ETF

BUND TEDESCO - Caccia ai beni rifugio, rendimenti ai minimi storici

<p style="margin-top: 3px;font-family:-apple-system, BlinkMacSystemFont, Segoe UI, Roboto, Helvetica, Arial, sans-serif, Apple Color Emoji, Segoe UI Emoji, Segoe UI Symbol; font-size: 13px">L'avversione al rischio scatenata dalle continue lungaggini
Come proteggere il portafoglio obbligazionario da un brusco rialzo delle tensioni anche con strumenti a leva ...

L'avversione al rischio scatenata dalle continue lungaggini sulle trattative Usa/Cina e dal rilancio di Trump (maggiori dazi sull'import dal Messico) stanno sollevando un polverone sui mercati finanziari: vendite massicce su azioni e commodity, acquisti altrettanto massicci sui tradizionali beni rifugio. La fotografia al termine del quinto mese:

L'Oro si avvicina ai 1.300 dollari l'oncia, da inizio 2019 +3,7% in Euro; 
Lo Yen giapponese oscilla sui massimi dal 2016, +3,5% da inizio 2019 contro Euro;  
Il Bund decennale tedesco presenta un rendimento di -0,21%, nuovo minimo storico, +3% da inizio 2019; 

Nel 2018 il Bund decennale aveva guadagnato l'1,2%, una delle performance migliori della zona euro a livello di obbligazioni. Oltre alla guerra commerciale, ci sono quattro forze che operano contemporaneamente a sostegno degli acquisti di bund tedeschi:

1) rallentamento della crescita dell'economia tedesca e bassa inflazione in Europa; 
2) le incertezze sul futuro esecutivo che governerà la zona euro. I populisti non hanno vinto, ma sono cresciuti e metteranno forte pressione alle istituzioni di Bruxelles;
3) I contenuti del nuovo Tltro. Forse nella riunione del 6 giugno emergerà qualche dettaglio in più. Le ultime indiscrezioni segnalano che le condizioni di finanziamento alle banche saranno meno attraenti del precedente Tltro. Il governatore della banca centrale francese ha detto che “la BCE ha bisogno di tempo per valutare l’impatto dei tassi negativi” lasciando aperta la possibilità di un rinvio oltre il 6 di giugno per la definizione dei dettagli;
4) Incognite sul successore di Mario Draghi alla guida della Bce. Il mercato teme la nomina di un super falco, per esempio Jens Weidmann, numero uno della Bundesbank. 

Dal punto di vista grafico, a partire dal dicembre 2018, ovvero da quando la Fed ha fatto una inversione a U sulla politica monetaria cominciando a parlare di taglio del costo del denaro, si è rafforzata la tendenza al ribasso dei rendimenti in tutto il mondo.  In particolare, sui governativi dei Paesi più virtuosi come la Germania, si è arrivait a lambire i minimi record di due anni fa.   



Operatività. Websim considera gli attuali rendimenti poco attraenti in ottica di lungo periodo e un'ottima occasione per vendere in ottica di trading. Un eventuale stop loss si potrebbe collocare in caso di discesa sotto -0,30% di rendimento. In direzione opposta, un ritorno sopra la soglia discriminante dello 0,0% rappresenterebbe un segnale di riequilibrio importante. Ci sono diversi strumenti che consentono di intervenire in ottica speculativa o di lungo periodo. 

Per puntare, in ottica speculativa, sul rialzo dei rendimenti del Bund tedesco si può investire nei seguenti strumenti a leva:

Boost Bund 10y Short 3x Daily
Isin: IE00BKS8QN04
[3BUS.MI]
Da inizio anno: -13%

Boost Bund 30y Short 3x Daily
Isin: IE00BF4TW453
[3UBS.MI]
Da inizio anno: -25%

Obiettivo degli strumenti è quello di replicare con leva 3 l'andamento inverso dei future Bund a 10 e 30 anni. Ad esempio, nel caso il future Bund salga dell’1% in un giorno, allora l’ETP 3X scenderà del 3%; nel caso in cui il future Bund scenda dell’1% in un giorno, allora l’ETP 3X salirà del 3%. Non ci sono a disposizione strumenti sulle scadenze temporali più brevi.

Per puntare, in ottica speculativa, sul ribasso dei rendimenti del Bund tedesco si può investire nel seguente strumento a leva:

Boost Bund 10y Leverage 3x Daily
Isin: IE00BKT09255
[3BUL.MI]
Da inizio anno: +13,3%

Obiettivo dello strumento è quello di replicare con leva 3 l'andamento dei future Bund a 10 anni. Ad esempio, nel caso il future Bund salga dell’1% in un giorno, allora l’ETP 3X salirà del 3%; nel caso in cui il future Bund scenda dell’1% in un giorno, allora l’ETP 3X scenderà del 3%.

Per investire sui Bund tedeschi in ottica di medio/lungo termine è disponibile il seguente ETF: 

Xtrackers II Germany Government Bond 7-10 Swap UCITS
Isin: LU0730820569
[XG71.DE]
Da inizio 2019: +3,6%

Obiettivo dello strumento è replicare la performance dell'indice IBOXX EURO GERMANY 7-10 anni. A sua volta, l'indice riflette l'andamento di alcuni titoli di debito (bonds) denominati in Euro emessi dal Tesoro tedesco con durata tra 7 e 10 anni. 

www.websim.it