Fatti & Effetti

BANCA SISTEMA: ANALISI FONDAMENTALE

<p><strong>FATTO</strong><br />Banca Sistema [BSTA.MI] è attiva nel settore del factoring, del recupero crediti, e offre anche una gamma completa di servizi bancari. Con il brand "ProntoPegno", opera nel business del credito su pegno. <br /></p><p><s
Confermiamo il nostro giudizio INTERESSANTE, portiamo il target price a 2,50 dai 2,40 precedenti...

FATTO
Banca Sistema [BSTA.MI] è attiva nel settore del factoring, del recupero crediti, e offre anche una gamma completa di servizi bancari. Con il brand "ProntoPegno", opera nel business del credito su pegno. 

Commento ai risultati del secondo trimestre

Banca Sistema ha archiviato il secondo trimestre con risultati solidi. Il margine di interesse (NII Net interest income) è stato guidato da maggior interessi di mora (LPI) del factoring, pari a 6,5 milioni contro i 3,4 milioni del primo trimestre, conseguiti grazie alle cause legali. 

Gli LPI sono aumentati grazie all'incremento della componente accrual (ovvero quanto la banca si aspetta di ottenere in termini di interessi di mora) arrivata a 2,5 milioni, rispetto alla cifra di 1,2 milioni del primo trimestre, ed extra collections (la parte eccedente dell'accrual rispetto l'incasso effettivo) pari a 4,1 milioni, contro i 2,2 milioni del primo trimestre. A questo si aggiunge un minore costo del funding 

Nel trimestre sono diminuite le Fees, principalmente a causa del minor contribuito del business del factoring. 
Nel periodo, i proventi del trading e i dividendi sono cresciuti trimestre su trimestre, nonostante i primi tre mesi dell'anno si fossero conclusi con un guadagno pari a 1,3 milioni di euro grazie alla vendita del portafoglio factoring (0,3 milioni nel secondo trimestre).

I costi operativi sono stati pari a 11,4 milioni di euro, in linea con le nostre attese, mentre il costo del rischio è cresciuto di 42 punti base, a causa dell'aggiornamento del modello determinato dall'emergenza sanitaria. 

L'utile netto, pari a 7,5 milioni di euro, è stato rafforzato da un guadagno in conto capitale pari a 1,1 milioni di euro, generato dalla vendita del 25% delle azioni di ProntoPegno ad una fondazione bancaria. 

Il CET1Ratio è aumentato del 13,7% trimestre su trimestre, mentre la percentuale pro-forma, che include l'acquisizione del ramo di Intesa, ammonta all'11,7%. 

Remunerazioni agli azionisti

In relazione alle nuove raccomandazioni della Banca Centrale Europea, che suggeriscono la sospensione della distribuzione del dividendo, il cda di Banca Sistema ha deciso di discuterne durante la prossima assemblea generale, che dovrà essere convocata fra il 1° e il 30° novembre 2020. 

I 7,5 milioni di dividendi calcolati sul 2019, e approvati dall'assemblea, ora sono classificati sotto la voce altre passività, e quindi non sono inclusi nel CET1 capital. 

Il ramo di Banca Intesa

Banca Sistema ha acquistato il ramo di Intesa Sanpaolo relativo al prestito su pegno. L'operazione dovrebbe generare un contributo positivo nel secondo trimestre 2020. 
Si tratta di un incremento di circa 5,4 milioni sui ricavi, ovvero 9 milioni all'anno, 50% in margine di interesse (NII) e 50% in Fees. I costi operativi saranno pari a 1,9 milioni, ovvero 3,8 milioni all'anno. Questi numeri sono in linea con le nostre previsioni e già incorporati nelle nostre stime. 

EFFETTO
Spunti dalla conferenza telefonica

L'amministratore delegato non ha escluso che il Net interest income 2020 possa chiudere piatto su base annua.
Inoltre, il management ha chiarito che non ha intenzione di emettere bond. Il costo del rischio dovrebbe presentarsi in linea con il livello attuale

Stime

Abbiamo modificato le nostre stime sull'utile per azione 2020-21-22, rispettivamente del 7%, 2%, 2%, per considerare un miglioramento delle entrare da tranding, minori costi del lavoro e un incremento di 2 punti base del costo del rischio. Abbiamo rivisto le nostre stime sul CET1, inclusa l'acquisizione del ramo d'intesa. 

Confermiamo il nostro giudizio INTERESSANTE, portiamo il target price a 2,50 dai 2,40 precedenti. 

Reiteriamo la nostra visione positiva sul titolo, perché i multipli correnti non riflettono la futura profittabilità e la solidità del capitale. Inoltre, nel 2021 la remunerazione degli azionisti potrebbe essere attraente. 

Nella tabella sottostante i dati storici (A) e prospettici (E) elaborati da Websim/Intermonte 


www.websim.it