Strategie Certificates

CERTIFICATE - Il Top Bonus su Ferragamo è paziente e generoso

Per i mercati, il risultato delle elezioni politiche è il peggiore tra tutti quelli possibili. Vittoria a valanga delle forze anti Europa ma non così ampia da portare facilmente ad una maggioranza stabile. L’ipotesi di un governo Movimento Cinque Ste
Il certificato a codice Isin DE000HV409K9 è da preferire all’azione, perché in questo momento le eccellenze industriali della società del Lusso sono appannate, ma le dimissioni dell'amministratore delegato potrebbero anticipare un cambio di proprietà...

Per i mercati, il risultato delle elezioni politiche è il peggiore tra tutti quelli possibili. Vittoria a valanga delle forze anti Europa ma non così ampia da portare facilmente ad una maggioranza stabile. L’ipotesi di un governo Movimento Cinque Stelle – Lega, quella che spaventa di più le Borse, resta marginale, ma certo guadagna posizioni rispetto alla settimana scorsa.
 
Visto che l’aumento del rischio politico rende probabile una primavera particolarmente volatile a Piazza Affari, il risparmiatore italiano accorto dovrebbe prendere in considerazione l’eventualità di prendere congedo da tutti i settori del listino milanese più direttamente legati all’economia italiana, come per esempio le banche, o le utility locali.
 
Il settore Lusso invece non tra questi, in quanto di italiano, le maison del Made in Italy hanno solo il passaporto, la maggiore parte dei ricavi arriva dall’estero.
 
Ci sono delle buone occasioni del mondo del fashion quotato a Milano, soprattutto se si prova a coglierle con strumenti derivati, in grado di proteggere l’investimento dai possibili spasmi del listino, sottoposto allo stress post elezioni.


Il certificate Top Bonus Doppia Barriera su Ferragamo è una di queste opportunità. Il codice Isin è DE000HV409K9 [DEHV409K.MI].
Il bonus a scadenza, nel caso migliore, è 116 euro, 107,5 euro nel caso venisse infranta la barriera superiore.
Ai prezzi attuali di acquisto, 95,5 euro, il guadagno è di tutto rispetto in entrambi i casi. La barriera si attiva solo il giorno della valutazione finale, il 17 settembre del 2020. 
 
ferragamoasia.jpgIl certificato su Ferragamo è da preferire all’azione perché in questo momento le eccellenze industriali del gruppo fiorentino sono appannate, il marchio soffre da un paio di anni dei malanni legati all’età: scarsa capacità di cogliere i gusti dei millenials, difficoltà nel raggiungere i clienti attraverso l’online, calo della creatività ed immagine sempre più sbiadita.
 
Non è che la società controllata dalla omonima famiglia sia stata a guardare il declino: due anni fa ha chiamato Eraldo Poletto, artefice in precedenza del successo e dell’internazionalizzazione del marchio Furla, a gestire il rilancio. Ma il manager insediatosi nell’agosto del 2016 non è stato in grado di ottenere in poco tempo buoni risultati: il 2017 è stato un altro volta deludente. Dal 2018 non c’è nulla di buono da aspettarsi, visto che i tempi tecnici del rilancio sono lenti, se va bene, si vedranno gli effetti sul conto economico a fine anno, se va male si passa al 2019.
Ma nuovi scenari si sono aperti alla fine di febbraio, proprio con le inaspettate dimissioni di Poletto, un’uscita che rischia di rallentare ulteriormente la ripartenza.
Dall’altra parte però, la crisi al vertice potrebbe aprire le porte ad un cambio di proprietà. Ferruccio Ferragamo ha detto più volte che non c’è alcuna intenzione di vendere, ma negli ultimi anni molte dinastie industriali italiane, dopo aver giurato di voler restare, hanno ceduto alle lusinghe dei compratori stranieri: i Bulgari, i Marzotto, i Loro Piana, solo per restare in ambito Lusso, hanno passato la mano.
     
Nei prossimi mesi, il titolo potrebbe quindi essere sostenuto dalle ipotesi di di un’offerta in arrivo. Inoltre, se anche non ci fosse un cambio di proprietà, nel medio periodo, potrebbero arrivare gli effetti della riorganizzazione. La via imboccata da Ferragamo, secondo Equita è quella giusta, i frutti matureranno non prima del 2019.
 
Il certificate ha la pazienza che manca alla Borsa, perché le barriere, attive solo alla scadenza, permettono a chi sceglie questa via, di avere meno assilli, rispetto a chi sceglie il titolo.
 
Ferragamo tratta a 22,2 euro, all’incirca sui livelli del primo gennaio, nel 2017 il guadagno è stato modesto, +3%, contro il +29% del Ftse Mib.
 
Il certificate DE000HV409K9 ha due barriere, la prima è a 21,42 euro (-3.5% dai prezzi attuali), la seconda è a 17,85 euro (-19,6% dai prezzi attuali).
Se alla scadenza il sottostante è sopra la prima barriera, il bonus porta ad un guadagno del 21,8%. Se il sottostante è sotto la prima barriera ma è sopra la seconda, il guadagno è del 12,9%.
Se Ferragamo è sotto quota 17,85 euro alla scadenza, si va incontro ad una perdita in conto capitale.


Vai alla scheda del Bonus Cap

Guarda il video

www.websim.it