Strategie Certificates

FCA è pronta a riaccendersi in Borsa: il nuovo Athena di Vontobel

Comunicazione di marketing<br /><br />Settore auto pronto a ripartire. A ormai un mese dall’apertura delle attività produttive, i titoli del comparto provano a recuperare le pesanti perdite in Borsa del primo trimestre. Ieri notte, l’a.d. di General
Il certificate con Isin DE000VP4K420, ogni semestre matura premi condizionati pari a 8,12 euro (16,24% annuo al lordo delle imposte), che vengono cumulati e distribuiti in caso di rimborso anticipato o alla data di scadenza, con il sottostante sopra al livello iniziale. Il prodotto ha una durata di tre anni e gode dell'effetto memoria. La barriera a scadenza è pari al 70%.

Comunicazione di marketing

Settore auto pronto a ripartire. A ormai un mese dall’apertura delle attività produttive, i titoli del comparto provano a recuperare le pesanti perdite in Borsa del primo trimestre. Ieri notte, l’a.d. di General Motors, Mary Barra, ha dichiarato di essere ottimista sulle vendite di auto negli Stati Uniti. La dichiarazione è stata rilasciata nel corso di un evento organizzato da Automotive News.

Da gennaio a metà marzo l’EuroStoxx auto ha perso il 48% e, nonostante il forte recupero dai minimi, i livelli di inizio anno sono ancora lontani, il comparto deve recuperare un altro 26%. Da marzo in poi, a richiamare gli acquisti sono stati diversi fattori: riaperture, incentivi e finanziamenti agevolati. I piani di stop al lockdown hanno poi permesso un timido ritorno della domanda. A richiamare gli acquisti degli investitori ha contribuito la scesa in campo dei governi, con incentivi alle vendite varati dalla Francia e i dossier sul tavolo da parte di Germania e Italia, mentre si attendono nuovi stimoli anche dagli altri Paesi europei e dagli Usa. La Francia ha messo sul piatto 8 miliardi di euro pari a circa 7mila euro di sconti per l’acquisto di una nuova auto. In Italia si parla di incentivi alla rottamazione per 2mila euro da parte del governo a cui si dovrebbero aggiungere altri 2mila euro di sconti del concessionario. Piani simili sono allo studio in Germania dove si attendono incentivi molto più generosi che nel nostro Paese.

Il sostegno all’industria è arrivato anche sotto forma di finanziamenti agevolati. Fca ha ottenuto un maxi prestito da 6,3 miliardi di euro, erogato da Intesa Sanpaolo e garantito dallo Stato italiano attraverso Sace, (spa controllata da Cassa Depositi e Prestiti). L’iniezione di liquidità servirà a mantenere i livelli occupazionali previsti in Italia, al fine di rilanciare l’economia durante la crisi pandemica. Il prestito sarà erogato a Fca a tassi contenuti non superiori al 2%.

Le stesse case auto hanno deciso di tenere fieno in cascina tagliando i dividendi ordinari. Per Fca dunque azzerata la distribuzione agli azionisti di 1,1 miliardi di euro di cedole (0,7 euro per azione), previsti nell’accordo di fusione con Peugeot annunciato a fine 2019. Il gruppo rimetterà in discussione anche l’importo del dividendo straordinario. Secondo gli analisti i 5,5 miliardi (3,5 euro per azione) promessi in fase pre Covid potrebbero scendere a 2,9 miliardi. Il tema stavolta è delicato perché il taglio non deve rompere quegli equilibri post fusione che vedono Exor con una partecipazione pari a quella della famiglia Peugeot sommata a quella dello Stato francese.

Scegliere il timing perfetto per puntare a un rimbalzo non è facile, anzi rischia di tradursi in una strategia sbagliata; una buona soluzione per un investitore che vuole approcciare il settore, aggiungendo protezione al capitale investito, potrebbe essere tramite un certificato che garantisca maggiori tutele sul capitale anche in caso di ulteriori ribassi del comparto aiutando a dribblare la volatilità attuale.

