto per aziende il cui business prevede un elevato traffico giornaliero di clienti”. 
 
Nelle ultime settimane, gli oggetti smarriti sono stati al centro delle cronache per diversi motivi. Ad attirare l’attenzione soprattutto le periodiche aste tenute dagli aeroporti di Roma Fiumicino, proprietà del gruppo Atlantia [ATL.MI] e Palermo, che hanno battuto complessivamente 8 mila oggetti persi dai viaggiatori nei due scali. Le aste fisiche, per quanto suggestive, sono però un metodo di smaltimento ancora fortemente inefficiente, considerando che gli acquirenti devono recarsi sul posto in una precisa data e consultare lunghissimi elenchi, talvolta ancora cartacei, che riepilogano le consistenze del deposito oggetti smarriti della compagnia aerea o stazione ferroviaria del caso. La piattaforma di FindMyLost può dare una mano alle aziende clienti in questo settore , grazie al suo database e al modello social della sua comunità di utenti. Una volta che l’oggetto è catalogato e fotografato nel database metterlo all’asta è questione di un clic. Il servizio di aste dovrebbe, secondo le previsioni, partire non prima dell’inizio del 2018, quando la comunità e il database di oggetti avranno raggiunto una dimensione sufficiente. 
  
Smartphone and PC_little.jpgSecondo la stima del Baggage Report 2017 di SITA, solo gli aeroporti hanno avuto a che fare nel 2016 con oltre 21 milioni di bagagli smarriti, per un costo complessivo di 2,1 miliardi di dollari. I business della gestione degli oggetti smarriti,  ad oggi ancora fortemente ‘analogici’, hanno un valore di diversi miliardi di euro e spesso il servizio offerto è lontano dall’essere efficiente. 
 
Le potenzialità dell’applicazione di un modello digitale come quello di FindMyLost sono evidenti: il modello è vantaggioso per entrambe le parti in causa: le società riducono i costi e aumentano l’efficienza del loro servizio Lost & Found, in alcuni casi generando addirittura ricavi e al contempo promuovono l’utilizzo della piattaforma semplicemente adottandola. Il business plan prevede ricavi per 378 mila euro nel 2017 e 1,59 milioni nel 2018, con un Ebitda rispettivamente di 212 mila e 690 mila euro. Per sostenere e accompagnare il suo sviluppo FindMyLost ha lanciato una raccolta equitycrowdfunding sul portale Tip Ventures Equity, con un target minimo di 100 mila euro, che dovrebbero essere principalmente destinati a sostenere le spese di marketing e vendite.

Invia a un amico
Stampa
Chiudi attività
Invia a un amico
Email destinatario:
Testo: