Strategie Certificates

CERTIFICATE - Elliott e Vivendi litigano, chi sceglie il Bonus Cap gode

Battaglia sulla strategia di Tim [TLIT.MI]. Il Fondo Elliott ha affilato le armi, è salito al 5,74% del gruppo delle Tlc e già fatto pressioni sull’a.d. Amos Genish e al primo azionista Vivendi. Obiettivo, accelerare il piano industriale, scorporare
Il certificate che rende il 16% annualizzato e scommette sulla guerra al vertice per la guida del gruppo delle tlc. Vivendi contro il fondo Elliott, entrambi i contendenti affilano le armi in vista dell'assemblea. Tra i due litiganti, l'investitore gode…

Battaglia sulla strategia di Tim [TLIT.MI]. Il Fondo Elliott ha affilato le armi, è salito al 5,74% del gruppo delle Tlc e già fatto pressioni sull’a.d. Amos Genish e al primo azionista Vivendi. Obiettivo, accelerare il piano industriale, scorporare la rete, tornare presto alla distribuzione del dividendo.

Da metà febbraio a metà marzo il titolo ha guadagnato il 23% per poi perdere il 9,4% in dieci sedute.  Gli investitori e gli analisti scommettono sul fatto, che se il fondo Elliott volesse essere più incisivo, dovrebbe arrotondare le quote, magari portale al 10%. Dovrebbe inoltre  trovare la sponda di qualche altro azionista di minoranza, in modo da aumentare le pressioni.

In questo scenario rappresenta una buona opportunità il Bonus cap emesso da Unicredit con Isin DE000HV4002E7 [DEHV402E.MI].

Oggi il certificate passa di mano a 100 euro e a scadenza, fissata il 20 dicembre 2018 verrà ritirato a 112 euro se il sottostante, Telecom Italia, da qui alla  scadenza, non avrà mai toccato la barriera posta a 0,5705 euro . Per toccare la barriera significa che Telecom, dalle attuali quotazioni, deve perdere il 25%.

Se l’investimento va a buon fine, il certificate rende il 12% in 9 mesi pari al 16% annualizzato.


Crediamo che le possibilità che Telecom Italia  a scadenza si troverà sopra il livello di barriera siano elevate. Nel caso negativo ricordiamo il funzionamento del certificate, appena toccata la barriera il certificate si muoverà replicando l’andamento del sottostante e alla  scadenza verrà ritirato a 100 euro meno la distanza percentuale dal prezzo iniziale fissato a 0,815 euro e il sottostante. Se ad esempio Telecom Italia  dovesse trovarsi appena sotto alla barriera il certificate verrebbe ritirato appena sotto ai 70 euro.
 
Non siamo gli unici ad essere ottimisti sul sottostante. Su  33 analisti censiti da Bloomberg prevale l'ottimismo: 19 consigliano di acquistare il titolo e 12 di tenerlo in portafoglio, il restante di venderlo.  Il prezzo obiettivo medio è di 1,00 euro ovvero quasi il doppio del livello di barriera e il 31% sopra le attuali quotazioni.

Sullo sfondo questi saranno giorni decisivi. Il 22 marzo, 7 membri del CdA di Telecom Italia hanno presentato le proprie dimissioni, insieme a quelle, attese, di Giuseppe Recchi. In questo modo, essendosi dimessa la maggioranza del consiglieri (8 su 15) l’intero board decade; l’assemblea straordinaria per il rinnovo è stata fissata il prossimo 4 maggio, il prossimo 9 aprile è il termine per presentare le liste. La decisione di Vivendi di far decadere il board è una contromossa difensiva che era stata preventivata dalla stampa.  Vivendi presenterà una sua lista di 10 candidati (con Genish come a.d.) che, se verrà battuta nelle votazioni, consentirà comunque la nomina di 5 consiglieri (eletti in questo caso come lista di minoranza).

D’altro canto Elliott dovrà studiare il modo migliore per trovare il pieno appoggio dei fondi, Dal nostro punto di vista, l’attuale incertezza può continuare ad alimentare l’appeal speculativo del titolo, in quanto Elliott potrebbe dover incrementare la sua quota per garantirsi la vittoria in assemblea.

Clicca qui per vedere un video esplicativo

Clicca qui per la scheda del prodotto

 
www.websim.it
www.websimaction.it