In quest’ottica abbiamo selezionato un prodotto emesso da Vontobel con Isin DE000VP4K420 e sottostante Fiat Chrysler. Il prodotto ha una durata di tre anni e, a partire dal sesto mese, offre la possibilità di rimborso anticipato. I premi condizionati semestrali sono pari a 8,12 euro (16,24% p.a al lordo delle imposte) con effetto memoria e protezione del capitale a scadenza fino a cali del 30% del sottostante.

Nel momento in cui scriviamo Fiat quota sotto il livello iniziale a 8,47 euro (livello di strike pari a 8,759 euro), con il certificate in denaro a 95,4 euro.

Vediamo nel dettaglio come funziona il certificate.

Scenari nelle date di valutazione intermedie semestrali:

Con cadenza semestrale il certificate matura premi dell’ 8,12% (16,24% annuo) che vengono cumulati e distribuiti in caso di rimborso anticipato. Il livello che fa scattare l’autocall corrisponde a quello del premio (100% del livello iniziale), dunque ogni sei mesi per l’investitore si prospetteranno due scenari:

• se, alla prima data di valutazione, il prezzo del sottostante risulterà pari o superiore al livello iniziale (8,759 euro) il certificato verrà ritirato e paga 100 euro più il premio

• In caso contrario, se la condizione non viene soddisfatta in nessuna delle date di valutazione semestrali, il prodotto continuerà a quotare fino alla scadenza.

Questo significa che, ad ogni data di osservazione successiva, si ha la possibilità di ricevere un premio cumulato a quello precedente, in particolare se il prodotto scade alla prima data di osservazione, oltre al valore nominale pari a 100 euro si riceve un solo premio, se scade alla seconda data di osservazione si riceveranno due premi eguali, alla terza data semestrale si riceveranno tre premi da 8,759 euro e così via fino a giugno 2023.

Per fare un esempio concreto se Fca a dicembre, nella prima data di valutazione, si riportasse sul livello iniziale (le quotazioni di tre giorni fa) recuperando circa il 3%, l’investitore vedrebbe il certificate ritirato a 108,12 euro (100 euro di valore nominale + il premio semestrale), sui 95,4 di oggi, significa un guadagno potenziale di circa il 13% in meno di sei mesi.

Scenari a scadenza

A giugno 2023 si prospettano tre scenari per l’investitore:

• se Fca si troverà sopra o pari al livello iniziale, il certificate verrà rimborsato a 148,72 euro, ossia il valore nominale di 100 euro più la somma dei 6 premi semestrali dell’8,12% ciascuno (48,72% totali),

• se la quotazione di Fca sarà compresa tra il livello iniziale e la barriera posta a 6,131 euro (ovvero perdite inferiori al 30% del livello iniziale), il certificate verrà rimborsato a 100 euro, proteggendo l’intero capitale investito,

• se fca quoterà a un livello pari o inferiore alla barriera, il certificato paga un importo commisurato alla performance del sottostante. Se ad esempio Fiat perdesse il 35% il certificate verrebbe rimborsato a 65 euro.

Ricordiamo che lo stacco di un dividendo straordinario comporta la rettifica (in questo caso un taglio) dei livelli di riferimento, iniziale e barriera, in modo da neutralizzarne l’effetto e dunque non penalizzare l’investitore del certificate.

Ricordiamo, prima dell’adesione di leggere attentamente il Prospetto di Base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le Condizioni Definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: clicca qui.

Il certificate è caratterizzato da un livello di rischio pari a 6 su una scala che va da 1 a 7.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti. L’investimento in questa tipologia di Certificate espone il risparmiatore al rischio default dell’emittente e alla perdita totale dell’investimento in caso di azzeramento del sottostante. Tutti i rendimenti espressi sono al lordo delle imposte.

Comunicazione di marketing