Strategie Certificates

Black Friday & Maxicedola in arrivo: fuochi d’artificio a fine anno per il prodotto di Goldman Sachs

<p style="box-sizing: border-box; margin-bottom: 1rem; line-height: 1.75; color: #212529; font-family: WorkSans, sans-serif; font-size: 16px">Comunicazione di marketing</p><p style="box-sizing: border-box; margin-bottom: 1rem; line-height: 1.75; colo
Il Maxicedola con Isin JE00BKYRSP79 punta su Amazon, IBM, e Microsoft. Il prodotto oggi quota lievemente sopra la pari a 1047 euro. Aspetto di massimo interesse è il maxipremio condizionato pari al 10%, con valutazione al 30 novembre (pagamento 07/12) che sarà staccato se i tre sottostanti non perderanno oltre il 30% dal livello iniziale. Il maxipremio è compensabile con minus in portafoglio

Comunicazione di marketing

Conto alla rovescia per l’evento dello shopping più atteso dell’anno: il Black Friday 2020, tutto giocato alla portata di click. Anno particolare infatti per gli acquisti sfrenati a prezzi stracciati che, causa lockdown, non vedranno una corsa ai negozi nel venerdì degli affari da urlo, bensì una corsa alla poltrona.

Il venerdì nero dedicato ai saldi, che dagli Stati Uniti è entrato ormai da qualche anno a far parte della tradizione italiana, sarà quindi motivo di incassi record e nuovi massimi per i colossi del cloud e dei software del mondo tech?

Se facciamo un confronto con lo scorso anno, ricordiamo come Amazon, il numero uno occidentale delle vendite online, fece bingo a Wall Street tra il giorno del ringraziamento e il Cyber Monday.

Cosa aspettarci quindi dal digitale se non un ulteriore boost, per il settore dalle uova d’oro del 2020?

Le abitudini dei consumatori sono cambiate radicalmente durante la pandemia e molti analisti di settore affermano che l’orientamento verso l’online potrebbe non essere solo una necessità del momento, bensì un cambiamento permanente. Ne consegue che, se gli acquirenti si sono affezionati allo shopping digitale, i rivenditori devono rapidamente adattarsi.

“Entrando nel mondo Covid, il consumatore è diventato più digitale”, ha affermato Steve Sadove, consulente senior di Mastercard ed ex amministratore delegato di Saks Inc. Secondo un nuovo sondaggio di Mastercard SpendingPulse infatti, l’e-commerce interesserà un dollaro su cinque speso negli Stati Uniti durante le festività natalizie. Il prospetto parla di un aumento pari al 14% delle vendite anno su anno, evidenziando quanto sia diventato centrale lo shopping online nel difficile anno della pandemia.

Per la corsa agli acquisti da mettere sotto l’albero lo studio sopracitato prevede un aumento del 35% solo nel periodo che va da metà ottobre alla vigilia di Natale. Vediamo come, se per l’anno dei lockdown la domanda digitale è prevista alle stelle, già nel 2019 il colosso dallo smile arancione, nato dalla mente di Jeff Bezos, fece il botto tra novembre e dicembre: qui l’articolo in cui ne parlavamo.

Lo scenario che ci si presenta verso la dirittura d’arrivo di questo 2020 non finisce quindi di stupirci e per i titoli del tech e del cloud, la corsa è ancora lontana dalla fine, soprattutto se il brindisi natalizio sarà accompagnato da un maxicedolone con data di pagamento prevista al 7 di dicembre.

Il prodotto emesso da Goldman Sachs infatti, un Maxicedola con Isin JE00BKYRSP79 punta proprio su tre big della tecnologia: Amazon, il driver dello shopping online e del cloud, IBM, la pioniera dell’informatica e dell’intelligenza artificiale e il colosso dei software Microsoft. Il certificate oggi quota sopra la pari a 1047 euro.

Aspetto di massimo interesse è il maxipremio condizionato pari al 10%, con data di valutazione al 30 novembre e pagamento al 7 di dicembre, che sarà staccato se i tre sottostanti non perderanno oltre il 30% dal livello iniziale (barriera al 70% dei livelli di strike). A partire da aprile con cadenza trimestrale, il prodotto passerà poi a cedole condizionate dell’1,25% (5% p.a. al lordo delle imposte) con barriera sempre al 70%. Il prodotto gode dell’effetto memoria e avrà scadenza naturale a novembre 2024 ma, da aprile, offre la possibilità di rimborso anticipato se i tre titoli quoteranno ad un valore eguale o superiore a quello iniziale.

Abbiamo parlato delle caratteristiche del prodotto nell’articolo dell’11 novembre.

Ricordiamo come l’investitore, in caso di rimborso anticipato (con pagamento a 1000 euro) incasserebbe, in soli cinque mesi, il 10% di maxicedola e una cedola trimestrale (1,25%), totalizzando così, in meno di un semestre, il 6,2% di guadagno al prezzo attuale del prodotto (1047 euro). Ricordiamo inoltre che il maxipremio è compensabile con eventuali minusvalenze in portafoglio.

Vediamo come, ai livelli attuali, i tre sottostanti siano ampiamente distanti dal livello di barriera.

Il Certificate è soggetto ad un livello di rischio pari a 5 su una scala da 1 a 7.

L’investitore è esposto anche al rischio default dell’emittente e alla perdita totale del capitale investito, in caso di azzeramento del valore di uno dei sottostanti.

La presente comunicazione non integra in alcun modo consulenza – nemmeno generica – o ricerca in materia di investimenti, non è stata preparata conformemente ai requisiti giuridici volti a promuovere l’indipendenza della ricerca in materia di investimenti e non è soggetta ad alcun divieto che proibisca le negoziazioni prima della diffusione della ricerca in materia di investimenti.

Ricordiamo, prima dell’adesione di leggere attentamente il prospetto di base, ogni eventuale supplemento, la nota di sintesi, le condizioni definitive e il documento contenente le informazioni chiave (KID) e, in particolare, le sezioni dedicate ai fattori di rischio connessi all’investimento, ai costi e al trattamento fiscale relativi ai prodotti finanziari ivi menzionati reperibili sul sito dell’emittente: clicca qui.

Comunicazione di marketing