Strategie Certificates

Certificato Airbag, il doppio scudo che rende e protegge dai crolli dei mercati

<p>Comunicazione di marketing</p><p>Borse europee in rialzo nel tentativo di consolidare il rally della scorsa settimana. Il mercato guarda con ottimismo al possibile allentamento delle restrizioni in alcuni Paesi e al miglioramento dei numeri del co
Il certificate ad Isin DE000VE85VR4 di Vontobel con sottostanti Intesa, Enel e Eni, stacca cedole semestrali del 3,73 euro, 7,4% annuo. Il prodotto offre una barriera del 50%, effetto memoria e opzione airbag che rafforza la protezione a scadenza. Durata tre anni e possibilità di rimborso anticipato.

Comunicazione di marketing

Borse europee in rialzo nel tentativo di consolidare il rally della scorsa settimana. Il mercato guarda con ottimismo al possibile allentamento delle restrizioni in alcuni Paesi e al miglioramento dei numeri del contagio. A dare manforte sono anche le ultime decisioni della Federal Reserve ed i dati incoraggianti sulla ripartenza dell’economia della Cina. Meno impatto sembra avere l’accordo raggiunto giovedì a livello di eurogruppo.

L’Italia è stata tra i primi ad entrare in quarantena ma i dati, anche se abbastanza confortevoli, con un calo netto della crescita dei contagi, dimostrano che il nostro Paese non sarà il primo ad uscirne. Il numero dei positivi al virus è ancora alto. E la ripresa delle attività economiche non accadrà di colpo. Di fatto però si inizia a pensare alla fase 2, la Bce, l’Unione europea e il governo hanno messo in atto un valido piano di sostegno soprattutto per fornire un giusto apporto di liquidità.

Scegliere il timing perfetto per il rimbalzo non è facile. Piazza affari è ancora instabile e non è escluso qualche altro scossone dopo un calo del 41% del Ftsemib da inizio febbraio e un mini rimbalzo del 13%.

Oggi un modo per prendere posizione, con ampia protezione e guadagnare anche in una fase di calo dei mercati senza perdersi un eventuale rimbalzo è possibile attraverso l’acquisto di un certificate con una doppia protezione e barriere profonde.

In questo contesto abbiamo selezionato un prodotto emesso da Vontobel con Isin DE000VE85VR4 e sottostanti tre big di piazza Affari ad alta capitalizzazione Eni, Enel e Intesa. Barriera al 50%, cedole del 7,46% annuo, effetto memoria ed effetto airbag.

Nonostante il crollo dei mercati, le barriere sono ancora molto distanti. Il certificate oggi quota vicino al prezzo di emissione a 99,4 euro. La prima data importante sarà il 10 settembre, data di valutazione per il pagamento della cedola semestrale del 3,73% (il rendimento annuo è pari al 7,46% al lordo delle imposte). Il pagamento delle cedole è condizionato alla tenuta della barriera posta al 50% dal livello iniziale.

In un contesto di taglio o riduzione dei dividendi la forza di questi prodotti è il flusso cedolare che rimane confermato anche in caso le società sottostanti dovessero modificare la politica di remunerazione degli azionisti.

Come si nota dalla tabella di seguito l’incasso della prossima cedola potrebbe essere certo se alla data di valutazione citata tutti e tre i sottostanti quoteranno vicino ai valori attuali.

Nel caso in cui lo scenario dovesse invertirsi occorre però ricordare l’effetto memoria del prodotto, che consente di recuperare tutte le cedole eventualmente non pagate se i tre sottostanti dovessero tornare sopra il livello barriera alle date di valutazioni successive.

Il prodotto ha ancora due caratteristiche molto importanti, che potrebbero aiutare il guadagno dell’investitore: il rimborso anticipato e l’effetto airbag. A questo si aggiunga la scadenza del prodotto, marzo 2023, che ci lascia quindi ancora quasi tre anni di tempo per continuare a guadagnare o per recuperare eventuali cali dei sottostanti (vedi Intesa).

