Analisi Fondamentale

FALCK RENEW: ANALISI FONDAMENTALE

UTILITY

Falck Renewables [AA4.MI], è un gruppo che sviluppa, progetta, gestisce e costruisce impianti per la produzione di energia rinnovabile.

La società ha chiuso il primo semestre del 2019 con ricavi pari a 185,4 milioni di euro, +12% su base annua, rispetto ai 165 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. 

L’Ebitda si attesta a 104,9 milioni, +5,5% anno su anno, in rialzo rispetto ai 99,4 milioni dei primo semestre 2018 (101,7 milioni al netto dell’adozione dei nuovi principi contabili IFRS16). 

Il risultato netto ammonta a 34,8 milioni, lo scorso anno è stato pari a 34,3 milioni (35,5 milioni al netto dell’adozione dei IFRS16). 

Il risultato netto di gruppo è arrivato a 27,3 milioni di euro, 27,7 milioni la cifra dello scorso anno (27,9 milioni al netto di IFRS16). 

L’indebitamento finanziario netto, comprensivo del fair value e dei derivati, ammonta a 680,3 milioni (608 al netto dei IFRS16) rispetto ai 547,2 milioni registrati alla fine di dicembre 2018.

Su questo risultato hanno influito le acquisizioni e gli investimenti per gli impianti di costruzione. 

Guidance 2019. 

La società ha aggiornato al rialzo la guidance per il 2019. L’ Ebitda è visto a circa 184 milioni di euro, il risultato netto a superiore a 35 milioni di euro (da “superiore a 30 milioni di euro”), la posizione finanziaria netta (incluso il fair value dei derivati) è attesa a circa 737 milioni di euro. 

L'amministratore delegato, Toni Volpe, parlando a margine del Forum Ambrosetti, in corso a Cernobbio ha chiarito che l'anno in corso "sta andando bene" e che gli obbiettivi anticipati per il 2019 sono già stati migliorati. Per quanto riguarda il pay out, Volpe ha spiegato che è presto per decidere se sarà aumentato, "aspettiamo la fine dell'anno". Infine, sul tema delle acquisizioni all'estero, Volpe ha risposto "siamo in sette Paesi più gli Stati Uniti e lì rimaniamo". 

New Green Deal. 

Il governo starebbe lavorando ad un piano da 44 miliardi di euro, un progetto che riguarda gli investimenti “verdi”. Nello specifico, le risorse sarebbero utilizzate per la riconversione energetica, con particolare riguardo alle energie rinnovabili, la prevenzione del dissesto idrogeologico, la manutenzione del territorio, il contrasto ai cambiamenti climatici e l’economia circolare. Nel progetto, gli investimenti sarebbero da escludere, in tutti gli Stati Ue, dal calcolo del deficit. Questa la linea di Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia area Dem. Inoltre, dovrebbero essere sostenuti dall’emissione di “green bond” da parte di ciascun Paese. Gli investimenti dovrebbero assorbire il 2,5% del Pil. Al dossier starebbero lavorando Stafano Patuanelli, ministro dello Sviluppo Economico M5S, e Sergio Costa, ministro dell’Ambiente M5S.  

Un contesto positivo per Falck Renewables tra i principai operatori in Italia nel campo della produzione di energia da fonti rinnovabili.

Raccomandazione INTERESSANTE, target price a 4,40 euro. 

Nella tabella di seguito i dati storici (A) e previsionali (E) elaborati da Websim/Intermonte.

 

www.websim.it 

Prezzo alla chiusura di ieri
€ 4,7205
Capitalizzazione
1376 milioni di €
 
a 1 mese
a 3 mesi
a 1 anno
Performance
21,2%
22,7%
114,9%
Performance relativa al mercato
15,7%
6,7%
90,1%