Fatti & Effetti

ELICA: ANALISI FONDAMENTALE

<p>
<strong>FATTO</strong><br />Elica [ELC.MI] è una società leader nel settore del design nell'ambiente cucina. <br /></p><p><strong>I risultati del secondo trimestre 2020</strong><br /></p><p>Le difficili condizioni determinate dal Covid-19 (il me
Alziamo le stime sui ricavi 2020 per includere i buoni risultati del secondo trimestre

FATTO
Elica [ELC.MI] è una società leader nel settore del design nell'ambiente cucina. 

I risultati del secondo trimestre 2020

Le difficili condizioni determinate dal Covid-19 (il mercato delle cappe da cucina ha subito un  calo del -19% a livello globale e del -30% in Europa occidentale) hanno determinato una diminuzione delle vendite nel secondo trimestre e nel primo semestre, rispettivamente del -40% e del - 23% su base annua, a 73 milioni e 184 milioni di euro. Tuttavia, i risultati hanno superato del 5% e del 2% le nostre previsioni. 

Gli stabilimenti italiani di Elica sono rimasti fermi fino alla fine di aprile, quello messicano fino alla fine di maggio. Di conseguenza, nel secondo trimestre le vendite europee sono diminuite del -34%, quelle in America del -64%. Le vendite in Asia sono calate del -38%, con andamenti positivi in Cina e Giappone, che hanno parzialmente compensato la difficile situazione in India. 

Nel segmento della cucina, le vendite B2B sono state maggiormente penalizzate (-50% rispetto al B2C, in calo del -36%) poiché la domanda dagli OEM (produttori di apparecchi originali) è cresciuta più lentamente

Il segmento dei motori è stato più resiliente (-18%), perché gli stabilimenti polacchi sono stati chiusi solo per un breve periodo.

Il controllo dei costi ha tutelato i margini

L'EBITDA è stato ancora positivo, ma nel secondo trimestre e nel primo semestre è sceso rispettivamente del -88% e del - 42% su base annua a 1,3 milioni e 12,2 milioni di euro, un po’ meglio delle nostre attese.

Il forte calo dei volumi è stato solo parzialmente mitigato dall’efficientamento dei costi fissi. 

L'utile netto rettificato è stato negativo (-5 milioni di euro e -2 milioni di euro) a causa del calo dei margini operativi

L'indebitamento finanziario netto a fine giugno ammontava a 86 milioni (contro gli 88 milioni attesi) con una generazione di cassa a -21 milioni.

Indicazioni dal management

Il management prevede, per il terzo trimestre, una nuova crescita del segmento B2C.

Per il quarto trimestre, la visibilità rimane bassa, tuttavia la società ha alzato la guidance. Le vendite nette 2020 sono attese in calo di circa il -15/-17% dal -20% indicato in precedenza. 

Dal punto di vista dei margini, il management è fiducioso di raggiungere la parte alta del consensus, che crediamo sia riflessa nelle nostre stime. 

 

EFFETTO
Le nostre stime

Alziamo leggermente le nostre stime sui ricavi 2020 per includere i risultati del secondo trimestre, che si sono rivelati migliori delle attese.

Tuttavia, le stime sui margini rimangono invariate. Le nostre previsioni sono in linea con quelle del management e includono un taglio dei costi fissi (circa 13 milioni)

Confermiamo il giudizio INTERESSANTE su Elica, con target price a 3,3 euro

Reiteriamo la nostra visione positiva sul titolo, per via dell’atteso miglioramento nel terzo trimestre. 

Confidiamo nell’abilità del management di superare gli ostacoli posti dall’attuale crisi, anche grazie alla rivisitazione dei costi. 

Il nostro target price esprime un multiplo di 13 volte il rapporto fra valore d’impresa ed Ebit stimato per il 2021, in linea con i competitor italiani. 

Nella tabella sottostante le cifre storiche (A) e prospettiche (E) elaborate da Websim/Intermonte


www.websim.it