La caratteristica di rimborso del certificato prevede l’abbassamento della soglia per il ritiro. La valutazione viene effettuata semestralmente a partire da settembre 2020 con il livello di rimborso pari al 120% del livello iniziale. A partire poi da marzo 2021 fino a scadenza, la medesima condizione verrà garantita se i tre sottostanti quoteranno sopra al livello iniziale (100%).

Qualora la condizione non sia soddisfatta in nessuna delle date di valutazione, il prodotto continua a quotare fino a scadenza. Durante i tre anni i sottostanti potranno anche dimezzarsi, l’importante è che a scadenza siano sopra la barriera, ma se questo non dovesse succedere arriva una protezione ulteriore per limitare di molto gli effetti negativi: l’effetto airbag.

Nel caso in cui il prezzo di anche solo un sottostante, alla data di valutazione finale, si troverà sotto al suo livello di strike (50%), l’investitore, grazie all’effetto airbag, riceverà un pagamento eguale alla performance del peggior sottostante rispetto alla barriera e non rispetto al livello iniziale come avviene con un certificate non dotato di questa opzione. Spieghiamo con un esempio: se a scadenza il titolo peggiore avrà perso il 52% dal livello iniziale e dunque il 4% dalla barriera il certificate verrà rimborsato a 96 euro (100-4).

I Certificati di Investimento sembrano essere uno strumento ideale per comporre il portafoglio di un cliente: una strategia di investimento a tre anni con un profilo di rischio rendimento molto interessante.

Analisi dei sottostanti

Intesa Sanpaolo: attualmente il target price medio a 12 mesi indicato dal consensus Bloomberg è di 2,29 euro per azione: si tratta del 61% sopra la valutazione attuale del titolo. Quanto alle view, 10 sono gli analisti che raccomandano l’acquisto, pari al 41,7% del totale, altrettanti consigliano di mantenere le azioni in portafoglio e solo 4 suggeriscono la vendita. Nonostante la forte contrazione del Pil dell’Italia e il difficile contesto di mercato andranno a impattare i ricavi delle banche, gli analisti di Bank of America ritengono che Intesa sarà in grado di ammortizzare il colpo.

Per Enel gli analisti prevedono un impatto limitato dall’ondata di coronavirus grazie alla diversificazione e alla solidità del business societario, sempre più orientato sul segmento delle rinnovabili. Al momento l’outlook sul 2020 e sul piano e` confermato con tutte le attivita` a pieno regime, nessun ritardo sostanziale sulla consegna dei materiali e le attivita` di investimento. Gli analisti censiti da Bloomberg riportano 29 raccomandazioni di acquisto, 5 consigli di tenere il titolo in portafoglio e una raccomandazione di vendita con un prezzo obiettivo pari a 7,64 euro.

Eni: anche l’azienda del cane a sei zampe ha superato lo stress test. Gli analisti di Goldman Sachs confermano il titolo tra le loro prime scelte nel settore, richiamando l’attenzione sui successi esplorativi che sono tra i punti di forza del gruppo. A scommettere su Eni sono anche i colleghi di Equita SIM secondo cui la società ha una buona solidità patrimoniale per affrontare la pandemia e una turbolenza dei prezzi degli idrocarburi. Gli analisti censiti da Bloomberg riportano 15 raccomandazioni di acquisto, 10 consigli di tenere il titolo in portafoglio e 7 raccomandazioni di vendita con un prezzo obiettivo pari a 10,95 euro.

Ricordiamo che ogni certificate è esposto al rischio default dell’emittente e nel caso in cui uno dei sottostanti si azzerasse anche il valore del certificate a scadenza si azzererebbe.

Il certificate è caratterizzato da un livello di rischio pari a 4 su una scala che va da 1 a 7. Consigliamo di leggere sempre il Kid e il prospetto informativo reperibili sul sito dell’emittente (clicca qui).

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Comunicazione di marketing